Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

COMUNICAZIONI PERIODICHE AIW 07/12/2017 e 10/12/2017

| 11 dicembre 2017 | 0 Comments

wilderness

 

COMUNICAZIONI PERIODICHE AIW

Murialdo, 7 Dicembre 2017

1. In merito alla notizia del Comune di Urbe che vorrebbe essere annesso al Parco Regionale del Monte Beigua, ed al tentennamento della Regione Liguria, è il caso di precisare che la questione si deve al fatto che ad opporsi all’annessione sono soprattutto i cacciatori e proprietari privati dei suoli, ma anche che il desiderio di entrare nel Parco non nasce da veri e sinceri interessi di salvaguardia ambientale, quanto da quello dell’amministrazione comunale di poter poi godere di finanziamenti regionali a scopo turistico.

2. L’opposizione ai tagli forestali nella Foresta di Bialowieza da parte di un gruppo di cittadini sembra che abbia conseguito una prima vittoria, nel senso che la Corte di Giustizia dell’Unione europea ha deciso che se i tagli non cesseranno, la Polonia dovrà pagare un’ammenda di 100.000 euro al giorno. Il Governo polacco avrebbe promesso la cessazione dei tagli, ma pare che poi non siano stati fermati. Non si capisce se la foresta è di proprietà dello Stato o meno e se c’è stata una violazione degli impegni presi con l’Europa, che un certo prelievo forestale prevede. In ogni modo, quale che sia, il problema è se l’Unione europea ha questo potere di veto senza prevedere un indennizzo a chi cessando i tagli subirà un danno economico (lo Stato polacco? Le ditte appaltatrici?). Una cosa del genere nei famigerati Stati Uniti d’America non sarebbe mai stata possibile! Forse è tutto legittimo, ma c’è da chiedersi quanto sia giusto!

3. Dal paese di Villa Minozzo (Reggio Emilia) è giunta voce di un aggressione di lupo, fortunatamente sventata dall’aggredito, a colpi di badile. Sono stati trovati peli e sangue sul posto. C’è solo da stabilire se si trattava di lupo, come sostiene l’aggredito, o di cane come certamente cercheranno di sostenere i ricercatori lupofili.

4. Sul quotidiano La Repubblica del 23 novembre è apparso un interessante articolo sul problema politico-ambientalista creatosi con il cambio della guardia ai vertici dello Zimbabwe. Il regime di Robert Mugabe non è stato certamente un buon capo per il suo paese, ma almeno lo è stato per la gestione dei Parchi e della fauna, scrivono nell’articolo, tanto che gli elefanti sono passati dai 4.000 agli inizi del novecento, agli 83.000 di oggi, divenendo così un problema per la salvaguardia ambientale e per l’agricoltura. Secondo gli esperti, tra i quali il consulente italiano Marco Pani (co-fondatore e Socio Onorario dell’AIW), la popolazione andrebbe ridotta a 50.000 capi per avere una sopportabilità ambientale, così facendo producendo benefici per tutti, comprese le comunità locali. In pratica egli propone una “caccia di conservazione”. “In quest’ottica, la fine della sospensione delle importazioni dei trofei di caccia dallo Zimbabwe agli Stati Uniti, proposta da Donald Trump e poi congelata per le critiche ricevute, potrebbe rivelarsi provvidenziale per gli animali stessi. La caccia di conservazione è infatti un’attività controllata e non incide sulla sopravvivenza della specie”, ha scritto La Repubblica.

5. A Mignano Monte Lungo (Caserta), Franco Zunino e Raffaele Cortellessa hanno potuto incontrarsi con il tecnico addetto alla realizzazione di un DVD sull’Area Wilderness Monte Cesima al fine di programmarne la realizzazione in tempo per una sua presentazione durante la cerimonia di inaugurazione del restaurato Castello di Ettore Fieramosca.

Murialdo, 10 Dicembre 2017

1. Il Segretario Generale ha effettuato un sopralluogo al sito del nuovo depuratore di Pescasseroli, avendo così conferma del grande valore ambientale e paesaggistico del luogo, oltre a quello di essere uno dei terreni rurali del Senatore Erminio Sipari fondatore del Parco d’Abruzzo, primo Parco d’Italia, per la difesa dei quali l’AIW si sta impegnando.

2. Sempre il Segretario Generale ed il Presidente della Sezione Valle del Sangro “Lillino” Finamore si sono incontrati con l’ex Sindaco di Gioia dei Marsi, battagliero personaggio locale difensore del mondo rurale abruzzese e, indirettamente, dell’Orso marsicano, prefigurando eventuali future collaborazioni per questi fini.

3. Secondo le ultime notizie di stampa, pare che il 2017 sia stato l’anno più caldo degli ultimi 200 anni (1800), ed il più siccitoso degli ultimi 70 anni (1945). Se ciò è vero, come pare, com’è possibile addossare la colpa all’uomo ed alle sue attività, se nel primo caso si era ancora a livelli pre-pre industriale e nel secondo caso almeno in un pre-industriale non di grande impatto atmosferico? Ovvio che all’epoca le spiegazioni dovevano essere diverse, e certamente non legate all’attività umana; cosa che dovrebbe quanto meno far sorgere dubbi su quelle che sono ritenute le certezze di oggi. Non è che dietro al tentativo di addossare all’uomo tali responsabilità ci siano i tanti progetti (miliardi di dollari/euro!) che la politica dei poteri forti del mondo intero può far investire in progetti mirati a rimediare agli ipotetici “danni dell’uomo” di cui, appunto, non c’è certezza assoluta? E se fosse invece più semplicemente colpa del Padreterno (leggasi processi universali e/o solari)? Certo, ai politici questo non interessa né interesserà, specie dopo che i soldi sono stati fatti girare! Negazionismo a senso unico?

4. Si è appreso con soddisfazione che Vittorio Sgarbi, Presidente onorario dell’AIW, è stato nominato Assessore regionale ai Beni Culturali della Sicilia. La sua prima dichiarazione è stata che si impegnerà per l’abbattimento di molti progetti eolici realizzati in quella Regione, alcuni anche con la complicità e/o l’interesse della mafia. Auguri al nuovo Assessore, con la speranza che la politica non ne freni gli intenti!

5. Sono scattati i primi provvedimenti di Trump contro le decisione (alcune riprovevolmente in ritardo!) di Obama. Due Monumenti Nazionali nello Utah sono stati drasticamente ridotti di estensione. Uno del 50% e l’altro dell’85% (un totale di quasi 800.000 ettari!), con la sola designazione di pochi settori. Purtroppo, decisioni similari sono in attesa per altre 25 aree protette similari (Monumenti Nazionali) la cui designazione è di stretta competenza presidenziale. Gli ambientalisti si stanno opponendo anche nelle sedi giudiziarie, dove sarà valutato sì il fatto che tale autorità consente al Presidente la tutela di aree federali senza il consenso del Congresso, ma solo entro certi limiti di estensione (va detto, ampiamente superati da Obama), ma anche si dovrà chiarire se il Presidente ha o meno il potere di revocarli, che secondo alcuni giuristi non avrebbe mentre potrebbe solamente modificarne i confini.

6. Sembra sempre più realistica la possibilità che sia presto designata un’Area Wilderness sul Monte Carmo, tra i Comuni di Giustenice e di Magliolo (Savona).

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: wilderness

Leave a Reply


5 + = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.