ARCICACCIA e il Codice Etico

Codice Etico Vicenza 11 febbraio 2017

FINALITA’ DEL CODICE ETICO

Il Codice Etico è lo strumento che si occupa dei comportamenti deontologici (buoni, giusti e moralmente leciti (status deontico) dei soci all’interno della Associazione ed in particolare dei dirigenti nello svolgimento delle loro responsabilità ed azioni. Detta principi di riferimento e norme da rispettare e vuole costituire una guida del fare di ognuno, un fare che deve essere responsabile, rispettoso, trasparente, formativo. Un manifesto di principi, di moralità, di partecipazione, di eguaglianza, di tutela della persona, di trasparenza, di onestà, di imparzialità, di eticità sportiva; i quali, in quanto rispettati, contribuiscono alla costruzione di una immagine dell’Associazione capace di creare fiducia all’esterno, nelle relazioni istituzionali, interassociative e verso i cittadini. Questi principi e norme di comportamento sono conformi a Statuto e Regolamenti nazionali.

AMBITO DI APPLICAZIONE

Art. 1 DESTINATARI

Il Codice Etico è destinato a tutti i soci individuali e collettivi che agiscono, si rapportano, partecipano e compiono atti in nome e per conto dell’ARCI CACCIA. Pertanto sono destinatari a tutti i livelli i membri degli organismi dirigenti, i componenti dei consigli e delle direzioni, i responsabili e i membri di uffici, commissioni, i rappresentanti di Circolo, associazioni aderenti, dipendenti e collaboratori per quanto previsto e consentito dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) in cui sono inquadrati e dalle normative vigenti, giudici di gara.

Art. 2 PRINCIPI GENERALI

Il Codice Etico richiama: agli ideali, ai valori e al rispetto delle norme contenute nello Statuto/Regolamento; al rispetto dei diritti e doveri del socio, alla trasparenza degli atti; alla organizzazione per favorire la partecipazione di tutti i soci alle scelte; al corretto rapporto tra livelli organizzativi: nazionale, regionali, territoriali e tra i dirigenti delle attività sportive; alla tenuta dei verbali di ogni organismo di Comitato, ai rapporti con i Circoli e il coinvolgimento dei soci nella programmazione; alla correttezza nella stesura dei bilanci; al superamento dei conflitti d’interesse; alla correttezza dei rapporti personali tra soci e in maniera particolare tra dirigenti; all’instaurazione di corretti rapporti con gli Enti Pubblici e privati.

 

Art.3 PRINCIPI DI COMPORTAMENTO:

rispetto – integrità – imparzialità – solidarietà Le donne e gli uomini dell’ARCI CACCIA si impegnano a: • Prestare particolare attenzione al controllo e alla salvaguardia del Marchio ARCI CACCIA. • Favorire una politica di gestione delle attività sportive, alla massima collaborazione evitando che si creino in contemporanea, nello stesso territorio, manifestazioni organizzate da più soggetti.• Predisporre le condizioni perché nella gestione delle attività non si creino situazioni di conflitto d’interessi, in particolare in ambito professionale e commerciale.

Art.4 PRINCIPI NELLE RELAZIONI ASSOCIATIVE:

trasparenza – rispetto – partecipazione Relazioni Interne Le donne e gli uomini dell’ARCI CACCIA si impegnano inoltre a: • Creare le migliori condizioni per favorire la partecipazione e la collaborazione nelle decisioni. • Coinvolgere i dirigenti, gli attivisti, gli organizzatori e i soci individuali nella vita associativa. • Utilizzare al meglio e valorizzare il sistema informatico interattivo dell’Associazione, strumento di informazione, comunicazione e organizzazione politico-culturale. La divulgazione della conoscenza è impegno prioritario La diffusione di notizie false o tendenziose non deve trovare spazio nel sistema informatico e informativo dell’Associazione.

Relazioni Esterne Le donne e gli uomini soci dell’ARCI CACCIA si impegnano a: • Perseguire la massima trasparenza, attenzione e correttezza nel dialogo e nei rapporti con altre organizzazioni e con le Amministrazioni Pubbliche; • Autosospendersi nel caso vengano raggiunti da una informazione di garanzia per ipotesi di reato a danno della associazione e/o della Pubblica Amministrazione o che sono stati sottoposti a misure di prevenzione o di sicurezza personale. Il comitato di appartenenza deve ratificare l’autosospensione.

Art.5 PRINCIPIO DI ETICITA’

Le donne e gli uomini dell’ARCI CACCIA si impegnano in particolare a: • Perseguire e favorire gli apprendimenti e le conoscenze sulle tematiche ambientali di tutela e conservazione della biodiversità, la sicurezza nell’attività venatoria, nel controllo faunistico, della salute e dei valori educativi; • Preparare ed applicare regolamenti sportivi che privilegino la promozione della cinofilia e del tiro, con particolare riguardo alle nuove generazioni; • Promuovere attività che siano occasione di socialità e di inclusione • Accrescere la capacità d’intervento delle GGV ARCI CACCIA nella lotta al bracconaggio; • Promuovere iniziative nell’Associazione per la crescita dell’attenzione al benessere del cane e degli animali domestici e operare per contrastare il maltrattamento degli animali anche con l’impegno delle proprie Guardie volontarie.

Art.6 COMITATO ETICO

E’ compito del Collegio dei Garanti • Promuovere la conoscenza del Codice Etico; • Verificarne l’attuazione. Art.7 ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO Il Codice Etico entra in vigore con l’approvazione da parte del Consiglio Nazionale ARCI CACCIA.

Codice Etico

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

 

 

 

 

Leave a Reply