Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

DAINI NEI FOSSI DI FILICAIA

images (7)Lo sappiamo,noi cacciatori se capita l’occasione o le occasioni per premere il grilletto, difficilmente riusciamo a resistere alle tentazioni. Cediamo volentieri alle ghiotte opportunità che la nostra passione,il nostro bosco,di tanto in tanto riesce a farci vivere . Però è la nostra macchia che deve porgere un suo frutto,è la nostra fortuna e tenacia che deve darci emozione e passione e non di certo una strampalata “manna illusoria” calata da una strategia Politica Venatoria che autorizza uno scempio faunistico senza precedenti. (Ancora devono convincermi in nome di quale verità assoluta e spiegarmi il ” dopo “.. aver provato ad eliminarli tutti ..) Ecco che per questo motivo,il sottoscritto, in questo finale di stagione per il prelievo selettivo,ha deciso di rifiutare in maniera netta e categorica la ”  Sele-Eradicazione di massa ” . Proveniente da seri corsi di formazione ( e conseguente  ma non scontata abilitazione) dagli anni ’90, ove per Selezione veniva inteso un concetto di prelievo conservativo e di diligente rispetto verso gli animali (e non distruttivo quale è adesso ),mi son imposto di limitare al minimo sindacabile le uscite per il completamento del piano. E in barba alle direttive Regionali ( forse anche gestionali,ma è tutto da appurare ) ho anche deciso di lasciare tranquilli caprioli e daini femmine certamente gravide,rivolgendo moderata attenzione ai soli daini maschi adulti e piccoli.Logicamente facente parte del mio piano e non certo “ad alzo zero” come vorrebbero.. !

A torto o ragione non me ne frega nulla, l’impatto con l’etica e la coscienza personale deve essere il più possibile consona al mio modo di interpretare il prelievo Selettivo.Questa è la sintesi.

Alchè venerdì scorso decido di programmare un‘uscita mattutina tranquilla per il giorno seguente e cioè per il sabato 11.Non riuscendo a nascondere i preparativi serali, mio figlio maggiore si prenota come un fulmine per farmi compagnia nei Fossi di Filicaia,con la speranza di prendere un bel esemplare di daino

Programmare un ”uscita tranquilla”,significa uscire senza aspettative ne speranze particolari……solo l’immenso gusto di immergersi in natura con accanto il figlio.

Lui..mio figlio Ettore..non chiude occhio tutta la notte.Lo sento ruzzolare di continuo agitandosi nel letto freneticamente ..più volte si alza per bere.Tanta è la smania e la voglia di venire a caccia e forse il timore di non svegliarsi al mattino seguente  !

Di riflesso anche io dormo poco.Siamo nella stessa camera…occhi pallati certamente all’alba !

l200 con altanaSuona la sveglia e dopo essersi vestiti,ben sazi di una bella colazione,saliamo sull’auto pronta in garage con le attrezzature necessarie all’azione di caccia.Destinazione il Fosso di Filicaia,dove quell’altanina certosinamente costruita nella mia officina e trasportata sul sito di caccia con il pick up L200,ci accoglierà in maniera comoda e confortevole.Trasporto,imprese,peripezie ed avventure che danno un gusto particolare alla nostra magica passione…

Alle 5,50 siamo sopra la postazione,sistemo lo zaino al suo appendino naturale dopo aver tolto il sacchetto di sabbia,binocolo,lungo e telemetro. Estraggo due colpi per la 270w dalla cibernetta posta nella cinghia dei pantaloni e una volta inseriti nel caricatore,mando avanti l’otturatore perchè inserisca il colpo in canna, pronto allo sparo.Compio tutto con la solita meticolosa parsimonia attenzione,conscio del pericolo che si può sempre sbagliare manovra.Ma non basta e in effetti di seguito,la Dea Suspence Sorpresa,arriverà puntuale………

E’ sempre buio pesto…


images (11)
L’alba ci regala suoni e colori inimitabili..la mattinata sia avvia ad essere tersa e sferzata da una leggera tramontanina che già sbatte la nostra parte sinistra in maniera non del tutto cortese. Sbinocoliamo a destra e manca, io e mio figlio, ma le tenebre ancora ci negano i primi istanti del risveglio rurale…Osservo gli occhi del mio piccolo ..spruzzano gioia ignari della fatica e del  sacrificio che comporta alzarsi alle 4 del mattino.Sono fiero ed orgoglioso della sua felicità..che poi in fondo è la mia.

