Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

CONFAVI – CHIAREZZA SUI COMPITI DELLE GUARDIE ZOOFILE

| 24 novembre 2016 | 0 Comments

Presidente Maria Cristina Caretta

 

CHIAREZZA SUI COMPITI DELLE GUARDIE ZOOFILE – CONFAVI PLAUDE ALL’INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE DEL VENETO SERGIO BERLATO
La sentenza del Consiglio di Stato del 9 novembre u.s. ha chiarito in maniera inequivocabile quali sono i limiti e le competenze delle guardie zoofile in possesso di decreto prefettizio: tra queste non vi è il controllo sull’attività venatoria. Considerato che finora controlli e relative sanzioni elevate hanno rappresentato un vero e proprio abuso perpetrato a danno di molti cacciatori su tutto il territorio nazionale, urge una presa d’atto forte ed univoca da parte di tutte le regioni italiane, che a tutt’oggi rappresentano l’unico organo preposto all’individuazione dei soggetti abilitati ad esercitare il controllo in ambito venatorio, così come previsto dall’art. 27 della legge nazionale 157/92.
Vogliamo esprimere un particolare plauso al Consigliere regionale del Veneto Sergio Berlato, che con una mozione depositata in data odierna ha voluto impegnare la Regione Veneto a dare pronta attuazione a quanto previsto dalla sentenza del Consiglio di Stato. Ancora una volta Sergio Berlato ha dimostrato di saper comprendere le esigenze del mondo venatorio ed esprimere la sua più piena vicinanza.
Auspicando che l’iniziativa non rimanga circoscritta alla Regione del Veneto, invitiamo i Consiglieri regionali di tutte le altre regioni italiane a seguire l’esempio di Sergio Berlato perché tutti i cacciatori italiani possano essere tutelati e veder garantiti i loro diritti da cittadini dalla fedina penale perfettamente pulita.
Siamo stanchi di essere vittime di abusi da parte di soggetti non titolati al controllo e tantomeno ad elevare sanzioni in ambito venatorio.
Thiene, lì 22 novembre 2016

Ufficio stampa
Confavi – Confederazione delle Associazioni Venatorie Italiane

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. 
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

Tags: , , ,

Category: AAVV, CONFAVI, Leggi, Leggi/Politica, Veneto

Leave a Reply


7 + 3 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.