Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Orgoglio venatorio: resoconto incontro con l’Ispra

| 5 agosto 2014 | 9 Comments

Cacciatore tramontoIn data 04 agosto si è tenuto l’incontro nella sede Ispra ad Ozzano Emilia, fra una delegazione formata da Paolo Sparvoli, Presidente nazionale Liberacaccia, Marco Castellani, Presidente Nazionale Anuu, Alessandro Fiumani, Presidente Nazionale CPA, Carlo Bravo, Presidente ACL, Madonini per la Coldiretti, Balestra Alessandro (CPA) e Bosio Gian Carlo (Enalcaccia‐ProSegugio) per il comitato Orgoglio Venatorio e Barbara Mazzali per il Sindacato Venatorio Italiano ed il Direttore del Servizio
Consulenza dell’ISPRA, dr. Pietro Genovesi accompagnato dal dr. Cecere e dal dr. Randi.
Ha aperto l’incontro il Presidente Nazionale LIBERACACCIA Paolo Sparvoli, sempre presente in queste iniziative a differenza di altri Presidenti Nazionali che latitano, che ha ben introdotto i temi da affrontare posti all’attenzione dei dirigenti Ispra che sono della massima importanza per il mondo venatorio.

I punti salienti sono stati:

1_ Criteri e metodologia nella stesura dei pareri
2_ Mancata fornitura dei dati da parte dell’Istituto
3_ Scambio dati per studi scientifici fra mondo Venatorio ed Ispra
4_ Approccio Ispra alle tematiche venatorie

L’ approfondita e dettagliata relazione da parte di Alessandro Balestra, ben supportato da Bosio e dallo stesso Sparvoli, ha messo in evidenza come a volte Ispra fornisca pareri non adeguatamente motivati dal punto di vista tecnico e scientifico e come peraltro a volte non fornisca i dati ed i servizi per cui è preposta (vedasi ad esempio la
determinazione della “piccola quantità” indispensabile per il prelievo di specie in deroga ferma, ormai, al 2005).

A tutto ciò è stata, per altro, evidenziata la necessità che Ispra rimanga un istituto tecnico e che i pareri non vengano viziati da desiderata politici o peggio ancora da pregiudizi ideologici nei confronti del mondo venatorio.
Il dr. Genovesi ha illustrato quali siano i mezzi del suo Dipartimento, di cui è alla giuda da pochi mesi, che è formato da 10 tecnici ed ha tenuto comunque a ribadire che i pareri Ispra della sua gestione saranno rigorosamente tecnici e tali rimarranno.
Ciò comporta che in caso di dati diversi e contrari Ispra è pronta a modificare i propri convincimenti, a tal riguardo ha testualmente affermato che “qualunque fonte di dati verrà valutata in modo rigoroso”.
Questa affermazione introduce uno dei punti fondamentali dell’incontro che è quello del contributo collaborativo che il mondo venatorio ha offerto e vuole offrire ad Ispra.
In questo clima, estremamente franco e con questa apertura, ci siamo congedati con l’impegno da parte nostra che sarà inviata una formale richiesta di parere su alcuni quesiti, come quello sulle piccola quantità, solo accennati, ma che necessitano di una risposta ufficiale.

Comunque il giudizio che ne abbiamo tratto è quello di un’incontro “aperto e costruttivo”, dove nel rispetto dei compiti e dei ruoli ciascuno ha espresso le proprie opinioni e rimarcato le posizioni con la chiara sensazione che per una volta sia prevalsa la capacità di ascolto e di proposizione.

Crediamo si possa considerare questo come l’inizio di un percorso che non ci vedrà accettare passivamente pareri di Ispra, dove saremo validi interlocutori, monitorando costantemente l’attività dell’Istituto per quanto concerne le tematiche faunistico‐venatorie.

Nelle sue conclusioni Sparvoli ha fatto notare che oggi qualcosa è cambiato e, se prevarrà il buon senso, sarà sicuramente utile per perseguire il vero fine, e vale a dire, trovare soluzioni compatibili che coniugano l’attività venatoria e la salvaguardia della biodiversità che è quello che noi cacciatori vogliamo.

Il Comitato dell’Orgoglio Venatorio

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: AAVV

Comments (9)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. peppol@ scrive:

    speriamo :mrgreen:

  2. Peter scrive:

    “””””Nelle sue conclusioni Sparvoli ha fatto notare che oggi qualcosa è cambiato e, se prevarrà il buon senso, sarà sicuramente utile per perseguire il vero fine, e vale a dire, trovare soluzioni compatibili che coniugano l’attività venatoria e la salvaguardia della biodiversità che è quello che noi cacciatori vogliamo.””””””
    I cacciatori la salvaguardia della biodiversità l’hanno da sempre cercata. Se non salvaguardassimo la fauna e anche la flora domani cosa ci rimarrebbe da poter cacciare? La cosa per noi è sempre stata ed è implica e mai disgiunta.

