Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Siena: un accordo per dare soluzione alla crisi degli ATC

| 19 agosto 2014 | 11 Comments

A Firenze sottoscritto – tra Regione, Arci Caccia e Federcaccia Toscana – un accordo per dare soluzione alla crisi degli ATC senesi.

arcicaccia federcacciaL’accordo sottoscritto tra Regione Toscana, Arci Caccia e Federcaccia Toscana segna un importante passo in avanti per giungere alla soluzione dei problemi aperti che gravano sulla gestione faunistica e sul funzionamento degli ATC in Provincia di Siena.

Da mesi, infatti, si è determinata una situazione di grave crisi tra Provincia, Associazioni agricole e venatorie successivamente sfociata nelle dimissioni dei rappresentanti delle nostre due Associazioni dai Comitati di gestione degli ATC 17 e 18 (che seguivano quelle già avvenute delle Associazioni agricole).

Tale decisione si era resa necessaria per imporre un’accellerazione alla risoluzione dei temi aperti e che ha visto, in questa fase, la volontà della Regione e dell’Assessore Salvadori di rendersi partecipi per favorire, sulla base di una precisa piattaforma di impegni, la ricomposizione di un quadro che consenta l’apertura di una fase nuova capace, al tempo stesso, di traghettare e di gettare le basi per una soluzione che guardi al futuro.

Siena, per la storia e la tradizione che esprime, ha assunto un valore più ampio che non poteva essere circoscritto al solo territorio di riferimento; è qui, che la Regione e le nostre Associazioni hanno dimostrato, anche a coloro che in modo becero e corporativo, dimenticandosi degli interessi generali, arringano nelle piazze per poi trattare nelle segrete stanze, che il solo modo per svolgere una funzione di sana rappresentanza di interessi legittimi è quello di partecipare a confronti reali di cui sono noti i contenuti e le posizioni.

E’ infatti prendendo a riferimento contenuti stringenti e precisi impegni che si è giunti alla condivisione di un percorso che permetterà, seppur in via transitoria e con scadenze temporali determinate, l’operatività degli ATC.

Nello specifico, Regione, Federcaccia ed Arci Caccia Toscana hanno sottoscritto un documento che prevede:

- rivisitazione ed approfondimento, alla luce degli scarsi risultati prodotti, del Piano Faunistico Provinciale (gestione degli ungulati, istituti faunistici pubblici e privati, rapporto tra territorio a caccia programmata ed aree protette);

- impegno per dar seguito, da subito, agli interventi previsti dall’art.37 sugli ungulati;

- ridefinizione delle aree problematiche e conseguente organizzazione del prelievo venatorio e dei contenimenti;

- garanzie rispetto ai trasferimenti finanziari da parte della Regione agli ATC già contenute nella delibera attuativa del PRAF all’esame della Giunta regionale;

- certezze sulla liquidazione dei danni alle colture agricole;

- certezze sulle convenzioni tra Provincia e ATC con particolare riferimento alle ZRC.

Su questi obiettivi, e con il preciso intento di evitare ogni forma di contrapposizione e di esasperazione tra forme di caccia, che è il brodo di coltura nel quale qualcuno vorrebbe far germogliare nuove quanto improbabili fortune, andranno anche correttamente ridefinite e concordate le modalità di svolgimento della caccia di selezione al cinghiale con il fermo intento di salvaguardare tutte le azioni oggi prodotte dalla squadre e dai distretti operanti sul territorio ed il loro ruolo insostituibile sul fronte della prevenzione e degli interventi rivolti al controllo della popolazione di questa specie.

Il complesso di proposte contenute nell’accordo siglato tra Federcaccia e Arcicaccia toscane con la regione è stato oggetto di una tempestiva verifica con il presidente della Provincia Simone Bezzini che ha espresso la propria disponibilità al confronto su tutti i punti ed in particolare a rivedere, alla luce di quanto sottoscritto e con una nuova delibera gli aspetti della determina che regolamenta gli inteventi di controllo connessi con l’articolo 37.

Un risultato positivo, reso possibile dal lavoro svolto dalle associazioni provinciali di Federcaccia e Arcicaccia con pazienza e determinazione, senso di responsabilità in sintonia con le Associazioni regionali

In questo quadro, Federcaccia ed Arci Caccia, in ossequio allo spirito unitario che ha dato vita alla Confederazione dei Cacciatori Toscani – che al contrario di chi oggi ripropone la ricetta della corporazione – si prefigge il grande e necessario obiettivo dell’unità di tutti i cacciatori in una nuova Casa comune, hanno concordemente deciso di nominare nei Comitati di Gestione degli ATC 17 e 18 Massimo Logi segretario regionale e vicepresidente nazionale di Arcicaccia e Moreno Priccioli presidente regionale di Federcaccia; ciò al fine di assicurare, con fiducia e responsabilità l’ordinaria amministrazione, l’avvio di questa nuova fase con l’impegno di verificare l’effettiva corrispondenza tra contenuti e risultati concretamente conseguiti, entro metà ottobre.

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , , ,

Category: Arcicaccia, Cinghiale, Federcaccia, Toscana

Comments (11)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. cialluk scrive:

    Minestra riscaldata.

  2. franc scrive:

    Ma questi due signori non hanno già abbastanza da fare nel seguire le loro associazioni? Come possono svolgere al meglio più incarichi?

  3. Pietro Pirredda - Arzachena (Sardegna) scrive:

    Cari amici e colleghi Senesi….poveri voi…….

  4. OSSERVATORE scrive:

    hanno proprio paura dell’ANLC per scomodare due personaggi tanto impegnati……..

    FORZA ANLC

  5. sniper scrive:

    … Con la scadenza, come lo stracchino all’Esselunga…. Vaia vaia vaìa…

  6. Ferdnando Ratti scrive:

    Pinocchio quando raccontava bugie aveva il naso più corto.

  7. claudio scrive:

    … ma questi personaggi ci sono già stati in incarichi del genere e che hanno fatto? NIENTE. Ora ce li rimettono… che si vuole sperare?
    …LA FINE, grazie all’incompetenza dei manovratori di mestoli.

  8. OSSERVATORE scrive:

    aspetto con ansia il comunicato di risposta dell’anlc come atto dovuto.

  9. Aston scrive:

    Nel sito http://www.anlcsiena.it è stata pubblicato il comunicato dell’ufficio stampa. Secondo me sono stati anche troppo garbati. Quello che hanno fatto questi signori è un’indecenza!! Spero che tutti i cacciatori si rendano conto da chi sono amministrati e prendano le dovute distanze.

  10. dardo scrive:

    157/92, atc, aavv, è un tornado di danari che giustificati dalle consulenze si spostano dove? mah e come un tornado dopo aver fatto danni si dissolve senza lasciare responsabili dei danni causati, e se le aavv menzionate vogliono risolvere i problemi degli atc, che ci provino, ma al volontariato in questo caso non ci credo!

  11. OSSERVATORE scrive:

    Oggi sulla nazione un’intera pagina a pagamento delle AAVV ARCI E FEDER (CCT) che dovete leggere x capire le cazzate che dicono, dicono tutto e il contrario di tutto. Non capiscono che i cacciatori sanno anche leggere, e più loro scrivono e più’ perdono pezzi. Sabato leggete la risposta dell’ANLC.

Leave a Reply


2 + = 3

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.