Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

I cacciatori e mamma orsa

| 12 settembre 2014 | 1 Comment

Rodolfo GrassiI CACCIATORI E MAMMA ORSA

La vicenda dell’orsa uccisa da un’eccessiva dose di anestetico dopo aggressioni a persone ed animali è un altro triste capitolo di un ambientalismo emotivo e la conferma che manca in Italia nonostante convegni, documenti e proclami, quella gestione del territorio richiesta da anni anche dalle organizzazioni dei cacciatori e mai attuata.
C’è da chiedersi perchè le “istituzioni” abbiano a suo tempo seguito l’onda emotiva che ha portato ad acclimatare l’orsa nel 2000 nel Trentino senza una preventiva indagine su animali domestici, selvatici e popolazione considerando che ogni orso un carnivoro e c’è anche da domandarsi perché presunti ecologisti abbiano favorito l’introduzione del lupo sugli Appennini e in maremma ( chi tutela dal loro appetito lepri, caprioli, piccoli di cinghiale ed altri mammiferi?) senza considerarne opportunità e danni alla fauna.
Da anni i cacciatori – e significativamente quelli dell’UNCZA, l’associazione che raggruppa quelli di montagna protagonisti di una gestione esemplare della fauna – chiedono tramite il loro responsabile Sandro Flaim, di Trento, indagini precise sul territorio prima di ogni “ripopolamento”.
L’orsa è stata uccisa dall’ignoranza di quanti hanno voluto trasferirla nei boschi del Trentino senza riferirsi a quell’attenta politica di gestione del territorio da parte dei cacciatori: un impegno che ha arricchito negli ultimi trent’anni boschi e montagne di cervi, caprioli, camosci e cinghiali, gettando le basi per la sopravvivenza di predatori da tempo estinti in Italia.
Quanti orsi può sostenere il territorio trentino, o analogamente altri: 20, 50 o 500? E quanti lupi gli Appennini?

Rodolfo Grassi
Vicepresidente Federcacciatori di Lombardia
PresidenteFedercaccia Milano Monza e Brianza.

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , ,

Category: Federcaccia, Lombardia

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Felice Seralessandri scrive:

    Concordo ,l’orsa e’ vittima dell’ignoranza dichi pretende di gestire i problemi dell’ambiente dal comodo divano del salotto di casa.(o a volte da comode poltrone nei palazzi del potere godendo di lauti stipendi)

Leave a Reply


2 + = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.