Tappi elettronici amplificati CENS

Arrosto girato (Toscana)

Arrosto girato d’uccellini alla Gun

Copyright
Francesco Fioravanti
Castelfiorentino (FI)

Girarrosto

Elettrico o batterie non fa’ differenza, per chi se la sente, và bene anche il movimento manuale, (io, da piccolo, l’ ho fatto per anni) e’ necessario però che la velocità dei motorini sia lenta e costante, e, se possibile, che il motore possa invertire la rotazione.

Schidioni

Sottili, con la punta ben acuminata per non lacerare la carne tenera dei volatili. La lunghezza varia chiaramente in base alle dimensioni del girarrosto.

Legna

Preferibile ulivo, quercia e/o leccio, scopa, per i cultori dell’ aroma, mix con cipresso.
I rami e i pezzi non devono essere troppo grossi, al massimo del diametro di 5 cm. E’ necessario procurarsi anche un bel sacco di cenere.

INGREDIENTI:

* Brodo:
o Una tazza di brodo di carne di manzo.
* Pane
o 3/4 Filini di lusso
* Maiale
o 1Kg/ 2 Kg di maiale nel taglio chiamato “scamerita” è la carne della parte alta della spalla del suino. Deve essere morbida e saporita,leggermente venata di grasso.
* Uccelli:
o Niente che sia + grande di una cesena. Tordi e sasselli, fringuelli, lodole e altri uccelli consentiti…….. E’ consigliato, per una cottura uniforme, mettere al fuoco uccelletti della solita specie, e/o della solita dimensione. Se ciò non fosse possibile, sistemare su schidioni diversi gli uccelli + grossi in modo da poter diversificarne in seguito la cottura.
* Sale, Pepe, Salvia
* Olio:
o OLIO EXTRA VERGINE D’ OLIVA TOSCANO.
p.s.
usare una fiaschettina con foro molto piccolo , in modo che ne esca appena un filo.

Preparazione fuoco

Tutta la legna deve bruciare per almeno un’ ora. Togliere eventuali tizzoni e distendere la brace uniformemente su tutto il piano del girarrosto,
creando dei piccoli rilievi in corrispondenza degli schidioni, quindi coprire il tutto con un massiccio strato di cenere.
Questo si rende necessario per tenere vivo il fuoco sotto, e contemporaneamente mantenere una temperatura + bassa all’ esterno, in modo che gli spiedini cuociano molto lentamente.

Preparazione spiedini e cottura

Spennare, pulire (non lavare ), e vuotare dell’ interiora tutti gli uccelli ( escluso i piccoli) e togliere le zampette.
In seguito passare alla fiamma per togliere le piume rimaste. Inserire all’ interno dell’ addome svuotato un fiocco di salvia, del sale e del pepe,( ci sta benissimo anche un tocco di maiale) Poi incrociare le coscette a mò di chiusura per non far sì che il ripieno esca durante la cottura. Salare e pepare quanto basta. Tagliare i filini di pane e preparare dei crostini non molto fini (1,5 cm. ) quindi bagnarli leggermente nel brodo, salare e pepare quanto basta.
Tagliare il maiale a pezzi non molto grandi (4/5 cm. di lato) salare e pepare quanto basta.
Infilare per primo un cantuccio di pane a chiudere la parte iniziale e finale dello spiedino, quindi in alternanza, posizionare maiale, uccello, pane e foglie di salvia e cosi’ via, fino a richiudere con un altro cantuccio di pane. Non accostare troppo i vari ingredienti, altrimenti si rischia
di non farli cuocere bene. Una volta riempiti gli schidioni, sistemarli sul fuoco e attivare immediatamente il moto del girarrosto.
Abbiate l’ accortezza di mettere al centro del girarrosto i pezzi piu’ grossi laddove si concentra maggior calore. Per controllare che la temperatura sia giusta, basta mettere un mano sulla brace, all’ altezza degli spiedini, il calore deve essere sopportabile per almeno 5 secondi.
Ogni 15 minuti, se il motorino lo consente, variare la rotazione e dare un’ oliatina con la fiaschettina ,oppure usare un “pennello” di rosmarino imbevuto d’ olio.
La cottura va’ da un mimimo di 2 ore e mezza a un massimo di 3/ 4 ore. Dipende chiaramente anche dalle dimensioni degli uccelli.
Per il gran finale, a cottura terminata, dare una bella sterzata al fuoco e far rosolare un minuto il tutto, dopodiche’ annaffiare con una goccia di Brandy.

L’ arrosto alla Gun e’ pronto.
Buon Appetito.