Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Ravenna: ok per i capanni da pesca e da caccia

| 1 agosto 2014 | 0 Comments

Ravenna – Capanni, fumata bianca: approvato il nuovo regolamento. Matteucci: “Salvaguardiamo l’ambiente”
“I capanni – ha esordito il sindaco Fabrizio Matteucci – fanno parte della storia, del paesaggio e della cultura di Ravenna. I capanni fanno parte della vita quotidiana di migliaia di famiglie ravennati. Per me è una presenza irrinunciabile“.

capanno_cacciaIl consiglio comunale di Ravenna ha approvato il regolamento dei capanni da pesca e da caccia (favorevoli Pd, Pri, Fed sinistra, Idv; astenuti Lista per Ravenna e Lega nord Romagna). “I capanni – ha esordito il sindaco Fabrizio Matteucci – fanno parte della storia, del paesaggio e della cultura di Ravenna. I capanni fanno parte della vita quotidiana di migliaia di famiglie ravennati. Per me è una presenza irrinunciabile”.

“In genere i politici di fronte a materie sensibili e complicatissime da regolare come questa, se possono, stanno con le mani in mano – ha aggiunto -. Noi potevamo, ma abbiamo deciso la strada della responsabilità. Il regolamento non era ulteriormente rinviabile. Le nostre valli, i nostri ambienti naturali sono di una bellezza straordinaria. Il regolamento approvato ha l’obiettivo di una sempre maggiore compatibilità fra ambiente e presenza dell’uomo. Compatibilità misurata con il metro del 2014 e degli anni a venire. Ha l’obbiettivo di ripulire le nostre valli e i nostri fiumi da tutti i materiali non “compatibili”. Ha l’obbiettivo di dare ai “capannisti” certezze sulla regolarità dei loro capanni e sulle concessioni, per poi poter procedere agli interventi necessari per la riqualificazione”.

“Il regolamento – chiosa il primo cittadino -. mantiene in essere tutti i capanni che in qualche modo dimostrano di avere un “titolo” legittimante la loro esistenza. Con il regolamento abbiamo individuato la soluzione per consentire di mantenere in essere anche quei capanni in grado di dimostrare la loro presenza prima dei vincoli edilizi o paesaggistici, messi in atto dalle leggi sull’edilizia. Il nostro obbiettivo non sono le demolizioni dei capanni ma la salvaguardia del numero maggiore possibile e la loro qualificazione. Con il nuovo regolamento rendiamo protagonisti della difesa, della valorizzazione e della riqualificazione di questi ambienti di una bellezza inestimabile, insieme al Comune, i capannisti e tutti i cittadini che frequentano, rispettano, amano e vogliono migliorare questi nostri tesori naturali. Il prossimo impegno su questo tema riguarda il regolamento delle concessioni.”

Terminata la votazione delle 168 controdeduzioni alle osservazioni sul regolamento sono stati approvati tre ordini del giorno. Il primo, approvato all’unanimità, presentato da Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna) e sottoscritto durante la seduta da Silvia Savorelli (Pd) “demanda alla Giunta comunale e alle commissioni consiliari Assetto del Territorio e Ambiente, in sede di predisposizione della proposta di un nuovo regolamento comunale per la concessione d’uso dei terreni demaniali su cui insistono capanni da pesca e da caccia, di verificare, sul piano legale, possibilità, limiti e modalità di estensione della facoltà di riqualificazione a capanni esistenti su aree finora non assegnate in concessione”.

Il presentato anch’esso da Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna) e sottoscritto in corso di seduta da Silvia Savorelli (Pd), ha ottenuto il voto favorevole di tutti i gruppi e l’astensione di Lega nord, ed “esprime alla Giunta comunale e alle commissioni consiliari Affari Istituzionali e Patrimonio l’indirizzo di operare affinché, in sede di predisposizione della proposta di un nuovo regolamento comunale per la concessione d’uso dei terreni demaniali su cui insistono capanni da pesca e da caccia, siano perseguite le seguenti indicazioni: durata ordinaria delle concessioni di almeno 8 anni; all’atto della scadenza della prima concessione, prevederne un’estensione automatica, per un pari periodo, solo ai soggetti che hanno portato a termine i rispettivi Piani di Recupero; in via subordinata, qualora quanto sopra non risultasse giuridicamente praticabile, inserire nella procedura di assegnazione delle concessioni immediatamente successive alla prima il diritto di prelazione per i soggetti che hanno portato a termine i rispettivi Piani di Recupero”.

Il terzo odg, presentato dal Paolo Guerra di lega nord, è stato approvato all’unanimità e “impegna il Sindaco e gli Assessorati competenti a redigere ed approvare il nuovo Regolamento delle Concessioni entro e non oltre la primavera del 2015; a valutare la possibilità che il nuovo Regolamento delle Concessioni preveda il raddoppio dei tempi di concessione limitatamente al primo rilascio, per stimolare l’esecuzione degli interventi di riqualificazione richiesti dal Regolamento edilizio dei Capanni compensandone i costi in un tempo congruo”.

“Dopo dodici commissioni – commenta il capogruppo del Pd, Matteo Cavicchioli – siamo arrivati finalmente alla fine del percorso. I commissari hanno svolto un lavoro importantissimo, e va reso merito in particolare ai consiglieri e alle consigliere Silvia Savorelli, Patrizia Strocchi, Antonio Zampiga, e al presidente di Commissione Andrea Tarroni. Nel dibattito si sono susseguite opinioni a volte divergenti sui vari punti del regolamento e così si è dato il tempo alle forze politiche di approfondire i temi in maniera puntuale. Vanno ringraziati tutti coloro che hanno partecipato alla redazione del regolamento, dai tecnici all’assessore e, in certa parte, anche i gruppi di opposizione, che hanno dato un contributo costruttivo e preciso, anche se non sempre da noi condiviso.
È però vero come l’apporto della maggioranza, e del gruppo Pd in particolare, sia stato determinante e decisivo nel merito e nel metodo per la riuscita del lavoro, nell’interesse dei cittadini coinvolti (migliaia) e del patrimonio pubblico, che è dato dall’incredibile e importantissimo habitat di cui la comunità ravennate è orgogliosamente custode e su cui i capanni sorgono”.

“Anche in questo caso abbiamo fatto la nostra parte fino in fondo. Senza la nostra chiara presa di posizione sul regolamento – aggiunge il consigliere Gianandrea Baroncini, segretario comunale del Pd – e senza il senso di responsabilità della maggioranza e del Pd in particolare, questo importante strumento non esisterebbe. Nonostante l’opposizione abbia fatto la scelta di astenersi, va dato loro atto della presenza e dell’impegno. Il risultato a cui si è arrivati è merito del Pd e della maggioranza. La cittadinanza deve tenere presente che prendersi le proprie responsabilità per ottenere risultati ha sempre un valore.”

http://www.ravennatoday.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Emilia Romagna

Leave a Reply


9 + = 16

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.