Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

LIPU SI OCCUPA ANCHE DI PESCI

| 21 dicembre 2017 | 2 Comments

pescilogo-lipu[1]

Pesca: Lipu chiede al Parlamento Ue di salvaguardare le specie

“Una pesca realmente sostenibile per l’ambiente e per la biodiversità marina”.

Lo chiede la Lipu-BirdLife Italia insieme a tutte le associazioni partner di BirdLife Europa in vista del decisivo voto che si terrà all’Europarlamento a inizio 2018 in materia di pesca. “Ci spiace dire che il regolamento votato nelle scorse settimane in Commissione pesca del parlamento europeo, col voto decisivo del gruppo socialista di cui fa parte l’europarlamentare del PD Renata Briano, è stato pessimo – sottolinea Fulvio Mamone Capria, presidente della Lipu-BirdLife Italia – Nessuna delle proposte avanzate dalle associazioni per la protezione della natura è stata accolta, pur trattandosi di misure ragionevoli, in grado di ridurre gli impatti devastanti della pesca intensiva su delfini, balene, tartarughe marini e uccelli marini”.

Il problema delle catture accidentali di mammiferi e uccelli nei mari europei è drammatico: 200mila sono gli uccelli vittime ogni anno In Europa delle reti da pesca calate dai pescherecci, appartenenti a specie come uria, gazza marine, moretta codona e orco marino, oltre alla berta delle baleari, una specie a rischio di estinzione e catturata accidentalmente in Spagna, Francia e Portogallo.

Eppure le soluzioni presentate alla Commissione Pesca dalle associazioni per ridurre in modo significativo il problema, esistono e sono ragionevoli: dai dispostivi acustici di dissuasione collocati sulle reti (una proposta particolarmente e incredibilmente osteggiata in particolare dall’onorevole Briano) all’uso di luci che allertano mammiferi, tartarughe e uccelli sulla presenza di reti; da semplici accorgimenti come la riduzione della lunghezza delle reti all’uso di reti verticali che affondano velocemente nell’acqua e riducono i rischi di “by catch” (cattura accidentale) per gli uccelli. I regolamenti approvati in altri paesi del mondo hanno portato a risultati molto positivi, come per esempio in Sudafrica, dove gli albatross uccisi per colpa della pesca a strascico del nasello si sono ridotti del 99%; o in Namibia, dove oggi tutti i pescatori praticano una pesca usano metodi che proteggono la biodiversità, o in Perù, dove le tartarughe marine vittime del “by catch” si sono ridotte del 64%, con un metodo che è attualmente in fase di test anche in Europa. Nel nostro continente non mancano le buone intenzioni: una task force, in collaborazione coi pescatori, sta testando alcune soluzioni ai problemi creati dalle reti Gill net (reti a imbrocco) e dalla pesca devastante coi palamiti. “Auspichiamo – conclude il presidente Mamone Capria – che i nostri europarlamentari, nel voto di gennaio previsto in plenaria al Parlamento europeo, votino in modo da dare protezione alla biodiversità marina, mettere insieme le esigenze della pesca con quelle volte a salvaguardare lo stock ittico ed evitare la cattura accidentale di uccelli e mammiferi. Il tema deve diventare una priorità dell’Europarlamento e degli stati nazionali, anche in coerenza con gli obiettivi europei di ridurre la perdita di biodiversità”.

http://www.lipu.it/news-natura/conservazione-fauna/11-conservazione/1146-pesca-lipu-chiede-al-parlamento-ue-di-salvaguardare-le-specie

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Tags:

Category: .In Evidenza, Lipu

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ferdinando Ratti scrive:

    Nessuna delle proposte della Lipu,sono state prese in considerazione dal parlamento europeo?????
    In questo modo si vede la considerazione che hanno i parlamentari europei di quanto propone questa associazione!!!
    I nostri governanti dovrebbero prendere esempio da quelli europei!!

    • Peter scrive:

      I nostri cari politicanti per una voto si venderebbero pure la madre; ergo quando prenderanno esempio da quelli europei? Il giorno del poi e l’anno del mai. A voler fare i primi della classe finiscono per non fare nulla, cose completamente errate o che non stanno ne in cielo ne in terra.

Leave a Reply


+ 8 = 14

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.