Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Orsa Daniza: scontri tra animalisti e popolazione

| 24 agosto 2014 | 14 Comments

Cattura Daniza: scontri fra ambientalisti e la gente di Pinzolo
Momenti di grande tensione a Pinzolo dove alle 14 di oggi doveva partire l’ennesima protesta degli animalisti contro l’ordinanza di cattura per l’orsa Daniza.

orsa con cuccioliIl corteo, composto da una cinquantina di attivisti provenienti da tutt’Italia, doveva partire dalla piazza principale, ma è stato bloccato inaspettatamente dalla gente di Pinzolo e da un nutrito drappello di turisti, che probabilmente sostengono la pericolosità dell’orso e credono alla versione di Daniele Maturi, alias «Carnera», l’uomo che ha rischiato la vita nello scontro con Daniza. Le persone in difesa di Maturi si stimano in oltre 1000.

Tanta la confusione e una sorta di tutti contro tutti, cacciatori, pro Daniza, contro l’orsa, ambientalisti, animalisti ecc ecc… minacce contro i cacciatori chiamati «assassini» e slogan impronunciabili.

La contro manifestazione non era stata autorizzata, lo era infatti solo quella degli animalisti ma la gente della val Rendena si è radunata lo stesso a Pinzolo. Presente anche Maurizio Fugatti della lega nord: «la gente di tutta la val Rendena in modo spontaneo e non organizzato si è radunata qui, e tutti contro gli animalisti, questo credo sia un segnale importante. Comincia a serpeggiare il dubbio che il Pd – ha spiegato Fugatti – da una parte governa, mentre dall’altra “aizza” le piazze contro il Patt, come avvenuto oggi qui a Pinzolo dove i manifestanti antiorso erano chiaramente soggetti di sinistra, pur se la gran parte non trentini».

La gente di Pinzolo ha sbarrato la strada agli ambientalisti che quindi non sono potuti partite per il corteo nelle vie del paese. Sono cominciate urla, spintoni, insulti e qualche ceffone. Le forze dell’ordine sono subito intervenute e per riportare la calma hanno dovuto anche usare i manganelli per evitare guai peggiori.

La situazione è diventata sempre più nervosa a tal punto che il sindaco Bonomi ha dovuto chiamare d’urgenza una corriera per caricare gli ambientalisti e farli uscire incolumi dal paese.

Quanto successo è solo la continuazione di quanto visto ieri a Trento, dove 8 manifestanti hanno occupato la provincia e sono poi stati sgomberati dalle forze dell’ordine. Sono sempre maggiori le associazioni che si stanno dissociando da questo gruppo che si dice «ambientalista».

Ieri è toccato alla Lac (lega abolizione Caccia) che si è dichiarata estranea e assolutamente in disaccordo con il gruppo che ha fatto irruzione in provincia, oggi anche i verdi in una nota si sono dissociati: «In questa nota desideriamo esprimere la nostra totale estraneità a qualsiasi attività non civile come quella vista ieri nel palazzo della PAT – riporta la nota dei Verdi – Appoggiamo la causa di Daniza libera, le associazioni che hanno avviato la fiaccolata, ma non queste iniziative che riteniamo fuori da ogni confronto democratico e irrispettoso delle istituzioni».

http://lavocedeltrentino.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Trentino Alto Adige

Comments (14)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Peter scrive:

    Gli sbagli delle autorità preposte che all’epoca furono perpetrati per dare ascolto a quattro animalari, così si scontano. Che senso ha oggi dire “abbattiamo l’orsa”, “rinchiudiamola in un recinto” e baggianate di questo genere, quando l’errore fu fatto al momento della reintroduzione dei plantigradi? Non lo si sapeva che il nostro paese non era adatto allo scopo? Mi si viene a dire che una volta vivevano nei nostri boschi: si è vero, ma una volta. Ci si deve chiedere: è possibile ancora la permanenza di questi animali nei nostri territori ormai eccessivamente antropizzati? Oppure si deve dare ascolto ancora a quei quattro gatti di animalisti a senso unico?

  2. guy scrive:

    solo una buona dose di randello x questi xxxx

  3. Ferdinando Ratti scrive:

    A mio parere ha sbagliato il sindaco di Pinzolo a chiamare un corriera per fare uscire incolumi dal paese gli ambientalisti; doveva lasciarli nelle mane dei suoi concittadini.
    Forse solo dopo una buona dose di legnate,questi signori capivano che anche la gente comune oramai è stanca delle loro pagliacciate.

  4. ennio scrive:

    per me sbaglia la gente di Pinzolo….in particolare quando dicono che il territorio è loro e decidono loro,ma smettiamola con queste autonomie!!! è semplicemente vergognoso! allora perchè alcune persone praticando i monti vengono morse da vipere,non eliminare le vipere?…..diverse persone ogni anno perdono la vita in seguito a shock anafilattico dopo essere stati punti da vespe o api…che facciamo eliminiamo vespe e api???…l’orso c’è anche in Abruzzo…come c’è il lupo ormai su tutto l’Appennino…ma forse sarebbe stato meglio che quel signore andando per funghi avvistando l’orsa con i suoi piccoli si fosse subito allontanato,anzichè andare a curiosare da vicino rimediando un paio di “schiaffoni” da mamma orsa.

    • Nico scrive:

      La storia è un pò diversa da questa caro Ennio..in ogni caso si deve scegliere tra il consentire che un’orsa che non evita di attaccare l’uomo viva vicino ai paesi con rischi gravi e reali per la popolazione e l’incolumità di chi va per boschi, dal cacciatore all’animalaro puro…mi sembra che ci sia un’interesse prevalente…

      • ennio scrive:

        caro Nico…come fai a dire che la storia è un pò diversa??…noi ,io e te conosciamo solo la versione che ha raccontato il cercatore di funghi….ma io non sono più un pivello…e so come ci si comporta spesso davanti a un incontro non comune…la curiosità ci avvolge….come potrebbe capitare(ed è capitato) se si è troppo curiosi incontrandosi con una scrofa di cinghiale con i suoi piccoli.

