Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

morta l’orsa Daniza, fatale la dose di narcotico

| 11 settembre 2014 | 6 Comments

Daniza, morta l’orsa del Trentino. “Non è sopravvissuta alla narcosi”
Dalla Provincia fanno sapere che l’animale è stato narcotizzato, insieme a uno dei suoi cuccioli, ma non è sopravvissuto. L’esemplare di 19 anni verrà sottoposto ad autopsia, mentre del fatto sono stati avvertiti anche il ministero dell’Ambiente, l’Ispra e l’autorità giudiziaria. In agosto, dopo che l’orso aveva aggredito un cercatore di funghi, le istituzioni avevano assicurato: “Non verrà abbattuta, ma solo catturata”

orsa con cuccioliÈ morta l’orsa Daniza, l’animale che la Guardia Forestale stava cercando dopo che, a Ferragosto, aveva aggredito un cercatore di funghi nei boschi di Pinzolo, in Trentino. La Provincia aveva assicurato che “l’abbattimento sarebbe stata la soluzione estrema”, ma, fanno sapere, l’orso “non è sopravvissuto alla narcosi che è stata effettuata nella notte per catturarla”.
Nella notte, i responsabili che monitoravano gli spostamenti dell’animale hanno creato la situazione ideale per la cattura. Hanno, così, narcotizzato sia la madre che uno dei suoi cuccioli che, successivamente, è stato liberato con tanto di marca auricolare per monitorarne i movimenti. L’esemplare di 19 anni verrà sottoposto ad autopsia per accertare le cause della morte, mentre il Corpo Forestale dello Stato ha aperto un’indagine. Del fatto, intanto, sono stati avvertiti il ministero dell’Ambiente, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra) e l’autorità giudiziaria.

La Provincia di Trento ha diffuso i particolari dell’operazione di cattura. Secondo quanto riportano, l’orso era sotto monitoraggio intensivo da un mese e “la scorsa notte si sono create le condizioni per intervenire”. L’orsa è stata fermata con la telenarcosi, così come uno dei suoi cuccioli. L’esemplare adulto non è però sopravvissuto, mentre il più giovane è stato liberato.
Angelo Bonelli, co-portavoce nazionale dei Verdi, commenta così la notizia: “Con la morte dell’orsa Daniza lo schifo e la vergogna sono stati raggiunti. Contro la mamma orsa si è costruito un accanimento da parte delle istituzioni che hanno portato alla sua morte e per questi motivi ritengo che la procura, sulla base del nostro esposto già presentato, debba aprire immediatamente un’inchiesta penale”. Carla Rocchi, presidente dell’Enpa (Ente Nazionale Protezione Animali), parla di animalicidio e aggiunge: “il ministro dell’Ambiente dovrebbe dimettersi”.

Intanto Marco Melosi, presidente dell’Associazione nazionale medici veterinari italiani, ha spiegato che le dosi di farmaco utilizzate per questo tipo di operazioni è standard e quindi non è ipotizzabile un errore da parte degli addetti alla cattura. “Questo tipo di anestesie – ha spiegato il veterinario – sono sempre rischiose perché l’animale subisce uno stress importante, anche a causa dello sparo dell’anestetico che è necessario effettuare per raggiungerlo. Inoltre, non possono mai essere escluse complicanze che l’anestesia può comportare quando non è possibile eseguire test prima di agire”. L’orsa potrebbe essere morta a causa di un problema cardiaco o metabolico.

L’animale era stato portato nei boschi del Trentino nel 2000, nell’ambito di un progetto di ripopolazione dell’area. Il 15 agosto scorso, però, Daniza aveva aggredito un cercatore di funghi sulle montagne di Pinzolo e, per questo motivo, era partita la caccia all’animale e ai suoi cuccioli. Le istituzioni locali avevano da subito dichiarato che l’abbattimento dell’orsa “rimane come ipotesi estrema qualora l’animale, durante l’operazione di cattura, dovesse provocare un imminente, grave e non altrimenti evitabile pericolo per gli operatori e per terzi”. Un boscaiolo aveva segnalato, nei giorni scorsi, che l’animale era entrato in un ovile e aveva ucciso delle pecore. Si era poi alzato su le zampe anteriori con l’intento di attaccare l’uomo che, però, era riuscito a scappare.

