Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

M5S ATTACCA GLI ATC TOSCANI

| 15 maggio 2017 | 6 Comments

m5s toscana

PARADOSSO TOSCANO A TUTELARE INTERESSI AMBIENTALI NELLE ATC … CI FINISCONO ASSOCIAZIONI PRO CACCIA

La legge impone ai Comitati di gestione degli Ambiti Territoriali di Caccia una rappresentanza delle istanze di protezione ambientaledue designati su dieci. Lo scopo è chiaro, equilibrare i pesi decisionali tra i mondi interessati dall’attività venatoria: quello della caccia ha tre rappresentanti, due vanno alle organizzazioni professionali agricole e due rispettivamente ad amministratori locali e associazioni ambientaliste. Purtroppo c’è chi ha fatto il furbo e nelle ATC toscane a tutelare gli interessi ambientali ci sono finite associazioni pro caccia quali Terra Nostra, Ekoclub e Wilderness.

Queste organizzazioni non hanno mai fatto mistero della loro visione. Basti citare l’associazione Wilderness (AIW) che si vanta pubblicamente di essere “l’unica associazione ambientalista in Italia a non essere contraria alla caccia”.

Siamo i soli a rilevare inopportuno che AIW e le altre a lei analoghe rappresentino le istanze ambientaliste negli ATC toscani?

Perché contrasta con l’equilibrio che ispirava la normativa e rende il peso dei pro caccia evidentemente sproporzionato. Un risultato persino rivendicato pubblicamente proprio da AIW che lamentava il fatto che le organizzazioni venatorie “pur in gran numero” venissero a volte messe in minoranza nei Comitati di gestione ATC “quando i rappresentanti delle organizzazioni degli agricoltori e quelle degli ambientalisti si uniscono per contrastare scelte non condivise”. Si chiama democrazia, spiace qualcuno se ne rammarichi.

La Regione è già scivolata troppe volte sul terreno ATC, auspichiamo questa non sia l’ultima della serie. Certo non ha aiutato la diserzione di organizzazioni ambientaliste importanti e meno discusse, alla manifestazione di interesse per partecipare ai Comitati di gestione ATC come rappresentanti della protezione ambientale.

Ma come non condannare il silenzio della Regione su questo paradosso toscano che va avanti da anni? Questo squilibrio nei Comitati di gestione influisce inevitabilmente sull’operato delle ATC che di fatto nella composizione dei loro Comitati di gestione tradiscono il senso della legge, così come prevista dalla normativa nazionale. Una anomalia che fa pendant con quella ancora più grave dei loro bilanci. Sui quali abbiamo chiesto anche in Parlamento chiarezza, tramite la nostra Chiara Gagnarli, per ottenere in risposta giri di parole.

grillo_elezioni

IRENE GALLETTI
GABRIELE BIANCHI

http://www.movimento5stelletoscana.it/paradosso-toscano-tutelare-interessi-ambientali-nelle-atc-ci-finiscono-associazioni-pro-caccia/

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Tags: , ,

Category: .In Evidenza

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    …Sui quali abbiamo chiesto anche in Parlamento chiarezza, tramite la nostra Chiara Gagnarli, per ottenere in risposta giri di parole.
    ———————————————————
    Secondo me fate bene e se avete ottenuti giri di parole cercate di approfondire. Perchè non andate a vedere anche per i 150 parchi che abbiamo in Italia come stanno le cose. O forse i parchi sono vietati anche per voi. :mrgreen: Salutiamo

  2. Pasquino scrive:

    Questa è la conferma della visione manichea delle cose di questi pseudoambientaliasti: CHI SI DICHIARA AMBIENTALISTA DEVE OBBLIGATORIAMENTE ESSERE CONTRO LA CACCIA.
    Per fortuna che questa pochezza di idee non va oltre i confini italiani.

  3. pistola scrive:

    QUALCUNO VUOLE DIRE AI SIGNORI DEL M5S E ALL’AMBIENTALISTI CONTRO LA CACCIA, CHE LE ATC GESTICONO I SOLDI DEI CACCIATORI

    • Peter scrive:

      A giudicare del can can che fanno molto probabilmente ci vorrebbero mettere lopro le mani loro sui nostri soldi ed è sicuro che è proprio questo che gli fa bruciare il fondo shiena.

  4. Ferdinando Ratti scrive:

    Se in tutti i comitati di gestione,la Legge nazionale 157/92, avrebbe stabilito il numero di 2 rappresentanti dell’ associazione maggioritaria come premio di maggioranza, ed 1 rappresentante per ogni associazione nazionale riconosciuta presente sul territorio in forma organizzata.
    Così facendo forse noi cacciatori nei comitati di gestione non siamo, o saremmo la minoranza.
    inoltre si evitavamo discussioni sterili,la mania di grandezza di qualche associazione venatoria,ora la stanno pagando tutti i cacciatori.
    La regione Toscana ha guida PD è stata la prima ad introdurre la regola della riduzione dei componenti nei comitati di gestione a 10, seguita a ruota dalla regione Lombardia.
    un saluto

Leave a Reply


+ 5 = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.