Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

La Fidc al fianco delle specie in pericolo di estinzione

| 20 agosto 2014 | 8 Comments

La Federcaccia al fianco delle specie in pericolo di estinzione

Si chiama Artemide l’ibis eremita adottato dalla Federazione Italiana della Caccia. Un nome simbolico per rappresentare l’impegno concreto dei cacciatori a difesa di tutte le specie selvatiche, indipendentemente dal loro interesse venatorio

FedercacciaArtemide. Questo il nome scelto per l’esemplare di ibis eremita adottato dall’Ufficio Avifauna Migratoria FIdC, ultimo passo in ordine di tempo di un percorso iniziato da qualche anno da Federazione Italiana della Caccia, impegnata a sostenere il progetto internazionale che mira a reintrodurre in Europa questa specie migratoria, una fra quelle maggiormente a rischio a livello mondiale.
Quale nome più adatto di quello della dea venerata dagli antichi greci come nume tutelare della caccia, ma anche della natura e di tutto ciò che vive e prospera al di fuori della cerchia urbana e dei campi coltivati? Un nome doppiamente simbolico, perché sancisce quel ruolo di custode di ambiente, fauna e territorio che è sempre stato del cacciatore e che oggi più che mai deve vederlo nuovamente protagonista riconosciuto dalla società.
Una consapevolezza che ha portato Federcaccia ad aderire nel 2011 alla richiesta di collaborazione rivoltale dai responsabili del progetto Waltrappteam impegnati nella reintroduzione di questo selvatico ormai raro in natura. Una iniziativa allora sconosciuta ai più alla quale Federcaccia ha immediatamente concesso il proprio patrocinio e contribuito a far maggiormente conoscere.
Per la riuscita del progetto, la responsabile italiana Dr.ssa Nicoletta Perco ha sottolineato come si conti molto proprio sull’aiuto dei cacciatori e sulla loro presenza diffusa sul territorio per una vigilanza attiva, a partire dalla prevenzione di sconsiderati atti di bracconaggio, a tutela di questo selvatico. Un ruolo e un impegno che dimostra l’interesse reale degli appassionati per tutti gli uccelli selvatici, senza considerazioni di carniere.
Artemide non è il solo esemplare adottato dai cacciatori italiani. Anche Federcaccia Toscana, assieme ad ANUUMigratoristi e Arci Caccia riuniti nella Confederazione Cacciatori Toscani, lo ricordiamo, ha deciso infatti di partecipare al progetto adottando “Granduca”.
Un gesto necessario ad attirare ulteriormente l’attenzione sull’ibis eremita e che si auspica venga seguito da altre realtà locali, estendendolo magari anche ad altre specie selvatiche in difficoltà.

Gli ibis sono in partenza in questi giorni da Salisburgo diretti verso la zona di Orbetello. L’occasione è giusta, quindi, per sollecitare tutti i cacciatori delle regioni interessate al loro volo di migrazione a prestare particolare attenzione e a riferire eventuali avvistamenti all’Ufficio Avifauna Migratoria di Roma allo 06844094.204/207 o direttamente alla Dr.ssa Perco all’indirizzo mail nikipe@libero.it, tel. 0039 347 5292120.
Inoltre, con una App per smartphone scaricabile dal sito www.waldrapp.eu/app si può essere sempre aggiornati sulla posizione di ognuno di questi magnifici volatori, ma anche in grado di inviare e condividere foto e segnalazioni.
Un’altra occasione per dimostrare concretamente a chi non lo conosce, e a chi lo nega, il nostro amore per la natura in tutte le sue meravigliose espressioni.

Roma, 20 agosto 2014 – Ufficio Stampa Federazione Italiana della Caccia

Category: Cultura, Federcaccia

Comments (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. valentino carbone scrive:

    fidc noi cacciatori siamo specie in estinzione,a quando al nostro fianco…..!!!!! oww (:n) -o- (y) :evil: :cry:

  2. Baghy scrive:

    E ti credo, voi siete aavv in via di estinzione, è logico che prendiate provvedimenti. Baghy

  3. Bekea scrive:

    Ma che c’azzecca l’ibis eremita con la caccia e le AV. Non mi risulta che tale uccello sia mai stato oggetto di caccia, o sia inserito fra le specie caccaibili in nessuna parte del mondo. Non è questa la maniera per far apparire il mondo dei cacciatori più vicino alle attenzioni del mondo animale. Scimiottare e investire risorse per fare la parte dei cacciatori buoni sperando che gli animalisti cambino opinione sulla caccia e i cacciatori è solo pia illusione.Buttare soldi per certi progetti e non difendere la caccia dagli attacchi degli anticaccia è la dimostrazione di ancapacità e ottusità che i dirigenti di questi AV hanno nei confronti dei cacciatori, che li mantengono con le tessere e con i 5,16 € di tutti. (y) (y) (y) (y)

    • Bekea scrive:

      E aggiungo che queste specie in via di estinzione, dovrebbero rientrare nei compiti e nei finanziamenti delle varie sigle animalambientaliste, wwf,lav,lipu,lac,empa,ecc.ecc. Queste ass.ni hanno bilanci milionari, e quindi anche le possibilità economiche per fare e realizzare questi progetti.Le finalità delle AAVV sono: l’obbligo morale e materiale di utilizzare le proprie risorse per difendere la caccia e i cacciatori.

  4. Nico scrive:

    Tra un pó ci diranno che anche i bottacci, beccacce, colombacci ecc. saranno in via di estinzione…unica specie cacciabile sarà, fatalità, il famoso pollo colorato…tanto caro ai fautori della vecchia cara 157…

  5. Giacomo scrive:

    Cosa buona e giusta sarebbe andare a vedere perchè l’ibis è in via di estinzione ! Mi sa tanto che essendo vietato alla caccia da molti anni qualche altro motivo ci sarebbe, c’è proprio bisogno di ripeterlo ? Sicuramente non è colpa dei cacciatori, che evidentemente tramite le associazioni mettono a disposizione il loro contributo per salvare questa specie, come tutte le altre. Credete proprio che riempiendoci di divieti salverete i selvatici ? :wink: Salutiamo

  6. Pietro Pirredda - Arzachena (Sardegna) scrive:

    Fidc, sarebbe meglio che continui ad interessarti solo di gare cinofile, gare skeet altrimenti si rischia di fare ancora più danno alla categoria CACCIAtori :evil:

  7. dardo scrive:

    federcaccia 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) 8) ecc..ecc…

Leave a Reply


2 + 9 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.