BrambillaSulla questione si erano espressi molti rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni ambientaliste locali. “Daniza rischia ‘l’ergastolo’ non per motivi tecnici, ma politici, per pura intolleranza verso gli orsi”. Così aveva commentato la vicenda Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente (Leidaa). D’accordo anche la delegata regionale della Lega abolizione caccia (Lac), Caterina Rosa Marino, contraria alla cattura dell’animale. La rappresentante animalista aveva spiegato come l’uomo aggredito si fosse trovato nella peggior situazione possibile: “Di fronte a una madre che difende i suoi cuccioli”. Lega Nord e Forza Italia avevano voluto sottolineare, invece, l’emergenza orsi in quella zona. “Ma cosa si aspettavano che facessero gli orsi con i piccoli in giro per le montagne? Mangiassero l’erba?”, aveva commentato Giacomo Bezzi, consigliere provinciale di Forza Italia.

Gli animalisti temono, adesso, per la vita di un altro orso, Genè, che si trova nei boschi dell’Altopiano di Asiago. I sindaci della zona, dopo essersi riuniti, sembra abbiano deciso di abbattere l’animale, responsabile di numerosi attacchi nella zona.

http://www.ilfattoquotidiano.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Trentino Alto Adige

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. ghibli scrive:

    se autorizzassero i proprietari degli stalli ad usare cartucce con pallini di plastica , come hanno fatto in Abruzzo, gli orsi avrebbero più paura e non si avvicinerebbero ne agli uomini ne agli allevamenti
    ed oggi avremmo una orsa in più e meno animali domestici attaccati

  2. Renzo scrive:

    Ehhh ma è troppo complicato quanto proponi. L’ORSA DOVEVA essere abbattuta per far parlare i soliti noti , a cui dell’orsa in realtà non frega nulla . Tanto è vero che si legge nella frase tipica —- il ministro dell’ambiente deve dimettersi ——. La politica è tanto subdola che se interessasse per qualche voto farebbero abbattere anche l’ultimo animale presente sul pianeta. Invece di “ripopolare ” con un orso di natura problematica e feroce , perche non hanno pensato di immettere l’orso MARSICANO , molto , ma molto piu docile ? Forse tutto questo non sarebbe accaduto. Vero è che certe persone per avere visibilità venderebbero la madre !

  3. CLAUDIO TORTOIOLI scrive:

    Ricordiamo ha Bonelli,Rocchi,Brambilla, Marino, che ogni giorno nel mondo perdono la vita tantissimi bambini per mancanza di cibo, medicine e latte pediatrico.
    Potrei dire tantissime altre cose, ma ne vale la pena? certi individui? cretini o molto di più?
    GIUDICATE VOI

  4. Ferdnando Ratti scrive:

    Perchè le guardie forestali non sparano una dose massiccia di narcotico anche a: Bonelli,la Rossa e Marino; così almeno si addormentano per un bel pò di tempo e non sparano più le loro solite cazzate???

  5. Felice Seralessandri scrive:

    La colpa morale di cio’ che e successo e di coloro che hanno permesso illo tempore la liberazione dell’orsa in un ambiente antropizzato e quindi inadatto.
    Coloro che pretendono di far vivere orsi , lupi ed altri animali pericolosi in prossimita’ dell`uomo non fanno altro che dare la prova della loro ignoranza e dello scarso amore nei confronti degli animali.

  6. CLAUDIO TORTOIOLI scrive:

    Bravo Felice.

Leave a Reply


+ 5 = 11

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.