Iniziamo a vedere quasi ad occhio nudo..i minuti che passano scandiscono le intensità delle luci che si accendono in modo naturale.Sulla sinistra,da dove soffia la tramontana,distinguiamo in un fondovalle,due macchie scure. Inconfondibili…”ecco due daini ”  sussurro a mio figlio pungolandolo al fianco con l’indice.

”Babbo son due femmine”…prontamente dice lui.

Telemetrare per il gusto del calcolo matematico è d’obbligo oltre che indispensabile in certe situazioni….sono in fondovalle a circa 450 metri dalla nostra postazione.

gf (2)Non faccio a tempo ad elaborare altri pensieri che alla mia destra,nel campo che circonda la nostra macchia, percepisco in maniera netta l’inconfondibile trottìo che i magnifici pascolatori emettano quando di buona lena,percorrono i loro percorsi naturali. Come fulmini giriamo entrambi gli sguardi ammutoliti da incredulità e stupore.Ci sfiorano di corsa a 50 metri generando un’emozione del tutto impossibile da descrivere.

Ettore Ettore il branco..gli sussurro.

uno,cinque,undici tredici animali o forse più…i nostri respiri diventano affannosi con le pulsazioni del cuore che assomigliano a tamburi Masai…

Con il mio binocolo 7×42 riesco distintamente ad intravedere il palco di uno o più daini appartenenti alla classe Balestrone se non oltre. Uno ha la stanga rotta. Assieme a loro sfrecciano femmine e piccoli con due maschi fusoni nel bel mezzo.Ammetto di aver smarrito la bussola della conta…

“Accipicchia che botta di c**o ci ritroviamo stamani “ penso tra me e me…

(Sapevo già bene ove sarebbe andata a cadere la mia scelta…nell’eventualità Dea Fortuna mi avesse assistito..)

Sfila tutto il branco lambendo la nostra postazione andando però a scomparire in un avvallamento del terreno,ove la nostra visuale è pressoche nulla.

” Vai ….adesso entrano tutti nel bosco e arrivederci sonatori… !  ”  …sussurro a mio figlio in stretto vernacolo toscano.

Ed invece superato l’avvallamento,rivedo qualche animale nel versante opposto …la buona sorte è con noi stamani..

Sono tre : il capobranco col fusone accanto ed una femmina a far loro da mascotte. Si fermano in prossimità dello scolmo rivolgendo lo sguardo verso di noi. Come avessero percepito i nostri pensieri,si dispongono nel miglior modo possibile.. mostrandosi anche,fortunatamente,in affili basilari per la sicurezza. L’arma è già alla spalla appoggiata al sacchetto e pronta per tuonare ….l’occhio dentro il 6×42

images (5)Maestoso King Daino con lo sguardo sempre verso noi porgendo il suntuoso corpo ai 90 gradi della linea teorica di sparo.Ci siamo..180 metri più o meno…

Quando il reticolo è ben saldo puntato sulla spalla dell’animale,armo lo stecher della mia Voere …

..trattengo il respiro e sgancio il colpo..

Un metallico clik,sinistro,risuona in garitta.. la cartuccia non è espolsa…….mannaggia !

Ha fatto cilecca…

No no..Dea Fortuna dove sei finita ?

Lucidamente capisco subito cosa sia successo : al buio dopo aver inserito i due colpi nel caricatore non mi sono accorto che l’otturatore in chiusura non aveva agganciato il proietto e quindi la camera di scoppio vuota,certo non poteva emettere il boato delle 130 grani . Riapro l’otturatore per l’intera corsa rimandandolo lentamente in avanti e questa volta distinguo sonoramente l’immettersi del colpo in camera . Lui ..King Dama Dama..è sempre lì   ..

