Liguria : La Consulta boccia il contrasto ai cinghiali

La corte costituzionale ha ridimensionato le possibilità di contrasto al proliferare incontrollato dei cinghiali varate dal consiglio regionale ligure. Bruzzone: “pessima notizia per gli agricoltori”

 

La corte costituzionale si è pronunciata sul provvedimento di contenimento del cinghiale messo a punto dalla Regione Liguria, che prevedeva la possibilità di effettuare battute di caccia anche nei periodi o nelle zone di caccia interdetta, da parte di agenti volontari (cioè cacciatori) anche senza il concorso degli agenti della ex polizia provinciale. La consulta ha stabilito che le battute di controllo possono essere effettuate solo in presenza di agenti della ex polizia provinciale. Francesco Bruzzone, consigliere regionale ligure, ha così commentato: “Gli agenti sono già in grossa difficoltà a fare tutto il resto, quindi in sostanza verranno ridimensionate o quasi del tutto annullate le battute di controllo faunistico. Questo non è un provvedimento contro i cacciatori, che continueranno ad andare a caccia nel corso della stagione venatoria e che avevano semplicemente dato la disponibilità a fare un servizio gratuito e volontario per il territorio. È un provvedimento contro la collettività e contro gli enti pubblici, che non potranno più intervenire per arginare l’eccessiva presenza di animali. I cinghiali potranno scorrazzare liberi e indisturbati, senza controlli, nelle campagne, nei campi, ovunque riusciranno ad andare. Una pessima notizia per gli agricoltori, ai quali i cacciatori avevano dato una grossa mano”.

http://www.armietiro.it/la-consulta-ridimensiona-il-contrasto-ai-cinghiali-8644

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

5 thoughts on “Liguria : La Consulta boccia il contrasto ai cinghiali”

  1. Nel quartiere di sant’Ilario,c’erano un comico ed un guru, pensavano di vincere le elezioni, mah con gli elettori genovesi hanno fatto la figura dei C……..
    Ecco il perchè poi in consulta questi si sono vendicati nei confronti dei cacciatori che non li avevano votati, bocciando la proposta.
    un saluto

  2. Quando sarà che gli mangeranno anche i piedi dei tavoli delle cucine, mi raccomando… Quando chiederanno aiuto ai cacciatori fate a gara a chi arriva prima !! :mrgreen: Salutiamo

  3. Sig Ratti.
    Anche in Toscana in merito a gli ATC la Consulta ha dato il suo parere negativo.
    Le ricordo che al tempo non c’erano le elezioni e nemmeno guru.
    Non mettimola sulla politica sempre. Guardiamo piuttosto al nostromo mondo,che è vessato sempre più da lacci e lacciuoli.Dico in questa vicenda dove sono gli agricotori?
    Saluti

  4. X Martufoni, noi cacciatori è vero che siamo vessati con lacci e lacciuoli, mah chi crea questi ostacoli!!! se non i politici di alcuni partiti notevolmente anticaccia???
    M5S in primis.
    Quando poi vedo che sono contrari alla caccia ha prescindere,senza alcuna cognizione di sorta,che
    molti di questi signori sono stati votati ed eletti, solo dalla scala A del proprio condominio, perchè le altre scale non se li filano,
    Da cacciatore sono felice quando perdono le elezioni.
    Per gli agricoltori si vede che ad alcuni interessano di più gli indenizzi percepiti.

  5. ecco
    questi sono i risultati di burocrati ignoranti ed incompetenti abbinati a deficienti anticaccia
    ai primi non gliene frega nulla in quanto tanto non sono problemi loro pagare i danni
    ai secondi i soldi per progetti fallimentari ( ripopolamento del lupo ad esempio) li hanno presi, poi per il resto come i primi non devono mica pagare i danni agli agricoltori

Leave a Reply