  3. Luigi da Sorrento scrive:

    Se sono vere le intenzioni dell’ISPRA, la prima marcia indietro dovrebbe farlo sulla beccaccia, poiche’ la FANBPO la ritiene specie stabile mentre l’ ISPRA la ritiene ancora in diminuizione…suggerendo le chiusure alla specie che tutti noi conosciamo….voglio proprio vedere…

  4. Francesco Cattani scrive:

    -o- arcicaccia e federcaccia

  5. Giacomo scrive:

    A tutto ciò è stata, per altro, evidenziata la necessità che Ispra rimanga un istituto tecnico e che i pareri non vengano viziati da desiderata politici o peggio ancora da pregiudizi ideologici nei confronti del mondo venatorio.
    ——————————————————
    Se non sbaglio questo Istituto dipende dal ministero dell’ambiente, coopera con l’Agenzia europea dell’ambiente e con le istituzioni ed organizzazioni nazionali ed internazionali operanti in materia di salvaguardia ambientale. Secondo il mio modesto avviso da domani mattina dovrebbe già mettere in evidenza che i nostri KC non corrispondono a quelli delle altre nazioni sottolineandolo all’agenzia europea prendendo le dovute iniziative per modificarli almeno entro l’anno ! Così come dopodomani dovrebbe sottolineare a natura 2000 ( quella che gestisce ZPS, SIC etc..) e prendere i dovuti provvedimenti entro l’anno, che la beccaccia in queste aree attualmente anche fuori dai parchi come in Campania (come se non bastassero i parchi) viene chiusa al 31 Dicembre, la caccia giornaliera e fino alle ore 12, e il lunedi non si caccia, quindi altro giorno di chiusura, per non dire di tutti gli altri limiti e della gestione ambientale per la fauna selvatica che ancora non ho avuto il piacere di conoscere, forse perché non riesco a vederla. La gestione ambientale sembra venga intesa in queste aree come limitazioni alla caccia per non disturbare la selvaggina e tutto è risolto. Certo che se vi accontentate dell’elemosina di un fringuello in più da cacciare può anche darsi che lo mettano nel piattino, sempre facendo prima i conti con il sig. ministro all’ambiente. Mi stavo chiedendo perché non ha partecipato anche la FIDC. :wink: Salutiamo

    • valentino carbone scrive:

      caro giacomo prima difendevi sempre e cmq la tua fidc,da un pò di tempo a questa parte prima la critichi e poi la difendi(come si dice,con una mano la picchia e con l’altra la medica).non devi essere tifoso e fanatico della tua assoc. andando avanti come un mulo con i paraocchi,ma fartene una ragione(come tanti altri)che anche la tua più grande fidc ti vende e se ne frega della tua passione + avendo gente incompetente!!!!a me mi fa pensare che una parte lo fa per ignoranza ma una grande parte perchè facendo parte come tesserati ci guadagnino qualcosa……perchè al 2014 e ancora non si lo capisce a me mi fa pensare solo a questo….salutiamo!!!

      • Giacomo scrive:

        Tu pensa al sindacato e cerca di darti da fare per denunciare le illegalità nei confronti di caccia, cacciatori e ambiente, che alla mia associazione ci penso io a modo mio non a modo tuo. Se hai qualcosa da dire alla Fidc vaglielo a dire ai vari presidenti regionali e provinciali non al sottoscritto, io sono uno e valgo per uno. :wink: Salutiamo

        PS. Io anche essendo iscritto alla FIDC per lo SVI sto facendo molto cerca di non dimenticarlo.

  6. PISTOLA scrive:

    LA FEDER’ L’ARCI’ IL CCT? ERANO IMPEGNATI A FARE IL LORO MANIFESTO PUBBLICITARIO E LI SPOT TELEVISIVI PER LA LORO CAMPAGNA TESSERE.

    CACCIATORI MEDITATE A CHI DOVETE DARE FIDUCIA L’ANLC E’ LUNICO VERO SINDACATO DEI CACCIATORI

  7. Pietro Pirredda da Arzachena (Sardegna) scrive:

    Tutta demagogia. Si deve rivedere la legge e togliere potere all’Ispra. Insomma tornare prima dell’era Prestigiacomo/Brambilla
    Le AA.VV invece si guardano bene dal proporre una nuova legge

Leave a Reply


1 + = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.