Ettore trema e bisbiglia frasi che non riesco a decifrare…

Io son di nuovo pronto col respiro e con la mente…

images (1)..Il boato echeggia alle 6,15 nell’intera valle dell’Alta Vetrialla. Il primo sparo della giornata in zona che rompe i canori risvegli dei piccoli uccelletti di rogo ..L’animale accenna una leggera flessione in avanti che solo l’occhio giovane di mio figlio,riesce a distinguere nettamente. Dopo di che lui e l’intero branco, si butta di corsa a perdi fiato verso il basso alla riconquista del folto bosco di macchia mediterranea ..scomparendo dalla nostra visuale

“Che padella ho fatto Tettè (diminutivo di Ettore) “

“No no Babbo..l’animale è andato giù in avanti “replica speranzoso e sicuro di sè

Attendiamo 10 minuti, il tempo di risistemare l’attrezzatura e dare il tempo eventualmente alla nobile bestia di avviarsi beatamente nelle verdi praterie.

Le 6,25 siamo con  i piedi in fondo alla scala dell’altana.

Spero di notarlo esamine nel prato una volta affacciatomi di là dal dosso..

Ed invece…

Ci avviamo verso il punto dell’anshuss, ovvero il punto ove l’animale era in mira e il proietto avrebbe dovuto abbattere sul posto. Ma il campo tradisce, punti di riferimento non ce ne sono, le pulsazioni del cuore fan perdere la calma anche ad un 50 enne temprato come me.

Non troviamo goccia di sangue…

Abbastanza sconsolato e con mio figlio dietro ai miei passi,ci avviamo ai bordi della macchia ove ritenevo che il daino fosse entrato.Solo pura ed unica supposizione, visto che era al di fuori della mia visuale

Gli occhi si tingon di rosso. Un chiaro riflesso purpureo all’immettersi del trattoio velano i nostri sguardi intenti alla ricerca..

“Tettè ..allora l’ho beccato ! ”

“Speriamo non abbia ciccato il punto andando a colpire la gamba anteriore “ è la prima osservazione da bicchiere mezzo vuoto …

Ma il sangue è cospicuo…è tanto ..strisciata importante continua

Mi addentro nella macchia dal sottobosco pulito ..

Pochi metri..

In un avvallamento somigliante ad una vasca naturale,scorgo esamine il melanico corpo della nobile bestia…

Il suo importante palco adagiato al gambo di un nocione infangato dallo strofinio di qualche irsuto suide,accende  la gioia per la preda appena individuata da recuperare.

ok 3605Il cuore pulsa emozioni che sfogano con un sonoro cinque seguito da un abbraccio amoroso col mio prode e temerario bambino..

Compagno di sangue in questa inaspettata ed emozionante scena di caccia.

A noi basta poco per essere felici,non ci occorre fare le stragi per essere soddisfatti della giornata venatoria.

Quelle,le stragi, le lasciamo autorizzare ai nostri miopi governanti.

E se un giorno i miei figli avranno imparato ad apprezzare queste piccole sfaccettature che rendano felice il babbo, significherà che sono riuscito a trasmettere loro basi e valori per una vita semplice e serena.

Non basata sulla quantità ma sulla qualità….

E allora sarò un babbo orgoglioso.

 

Ps: Daino Maschio Balestrone di 65 kg.. previsto dal nostro piano di abbattimento.

Distanza di tiro 180 metri circa

Arma usata : Voere Kufstein 2165 in calibro 270 w

Ottica  Swarovski Habicht  6×42

Cartuccia ricaricata dal sottoscritto con Palla Sierra Spitzer da 130 grani.

Massimiliano Piersimoni

Tags:

Category: .In Evidenza

Comments (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Mauro scrive:

    Massimiliano sei grande, un caloroso saluto

    Mauro

  2. Massimiliano Piersimoni scrive:

    Mauro..il tuo plauso vale mille e anche più !

