Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Urbino: invasione di lupi, paura per un gruppo di fungaioli

| 31 agosto 2014 | 1 Comment

Invasione di lupi, paura per un gruppo di fungaioli: per scappare uno si rompe il braccio. Gambini: “Problema di pubblica sicurezza per tutti”

Lupo-lunaURBINO – Non bastava la crisi ha mettere in dura difficoltà le aziende agricole e gli allevatori del territorio provinciale, ma come da tempo molti di essi denunciano, i conti si devono fare anche con gli animali selvatici. Parte dei lupi presenti sono prolificatori.

Non qualche istrice o volpe che già di per se sono nemiche di colture e piccoli allevamenti, ma è sempre più massiccia la presenza di cinghiali che si spingono anche vicino le abitazioni, e di lupi che fanno razzie di ovini.

Non solo negli allevamenti. Il sindaco di Borgo Pace, Romina Pierantoni, intervenuta assieme agli altri sindaci del territorio, le associazioni di categoria e il Commissario della provincia di Pesaro e Urbino, Massimo Galuzzi ad un incontro con la stampa, organizzato dalla giunta Gambini. La Pierantoni, allarmata, dichiara delle difficoltà che sta vivendo nel suo territorio: “Abbiamo tenuto certi dati nascosti, in alcuni casi gli esemplari sono di più di quanti segnalati. La situazione è difficilissima quando si vive di turismo. Qualche giorno fa due lupi alle 10.30 del mattino stavano passando indisturbati nella strada per Parchiule. Un gruppo di fungaioli del paese si è imbattuto, giorni fa, in un branco di 7/8 lupi e uno di loro per la paura, scappando si rotto un braccio”

Maurizio Gambini, sindaco di Urbino, dice “questo è un problema di pubblica sicurezza. Non solo per gli allevamenti ma anche per le persone. I lupi vanno di certo tutelati, così come le persone e come le aziende agricole. Andrebbero prelevati e ricondotti nelle aree giuste.”

Gli altri animali selvatici che danni possono provocare agli agricoltori?

“E’ un danno enorme per il settore primario. Cinghiali, daini e caprioli condizionano tutti i singoli agricoltori su cosa piantare: perché sanno con certezza che se la scelta ricade su girasole o legumi non si vedrà il raccolto. E’ un danno enorme per il settore primario”.

“Dobbiamo imporre alle autorità competenti – continua Gambini – in collaborazione con le nostre amministrazioni e le associazioni di categoria per mettere mano al problema e non rimanere fermi sui monitoraggi che questo è un problema realmente esistente. Presenza 0 vicino ai centri abitati di lupi e del 10% degli altri animali. La presenza di questi animali oltre ad annullare gli sforzi degli imprenditori agricoli, vanifica anche i fondi e gli incentivi europei e regionali.

Gianfranco Santi, direttore di C.I.A. Marche, lancia una petizione della C.I.A. e delle associazioni di categoria regionali. “Questo programma sta creando una diseconomia del territorio, chi di competenza deve smettere di parlare e agire. Le leggi ci sono ma ci deve essere una semplificazione nelle procedure di intervento immediato.”

di Francesco Pierucci

30 agosto 2014

http://www.pu24.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Marche

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ferdnando Ratti scrive:

    Abbiamo tenuto certi dati nascosti!!!.
    Bravi 7+ come direbbe il comico Renato Pozzetto.
    Adesso non lamentatevi che alcune specie stanno facendo danni, ed i lupi hanno partorito e si sono moltiplicati!!!.
    Ma in che mondo vivevate???; forse a qualcuno ha fatto più comodo ascoltare il megafono degli anticaccia e dei media, piuttosto che quello che veniva riportato dai cacciatori(che l’ambiente lo vivono veramente per 365 giorni l’anno).
    A mio modesto parere, il Lupo va tolto dall’art 2 della 157/92 dalle specie particolarmente protette,oramai non corre nessun pericolo di estinzione, ed inserito nelle specie protette,oltre che inserirlo sotto un rigido controllo nemurico.
    Quando io sostengo che la 157/92 andava rivista tutta,non a spizzichi e bocconi,i fatti ogni giorno mi danno sempre più ragione.
    Ma siccome io sono un cacciatore,le mie ossevazioni sul campo di quanto stà succedendo e suggerimentiin merito; per qualcuno non sono da prendere in considerazione.

Leave a Reply


+ 4 = 11

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.