Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Al via la stagione della caccia

| 26 agosto 2014 | 4 Comments

Al via la stagione della caccia, nel segno della “precarietà e della crisi economica”

Cacciatore tramontoParte la stagione della caccia. Apertura generale in programma la terza domenica di settembre con preaperture, dell’attività venatoria con appostamento, in diverse regioni d’Italia già dalla prossima settimana. Dal primo settembre si comincia in Veneto, Toscana, Marche, Umbria, Campania e Puglia con diverse specie cacciabili. A seguire le altre regioni. “Si chiude il 31 dicembre con la caccia stanziale e, di media, il 31 gennaio per tutta la migratoria con una serie di chiusure intermedie legate alle diverse caratteristiche delle specie”. A fornire il calendario venatorio alle porte è Osvaldo Veneziano, presidente nazionale di Arci Caccia, che con Adnkronos parla di una stagione che inizia nel “segno della precarietà”.

Il problema, spiega Veneziano, è “la modificazione delle competenze istituzionali e il superamento delle province” che determinano una situazione di incertezza su tempi e regole. C’è poi il “mordere della crisi che mette in difficoltà i cacciatori, oggi sempre più anziani e con poche risorse per spostarsi”. Mentre restano “sempre pochi i giovani che si avvicinano a questa pratica“. Veneziano elenca poi alcune delle regole che il cacciatore deve osservare: stop il martedì e venerdì, mentre tra i restanti cinque giorni della settimana dovrà sceglierne al massimo tre. Tre i colpi consentiti in canna salvo che per la carabina nella caccia al cinghiale che può contenere fino a cinque colpi. Tante regole, dunque, che l’appassionato dovrà rispettare e che lo distinguono dal bracconiere, “il nemico più grande del cacciatore”, dice Veneziano. “Perché ha costruito un’immagine del cacciatore che spara a tutto”.

Fauna selvatica e bracconaggio – Altro discorso poi quello dell’uccisione di animali ritenuti pericolosi per gli allevamenti come i lupi che contano circa un migliaio di esemplari in Italia. “Questi animali – spiega il responsabile area Conservazione del Wwf, Fabrizio Bulgarini – vengono spesso avvelenati oppure barbaramente uccisi con dei lacci”. Più di un lupo è stato ammazzato, dopo una razzia tra i greggi, impiccato ed esposto in segno di protesta. E’ successo nel Frusinate, nel Parco dei Monti Simbruini e in Maremma. Neanche quelli del Parco d’Abruzzo sono stati risparmiati. Ne sono stati uccisi quattordici in meno di due anni.

Discorso ancora diverso per i cinghiali che nel nostro Paese sono un milione. “Sono numerosissimi – spiega Bulgarini – perché dieci, quindici anni fa sono stati portati nel nostro Paese dall’Europa centrale e dell’Est per ragioni venatorie, in particolare dalla Germania e della Polonia. I cinghiali d’importazione sono però più grossi di quelli nostrani e, dato il vasto numero, possono creare seri problemi all’agricoltura. Il controllo biologico? Deve essere fatto con intelligenza perché se gli si spara si rischia di ottenere l’effetto contrario, mentre per far scendere il loro numero funziona la cattura di esemplari selezionati e il mantenimento in particolari recinti”.

Difficile la convivenza anche con gli orsi, specie protetta come i lupi. E’ di queste settimane il ‘caso’ di Daniza ancora in fuga dopo l’aggressione a un cercatore di funghi, in provincia di Trento, o dell’orso che ha sbranato degli asini, in provincia di Sondrio. Da qui la richiesta di alcuni, preoccupati dei danni agli allevamenti se non addirittura alle persone, di procedere all’abbattimento.

L’attività del Corpo forestale – In questo contesto si inserisce il lavoro del Corpo Forestale dello Stato impegnato nella tutela del patrimonio naturale e paesaggistico. La protezione della fauna, e più in generale del mondo animale, è uno dei compiti istituzionali che il Corpo svolge attraverso le sue strutture territoriali, il NOA (Nucleo Operativo Antibracconaggio) e il NIRDA (Nucleo Investigativo per i Reati in Danno agli Animali), oltre che con la sezione investigativa della CITES. Nel mirino degli ‘agenti’ ambientali il bracconaggio, il maltrattamento degli animali e il traffico illegale delle specie in via di estinzione. Per quanto riguarda la protezione della fauna selvatica e il prelievo venatorio, i reati accertati nei primi sei mesi dell’anno sono stati 303 (in testa la regione Campania, seguita dalla Puglia), contro i 732 di tutto il 2013, le persone denunciate 193, i sequestri penali 243.

http://www.adnkronos.com

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , ,

Category: Generale

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. lucio scrive:

    noa nidra cites..ma chi li paga questi vagabondi che vadano a lavorare

  2. Più chiarezza scrive:

    È indemoniato. Questo Veneziano è su tutte le palle, un forzato dell’apparizione. Dategli un calmante e fategli un corso di italiano scritto. Mette le virgolette da per tutto. “Veneziano riposati”, fatti una doccia ghiacciata!

  3. Steve Chiarini scrive:

    C’è una famosa canzone di Mina che recita…blublu le mille palle blu..blublu le contropalle blu..ecc.ecc. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: (f)

  4. Ferdinando Ratti scrive:

    Preapertura della caccia il 1 Settembre!!!.
    Sperando sempre che qualche ricorso al TAR da parte degli anticaccia non la blocchi.

Leave a Reply


+ 1 = 4

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.