    Grazie di cuore

    Massy

  3. Mauro ANLC Siena scrive:

    Massy che ne pensi di Sorrentino? NON LO DICHIAMO DA ANNI

    BRAVO SORRENTINO

  4. Massimiliano Piersimoni scrive:

    Ciao Mauro ..un minimo di esperienza ha insegnato al sottoscritto che non tutto il bene ( e il male ) risiede da una sola parte .

    Di lì tutto quello che ne consegue….

    ps: entro nel merito solo postillando velate ma non troppe perplessità sul fatto che da Salerno,il presidente Sorrentino e il suo staff,sia a conoscenza o pretenda di esserlo delle realtà di Berignone o delle Carline (esempi puramente casuali per rendere idea)…quello non puoi non notarlo :wink: :wink: :wink:

    saluti e buona settimana

  5. Mauro Presidente ANLC Siena scrive:

    NON SI PUO’NON NOTARLO VERO, MA E’ ANCHE VERO CHE IL PROBLEMA NUMERICO DEI SUINIDI, E’ CHE SONO COSTANTEMENTE AUMENTATI DOPO L’ASSEGNAZIONE DI ZONE FISSE ALLE SQUADRE, NON SOLO IN TOSCANA, IL PERCHE’ LO SAPPIAMO BENISSIMO, IO NON SONO CONTRO I CINGHIALAI, ANZI MI CONSIDERO UN CINGHIALAIO ANCHE SE NON PRATICO PIU’ QUESTA BELLISSIMA ATTIVITA’ VENATORIA, MA SI PARLA DI RISARCIMENTI AGLI AGRICOLTORI RILEVANTI, SOLDI DI TUTTI I CACCIATORI E NON SOLO DEI CINGHIALAI, SOLDI CHE IN PARTE POTREBBERO ESSERE UTILIZZATI PER REALIZZARE PROGETTI PER RILANCIARE LAPICCOLA SELVAGGINA STANZIALE, LEPRE E FAGIANO, PER COLORO CHE HANNO QUESTA PASSIONE CHE IN FONDO E’ LA PIU’ TRADIZIONALE.W LA CACCIA – TUTTE LE ATTIVITA’ VENATORIE DEVONO AVERE PARI OPPORTUNITA’ E DIGNITA , E NESSUNA DEVE ESSERE SOVERCHIANTE e poi…………
    UN SALUTO E UN GROSSE ABBRACCIO

  6. Massimiliano Piersimoni scrive:

    Mauro ti rispondo in maniera molto sintetica :

    Io non vedo del bene in tutto questo.Anzi vedo un pessimo futuro.

    Stiamo naufragando.

    Ti saluto fortemente rinnovando stima e amicizia.

  7. Vasco scrive:

    Caro Massimiliano beato te che sei riuscito a trasmettere a Ettore la passione della caccia, io non ci sono riuscito e ti garantisco che con Riccardo,il più piccolo, ho provato e riprovato ma non c’è stato niente da fare.

    Luca, il più grande, e Riccardo hanno la passione della moto, quella si sono riuscito a tramandarla, ma di caccia alle palombe niez.

    Bravo Massy il tuo racconto mi ha fatto rivivere i tempi passati quando la notte prima dell’apertura della caccia, io e ARGO, il mio amato setter, passavamo tutta la notte in bianco.
    Un forte abbraccio,saluti vasco.

  8. Massimiliano Piersimoni scrive:

    Ti ringrazio Vasco per gli apprezzamenti e son ben lieto di averti fatto rivivere ricordi indelebili della nostra passione.
    Discorso figlioli,i miei due,al momento son ben coinvolti dalla mia attività venatoria..forse troppo a detta delle maestre :wink:
    ma nei bimbi le attenzioni con gli anni si tramutano e/o cambiano a seconda delle fasi della crescita.

    Vedremo e accetteremo ogni loro scelta,purchè le vie percorse non siano quelle sbandate.

    ..ahimè tanto in voga e di moda ai giorni d’oggi !

    Una stretta di mano di grande amicizia.

Leave a Reply


4 + 4 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.