Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Storno: L’Ispra “apre” alla Liguria

| 12 settembre 2014 | 1 Comment

stornoStorno. ispra “apre” alla regione liguria

Mercoledì 10 settembre una delegazione ligure, guidata dal consigliere Valter Ferrando e composta dal direttore del Dipartimento Agricoltura Luca Fontana e da alcuni tecnici degli uffici regionali, ha incontrato gli esperti dell’Ispra. Ai tecnici dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale è stata rappresentata la difficile situazione in Liguria, legata alla massiccia presenza di esemplari di storno sul territorio, che sta minacciando tutte le coltivazioni e, in particolare, viti e ulivi.

Ferrando ha fornito la documentazione relativa alla qualità e alla quantità di esemplari presenti sul territorio, contenuta nel censimento richiesto dalla Regione e effettuato dall’Università di Genova, manifestando le preoccupazioni degli agricoltori liguri.

I vertici dell’Istituto hanno dato la propria disponibilità per affrontare il problema e hanno fornito indicazioni ai tecnici regionali per istruire la pratica che consenta il prelievo dello storno: tale prelievo, secondo le norme nazionali, viene consentito solo quando l’eccessiva proliferazione minaccia le colture.

La richiesta di deroga, una volta perfezionata, verrà inviata agli uffici dell’Ispra per ottenere l’autorizzazione al prelievo in deroga, per un periodo di tempo concordato e per quantità definite, nelle zone delle province liguri dove sono più estese le coltivazioni di ulivo e vite e dove i danni sono, quindi, più rilevanti.

«Sono molto soddisfatto di questo incontro, che ha assunto subito un livello operativo» ha dichiarato Ferrando, che ha guidato la delegazione su incarico del presidente della giunta Claudio Burlando.

«Gli esperti dell’Ispra hanno dimostrato sensibilità e grande disponibilità a concorrere alla soluzione del problema – ha aggiunto Ferrando – Se si potesse realizzare questa opportunità, si raggiungerebbe un importante risultato, perseguito ormai da tempo, ponendo le premesse per rendere ripetibile la procedura anche nei prossimi anni».

http://www.ladeadellacaccia.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Liguria, Storni

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

    Ecco, in questi termini mi piace . Fanno danni quando sono tanti e nelle piantagioni di valore come i nostri Ulivi ? Si cacciano ! Punto e basta .Senza andare a guardare le lacrimucce della casalinghe di città

Leave a Reply


+ 8 = 14

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.