Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

TOSCANA : OBIETTIVO ERADICAZIONE CINGHIALE

| 28 settembre 2017 | 4 Comments

Agricoltori al collasso, si chiedono più abbattimenti

Le associazioni di categoria degli agricoltori in provincia di Arezzo segnalano la gravissima situazione relativa ai danni causati dai cinghiali e dai caprioli e chiedono con urgenza maggior collaborazione ai cacciatori

“Ci aspettavamo un numero di abbattimenti sicuramente superiore, in grado di rendere la legge obiettivo realmente capace di diminuire i danni alle nostre coltivazioni, ma purtroppo, così non è stato”. Questo è quanto dichiarato dalle tre associazioni agricole della Provincia di Arezzo, Confagricoltura, Cia e Coldiretti, secondo quanto riferito dal quotidiano La nazione. “La situazione per gli agricoltori diventa sempre più insostenibile”, si legge nell’articolo, “oltre a dover combattere con crisi economica e calamità naturali, si ritrovano con interi raccolti andati distrutti a causa di cinghiali, caprioli e daini, registrando ulteriori danni economici. Le nostre aziende sono al tracollo – continuano le tre associazioni agricole – a questo punto vogliamo avere un quadro dettagliato, area per area, degli abbattimenti; stiamo registrando danni sensibilmente superiori al passato”.
“Addirittura”, prosegue l’articolo, “ci risulta che, in alcune zone della nostra Provincia, le squadre dei cacciatori di cinghiali si stiano rifiutando di intervenire ad abbattere gli ungulati (nonostante le richieste di intervento da parte degli organi preposti) perché minacciati da altri cacciatori, che portano avanti un vero e proprio boicottaggio. Non ne capiamo le motivazioni – incalzano Confagricoltura, Cia e Coldiretti – ma sarebbe questo un fatto gravissimo, da perseguire subito anche penalmente; ricordiamo ad alcuni cacciatori di cinghiale e a chi li rappresenta che, visto che si propongono come l’unica strada per risolvere la questione ungulati che se non vengono rispettati i piani di prelievo e quindi non vengono effettuati gli abbattimenti richiesti, come previsto dal nuovo Regolamento regionale, saranno i cacciatori stessi, oltre all’ATC, a rimborsare in prima persona i danni subiti dagli agricoltori. Quindi, sarebbe opportuno che i cacciatori comincino con l’ammettere che negli anni sono stati la causa principale dell’acuirsi del problema e soprattutto che da subito facciano di tutto per applicare al meglio la legge obbiettivo della Regione Toscana invece di ostacolarne la normale applicazione, spesso con sistemi inaccettabili e rivendicare invece assieme l’ulteriore snellimento delle procedure di applicazione degli interventi”.
“È giusto sottolineare, inoltre, che se si parla principalmente dei devastanti danni provocati alle colture dai cinghiali, vite compresa, occorre non scordarci il flagello caprioli che in particolare per la viticoltura rappresentano un grandissimo problema e qui si entra un altro campo, quello della caccia di selezione e della farraginosità dell’esercizio di questa particolare forma di caccia che non aiuta ad intervenire in modo tempestivo in caso di danni alle colture, troviamo una soluzione per far convivere l’attività agricola con una presenza sostenibile degli ungulati nel nostro territorio, in altre parole facciamo convivere che lavora e cerca di trarre il giusto guadagno dalla propria opera e chi svolge un’attività ludico-sportiva in casa d’altri senza chiedere permesso! Infine è opportuno ricordare che i danni ingenti provocati dagli ungulati in Italia, non devono essere rimborsati in regime di “de minimis” (non più di 15 mila euro in tre anni) in quanto la selvaggina non è di proprietà dell’agricoltore (come in tutta Europa) ma di proprietà di terzi che ne devono rispondere in toto, si tratta infatti di un rimborso danni non di un finanziamento di progetti per lo sviluppo delle attività agricole o di formazione; gli agricoltori hanno quindi il sacrosanto diritto di essere rimborsati per il reale danno subito e non deve essere una regalia di chissà chi per chissà cosa!”.

http://www.armietiro.it/agricoltori-al-collasso-si-chiedono-piu-abbattimenti-8965

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Tags: ,

Category: .In Evidenza

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Salvo scrive:

    Con tutto il rispetto ma questa lettera così come è riportata, mi sembra una accozzaglia di accuse “politiche” dettate da ignoranza e/o mancanza di informazioni reali.
    Innanzitutto se a costoro risultano minacce di squadre di cacciatori (?) verso altri cacciatori perché non denunciano anzichè accusare per screditare l’immagine dei cacciatori stessi?
    Poi cosa pensavano che in quattro e quattr’otto si risolveva il problema ungulati solo perchè è stata approvata una legge?
    È’ ridicolo accusare noi cacciatori di aver creato negli anni il problema della “devastazione agricola” causata dagli ungulati. Ma dove ha studiato questa gente qui, in Kazakistan?
    I danni causati dalla popolazione ungulati in Toscana sono espressamente dovuti alla mancanza di gestione dei territori da parte dei cacciatori, cosa che avviene perché la politica delle associazioni venatorie fa da zerbino al potere di turno. In altri paesi europei sono le associazioni venatorie che gestiscono il territorio evitando danni alla agricoltura e traendo profitto dalla fauna stessa, vedi Germania o Austria o Spagna. Ma questi cosa ne sanno.
    Infine definire la caccia come “una attività ludico-sportiva in casa d’altri senza permesso” è la ciliegina sulla torta….ma quanta ignoranza e arroganza dovremo ancora sopportare?

  2. PAOLO 56-FI. scrive:

    x quanto mi riguarda il problema cinghiali lo dovrebbero risolvere le associazioni di categoria visto e considerato tutte le critiche che fanno verso noi cacciatori. (y) (y) (y) (y) (y) (y) (y) (y) (y)

  3. Guy scrive:

    Ma perche’non ci pagano per l uscita ? Siamo professionisti noi loro no

  4. ghibli01 scrive:

    sarebbe bello che si verificasse quanti sono gli ettari di zone parco e oasi dove è vietata la caccia.
    se qualcuno leggesse le relazioni dell’IPSRA sulla gestione della specie cinghialedel 2003 e poi del 2012 , scoprirebbe che la densità dei cinghiali nelle zone di caccia è di 9 capi per 100 ettari mentre nei parchi e oasi è 40 capi per 100 ettari.
    se i cacciatori o le loro associazioni sono così ignoranti da non conoscere le relazioni dell’ISPRA e utilizzarle non meritano nulla

Leave a Reply


+ 6 = 15

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.