        • Giacomo scrive:

          Avevamo raggiunto un certo grado di sicurezza e benessere per non dire di vivere civile, andando in montagna per funghi e per caccia o per frutti di boschi per avere un po di tranquillita e distensione dopo ore di lavoro, come stanno le cose adesso mi sembra che tutto questo si stia perdendo. Arrivare addirittura agli orsi mi sembra un’esagerazione per quanto riguarda il pericolo a cui si può andare incontro. Comunque tanto per rispondere a Ennio che giustamente fa un paragone con mamma cinghiale, allora dico io : non si può prevedere la distanza nel fare un incontro del genere, se ci arrivi molto vicino sei fritto lo stesso ( questo parlando in generale). Comunque, immettere altri animali pericolosi oltre ai cinghiali ai lupi e sen non sbaglio anche i cervi aumenta LA PERCENTUALE di pericolosità, oltretutto questi animali le cui femmine avendo i cuccioli, sappiamo tutti che diventano molto più pericolosi ! Io non so fino a che punto poi sia giusto o meno l’immissione in un ambiente antropizzato come il nostro, so solo che noi per andare a funghi e per andare a caccia paghiamo una tassa !! Non è più come una volta tutto gratis o per modica spesa, per cui una certa tutela chi si prende i soldi di tasse la deve dare sulla incolumità della persona a cui piace fare queste attività, che ripeto, danno un reddito per alleviare la spesa pubblica. O si vuole fare il commercio senza spendere soldi per il prodotto ! Mah…! Io cosi la vedo ma mi posso anche sbagliare. :wink: Salutiaaamo

  5. Paolotele scrive:

    Io sono un grande appassionato di osservazioni naturaliste, escursionismo e trekking e scialpinismo. Ho un lavoro che mi consente di “lavorare a distanza” e così da una decina d’anni mi sono potuto trasferire a vivere in un paesino di montagna del parco nazionale d’Abruzzo. Passo la vita in montagna. Ho incontrato gli orsi decine di volte, anche mamme con due cuccioli, anche a pochi metri di distanza. Ho seguito sempre le regole da applicare in questi casi e non mi è mai successo niente. Ho fatto anche tante escursioni e trekking nel parco del brenta rilevando spesso tracce (orme su neve e fatte) di orsi ed è’ sempre stata una grandissima emozione. Comunque chi va in terra di orsi sa che si accolla qualche rischio, ma è come un fantastico viaggio nella nostra preistoria umana. Gli orsi sono il mistero dei boschi, sono la natura, sono la vita.

  6. begallo scrive:

    Il Sindaco ha dovuto caricare in fretta e furia i cosidetti animalbestialisti pagliacci e quant’altro su una corriera……peccato…..

  7. luigi da sorrento scrive:

    ….ma…gli animalisti, andare a Lampedusa per aiutare a salvare qualche bambino che rischia di affogare….no…vero????

  8. Ferdinando Ratti scrive:

    Giacomo tutti i Cervidi,sono pericolosi per l’uomo, se entri nel loro territorio, solo quando i maschi hanno raggiunto la piena maturità sociale; ossia che sono in grado di fare i combattimenti con gli altri maschi dominanti.(lo fanno anche i Caprioli i Daini)
    I Cervi maschi attaccano l’uomo non perchè tale, ma perchè essendo territoriali, pensano solo a difendere il loro territorio ed harem dagli intrusi.
    Siccome che in natura il diritto all’atto sessuale finalizzato alla riproduzione della specie è riservato ai solo ai maschi adulti e più forti; con il maschio perdente che deve lasciare il proprio posto e territorio al più forte; entrando nel loro territorio (che viene marcato con segnali olfattivi e visivi),intendono questo atto come una minaccia ed una sfida alla loro sovranità territoriale.
    Quattro anni circa fà ad Olginate in provicia di Lecco, un cervo maschio di 5 anni, sfuggito da un agriturismo; ha incornato ed ucciso un uomo che faceva una passeggiata nel bosco,lo ha fatto perhè questi era entrato in quello che lui considerava come il suo territorio di dominio.
    Ti dò una notizia fresca di stampa:
    ieri il famoso Orso M25, in un alpeggio appena sopra l’abitato di Sondrio ha ucciso e sbranato 4 Asini,immaginati come si possano sentire gli allevatori, oltre che gli abitanti di quella zona.(esursionisti e cercatori di funghi compresi)
    Quest’Orso in quella zona della Valtellina è diventato davvero problematico; va abbattuto senza tanti se,ne tanti altri ma.
    un caro saluto.

  9. ghibli scrive:

    è giusto che ci siano orsi e lupi come è giusto che chi li ha voluti si deve addossare la copertura dei danni
    dovremmo chiedere che questi danni siano pagati dagli animalisti e dagli ambientalisti che hanno perorato e incassato milioni di euro per questi progetti
    se le nostre AA.VV chiedessero a gran voce ed ottenessero questo piccolo passo che problema ci sarebbe se ci fossero lupi e orsi?
    diventerebbero problemi degli ambientaanimalisti

    • Peter scrive:

      Problemi degli ambientalisti? Ma quanto mai ghibli; a quelli interessa solo fare casino, incassare il più possibile e i problemi sono poi di altri, con buona pace dei poveri fessi.

Leave a Reply


8 + = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.