Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Indagine dei carabinieri forestali sulle moto da enduro nel Parco

PORTOFERRAIO. La natura incontaminata del Parco nazionale dell’Arcipelago toscano, violata dal rombo dei motori e dalle derapate delle moto da enduro lungo un sentiero sterrato. È l’immagine simbolo che Report, la trasmissione giornalistica della Rai, ha catturato su uno dei sentieri del Parco nazionale, in apertura di un ampio servizio dedicato ai parchi italiani, un viaggio tra le eccellenze e le criticità. Il parco elbano è stato citato in apertura, ma non certo per un’eccellenza, bensì sulla questione – emersa circa un mese e mezzo fa e riportata dal Tirreno – della gara di enduro e delle polemiche che seguirono al passaggio di una manifestazione di enduro delle moto lungo un sentiero, ancora classificato come strada.

Nel servizio sono stati ascoltati gli ambientalisti Umberto Mazzantini di Legambiente, Francesco Mezzatesta di Lipu e la direttrice del Parco nazionale, Franca Zanichelli, che ha espresso l’esigenza di una maggiore regolamentazione per questo tipo di eventi. Una regolamentazione che potrà essere definita attraverso l’approvazione del piano del Parco, che ancora manca al Parco dell’Arcipelago come in molte altri parchi italiani. Stefano Frassini, presidente del Moto Club Elba, ha spiegato le ragioni dei motociclisti: «Io che ho una moto, un motorino, qualsiasi mezzo posso attraversare questa strada a fondo naturale, basta che sono in regola con il codice della strada». Ma il servizio – molto breve – di Report ha fatto discutere sul territorio elbano. Il fastidio è generato dal fatto che un episodio isolato non può essere preso come un paradigma, come se chi passeggia immerso nella natura del Parco debba ogni giorno schivare le moto da enduro.

«È curioso – spiega il presidente del Parco, Giampiero Sammuri – che siano stati ascoltati tutti i presidenti dei parchi tranne il sottoscritto. Vengono riassunti i grandi risultati degli altri parchi, mentre il nostro viene citato solo per la questione delle moto, eppure qualcosa di buono abbiamo fatto anche noi. Hanno fatto vedere una gara di motocross rappresentandola come una problematicità quasi quotidiana». Polemiche a parte, il presidente Sammuri ci tiene a fare alcune precisazioni riguardo alla polemica, annosa, della convivenza tra ambiente e motori. «Il Parco non ha ancora un regolamento, attraverso il quale possono essere definite con chiarezza. In verità il regolamento non lo hanno neanche il parco delle Cinque Terre che viene lodato nel servizio di Report. Che il parco non abbia il regolamento che deve normare precisamente la circolazione dei mezzi a motore è vero ed è grave che non lo abbia dopo 21 anni dalla sua istituzione. Io ho potuto cominciare a lavorarci quando ho avuto il consiglio costituito 2 anni fa e conto di farlo adottare entro luglio. Capisco che si poteva fare anche nei 19 anni precedenti e se questo è il senso, la critica è giusta».

Ma sull’episodio specifico, Sammuri, rivela altri dettagli. «Il Parco, tramite

la sua direttrice, non ha dato l’autorizzazione a passare da quel tratto di percorso – racconta – i motociclisti sono passati ugualmente e per questo motivo è in corso un’indagine dei carabinieri forestali su segnalazione del Parco stesso. Non capisco come ci saremmo dovuti comportare».

http://iltirreno.gelocal.it/piombino/cronaca/2017/05/09/news/indagine-dei-carabinieri-forestali-sulle-moto-da-enduro-nel-parco-1.15311759

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Tags:

Category: .In Evidenza, AAVV

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ferdinando Ratti scrive:

    Io mi chiedo all’Elba la caccia nei parco è vietata perchè disturba e allarma i villeggianti!!!
    Mentre invece sono ammesse le gare di enduro con le moto, ma le specie selvatiche presenti in zona, ed i villeggianti, per questo evento non vengono disturbati???
    Bella contradizzione tipicamente italiana.

  2. Giacomo scrive:

    A me viene da ridere ! Ai cacciatori che vengono presi a cacciare nel parco oltre alla licenza gli vengono tolte anche le mutande. Ma tu guarda un po, nessuno sapeva niente delle moto nel parco ! Allora si vada a prendere chi ha fatto abuso e gli si dia quello che prevede la legge come si fa con i cacciatori, o forse non è così. :-? Salutiamo

    • Peter scrive:

      Ci sono i figli e ci sono poi anche i fgliastri caro Giacomo; purtroppo noi cacciatori apparteniamo evidentemente alla seconda categoria, quella dei polli da spennare.

Leave a Reply


+ 1 = 5

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.