Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Procedure d’Infrazione: sempre la stessa “nenia”

| 1 agosto 2014 | 3 Comments

Procedure d’Infrazione: per la caccia sempre la stessa “nenia”

Ass_VenatorieMentre in Italia Istituzioni e Associazioni venatorie lavorano per rispondere con correttezza alle linee guida di una caccia sostenibile così come dettate dall’Europa e applicate in tutta l’Unione, si cerca di far prevalere posizioni basate su preconcetti e visioni di parte che sembrano essere limitate solo al nostro Paese

In queste ore nei “Palazzi” del Governo e del Parlamento circolano documenti provenienti dalla Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione Europea inviati dal Consigliere Nicola Minasi. Oggetto degli stessi il tema dell’applicazione della Direttiva 2009/147/CE (Direttiva Uccelli), per criticare, anche se parzialmente, il Decreto fatto dal Governo.
Non possiamo non rimanere stupiti per la solerzia e l’attenzione con le quali il Dott. Karl Falkenberg, insieme ad altri, sembra essere impegnato a seguire le vicende italiane della Direttiva Uccelli “minuto per minuto”, mentre non ci risulta che sui temi venatori venga fatto altrettanto e con tanta perentorietà per altri Paesi europei.

La domanda, a questo punto spontanea e doverosa,può essere una sola: a chi giova?

Alla luce delle diversità di trattamento della fauna selvatica in altri Stati, alcuni dei quali anche meno impegnatirispetto a quanto l’Italia fa per tutelarla, sarà cura delle Associazioni venatorie nazionali porre formalmente la questione alle Istituzioni Europee al fine del raggiungimento di una chiarificazione su un principio generale: ovveroche “la legge è uguale per tutti ovunque e dovunque”, sia per gli esseri umani che per gli “uccelli”.

Nel contempo vorremmo tranquillizzare l’Ambasciatore Sannino e i “giudizi preventivi”che vengono “sentenziati” sulle norme scritte in Italiainvitando a prendere conoscenza dei contenuti attraverso i quali, grazie all’impegno del Senato della Repubblica Italiana e con l’interesse positivo delle Associazionivenatorie nazionali (consapevoli e convinte che occorra superare le procedure d’infrazione) il Decreto Legge 91 del 24 giugno 2014, è stato migliorato nel dibattito parlamentare.

Il Senato ha già formalizzato e la Camera dei Deputati dovrebbe completare nei prossimi giorni l’iter di conversione del Decreto legge che prevede esclusivamente strumenti e modalità identiche a quelle usate in altri Paesi europei e il Governo, entro sei mesi, procederà con apposito Decreto a far adeguare le legislazioni regionali.

L’augurio è che i Commissari europei, i dirigenti, i tecnici vogliano ora fornire una adeguata comparazione su strumenti e modalità,oltre a forme di attività venatoria come la caccia con le reti, permessa e praticata da altri Paesi e in Italia vietata.

Di norma, la scelta precisa su come attuare le disposizioni delle Direttive, anche di quella “Uccelli”, dovrebbe essere delle autorità nazionali, comprese quelle italiane. Probabilmente verso il nostro Paese c’è qualche “insofferenza” sollecitata da lobby animaliste,privilegiate a interloquiredirettamente con le “stanze dei bottoni” europee per condizionare le nostre Istituzioni.

Forse i confini delle competenze e dei ruoli sono stati superati. Non sarebbe cosa sbagliata approfittare dell’occasione per riportarli nell’ambito delle competenze e del rispetto istituzionale.

Federcaccia, Enalcaccia, Arci Caccia, Liberacaccia, ANUUMigratoristi e CNCN

Roma, 1 agosto 2014

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: AAVV

Comments (3)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. gianni scrive:

    Fra 6 mesi,saremo ancora quà con gli stessi PROBLEMI.

  2. roberto scrive:

    il problema è che la cattura con le reti non la consentono più, il che significa che la caccia alla migratoria va verso la fine. Insomma mentre dall’olio e veneziano fanno filosofia da gentlemen di periferia, europa e ambientalisti ce le suonano

    • Maurizio scrive:

      Ci consentano quella col vischio come in Francia….
      A parte la filosofia sterile delle varie AAVV che dovrebbero star zitte per come sono andate le cose col decreto 91, è innegabile che l’influenza animalista italiana a livello europeo, riguardante le faccende di casa nostra è superiore a quella di chi dovrebbe salvaguardare i nostri interessi.

Leave a Reply


2 + 7 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.