Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Libera Caccia, è scontro: «Ora basta i cacciatori non sopportano più»

| 20 luglio 2017 | 3 Comments

ANLCcinghialai

GROSSETO – «Con le tasse da noi pagate vengono rimborsati i danni, vengono  dati contributi per le semine, vengono comprati i materiali per fare prevenzione, viene introdotta selvaggina. Ci viene chiesto di fornire campioni biologici, di fare censimenti, di andare a vigilare e difendere le culture degli agricoltori, siamo i soli che limitiamo il numero degli ungulati e nonostante tutto questo, cosa riceviamo in cambio?

Una legge “obiettivo” che ci ha messo gli uni contro gli altri come  mai prima d’ora, dobbiamo assistere allo scempio autorizzato di veder uccidere delle madri per far poi morire di stenti i cuccioli, senza che nessuno decida per un fermo biologico. Riceviamo critiche  e accuse a non finire dal mondo agricolo, che inoltre vorrebbe snaturare il nostro modo di andare a caccia al cinghiale in braccata, di ieri la richiesta di Coldiretti di togliere le zone assegnate e andare a rotazione». Così si legge nalla nota firmata dal consiglio direttivo di Libera Caccia.

«Per ritardi burocratici, dovuti alla Regione, le ATC non hanno potuto fare le aste per comprare la quantità di fagiani e lepri che normalmente ogni anno venivano immessi sul territorio. Il risultato sarà una pressione venatoria  quasi totale su quegli animali selvatici esistenti, andando cosi ad intaccare ciò che fino ad ora era stato costruito con un’accorta gestione faunistica».

«Non siamo ne polli da spennare ne pecore da guidare, non abusate della nostra pazienza dovuta alla nostra passione, non prendeteci come capro espiatorio per le difficoltà del mondo agricolo, difficoltà dovute anche a mancanze sindacali, a cui fa  comodo, per discolparsi, gettare la colpa sui cacciatori. Qui noi ci rivolgiamo alla Coldiretti. E’ vero noi abbiamo bisogno del mondo agricolo per avere dei terreni idonei dove andare a caccia, ma voi avete bisogno del nostro aiuto che vi viene concesso gratuitamente. Dato che il porto d’armi a noi nessuno ce lo paga, attenzione che in un prossimo futuro non toccherà a voi stipendiarci per togliere, ad esempio, i quasi 100.000 cinghiali all’anno, o in alternativa prendete tutti voi il porto d’armi per difendere le vostre colture da soli».

http://www.ilgiunco.net/2017/07/20/libera-caccia-e-scontro-ora-basta-i-cacciatori-non-sopportano-piu/

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Tags: , ,

Category: .In Evidenza, ANLC

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. CLAUDIO scrive:

    Mi sembra un giusto appunto. Ma come mai gli animalisti non hanno detto niente per le autorizzazioni ad andare ad ammazzare le madri con i cinghialini piccoli, oppure le capriole pregne. Li andava bene perché l’ha deciso la politica e non i cacciatori. Siamo in mano ad una massa di delinquenti incompetenti.

  2. fERNANDO scrive:

    Non so chi ha scritto un articolo del genere, ma certamente una persona che ha un pò di confusione in testa.
    Non capisco cosa vuol dire con le tasse da noi pagate,
    ” magari con le tasse pagate da coloro che non esercitano la caccia al cinghiale vengono fatte tutte quelle spese senza avere in cambio niente.”
    La soluzione per evitare i danni esiste ( togliere le zone assegnate, o imporre la rotazione per legge) certamente si avrebbe una drastica diminuizione di questa specie, e senz altro meno spese.

    Per quanto riguarda il problema dei piccoli, questo esiste anche durante il mese di gennaio, mese nel quale le srofe tante hanno già partorito e tante altre sono pronte per partorire, allora non ci sono colpi di cuore !.

    Perchè non proponete l’ apertura il primo di Ottobre?

    Ancora non avete capito che gli agricoltori la caccia a gli ungulati nella loro proprietà la voglono condurre da soli?. Se tutto questo avviene fate solamente mia culpa, perchè voi stessi avete dato dimostrazione con il vostro egoismo che dietro certe forme di caccia esistono interessi non indifferenti.

    • CLAUDIO scrive:

      Questi animali sono una opportunità per organizzare corsi e prendere i quattrini ai fissati cacciatori di questa specie. Gli ungulati non vogliono che si riducono. L’hai capito ora o no?

Leave a Reply


6 + = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.