Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Grosseto: calendario venatorio 2014 2015

| 1 agosto 2014 | 5 Comments

cacciatore tramontoCalendario venatorio: apertura fissata al 21 settembre

GROSSETO – Il presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras ha approvato il calendario venatorio 2014-2015. L’impianto generale rimane quello già approvato per l’annata venatoria precedente dal Consiglio provinciale. L’apertura della stagione venatoria 2014-2015 è fissata per domenica 21 settembre per le specie indicate nel calendario regionale e la chiusura è il 31 gennaio 2015.

Ecco nel dettaglio i contenuti del calendario venatorio 2014 -2015:

L’apertura della caccia è fissata per domenica 21 settembre 2014 per le specie indicate nel calendario regionale e la chiusura è il 31 gennaio 2015. L’1 settembre è fissata la preapertura per le seguenti specie: tortora, gazza, ghiandaia e cornacchia.

La caccia alla beccaccia si può effettuare dall’1 ottobre al 19 gennaio esclusivamente in forma vagante con l’ausilio del cane da cerca o da ferma. Tale specie nel mese di gennaio si può cacciare esclusivamente nelle zone boscate.

E’ vietato l’utilizzo di munizionamento a pallini di piombo all’interno di tutte le zone umide, quali laghi naturali e artificiali, stagni, paludi, acquitrini permanenti, lanche e lagune di acqua dolce, salata e salmastra.

La Regione Toscana ha inoltre definito carnieri stagionali prudenziali che riguardano le seguenti specie: allodola 100 capi per cacciatore; codone, quaglia, tortora e pavoncella 25 capi per cacciatore; beccaccia e moretta 20 capi per cacciatore; combattente e pernice rossa 10 capi per cacciatore; starna 5 capi per cacciatore;

La caccia alla selvaggina migratoria sia in forma vagante sia da appostamento è consentita nel periodo 1 – 31 gennaio 2015 anche con l’uso del cane. Dal 1 al 31 gennaio 2015 i palmipedi, i rallidi e i trampolieri sono cacciabili, in forma vagante, anche con l’uso del cane, soltanto nelle zone palustri e lungo i corsi d’acqua nelle aree comprese fra la ferrovia e il mare, nei comuni di Castiglione della Pescaia, Grosseto, Orbetello e Capalbio, al Lago dell’Accesa, nel comune di Massa Marittima, e nella zona palustre in località Voltina; a Istia d’Ombrone, nel comune di Grosseto.

La caccia alla tortora è consentita dal 15 settembre al 29 dicembre 2014; alla gazza, alla cornacchia grigia e alla ghiandaia dal 15 settembre al 29 gennaio 2015.

La caccia alla starna e alla pernice rossa è permessa dall’1 ottobre al 15 novembre.

La caccia alla volpe in battuta e alla tana, può essere effettuata nel mese di gennaio 2015, con un massimo di 10 partecipanti e cani idonei (ad esempio, non da ferma). I cacciatori, singoli o in gruppo, che intendono effettuare battute di caccia nel mese di gennaio devono comunicarlo al Comando di Polizia provinciale telefonando al numero 0564/484901, o utilizzando la teleprenotazione, se stabilito unitamente allo stesso Comando. Devono indicare il Comune, la località e se l’attività verrà svolta al mattino o al pomeriggio. Entro il 20 marzo 2014 devono essere comunicati gli esiti delle cacciate.

La caccia alla lepre è consentita dal 21 settembre fino all’8 dicembre 2014 mentre la caccia al fagiano dal 21 settembre al 31 dicembre 2014.

La caccia al cinghiale è consentita dall’1 novembre 2014 al 31 gennaio 2015. Nelle aree vocate si svolge esclusivamente nella forma della battuta, mentre la caccia nelle aree non vocate sarà definita da uno specifico programma che dovrà essere approvato nei prossimi mesi dalla Provincia.

La caccia di selezione, a daini, caprioli, e mufloni nei mesi di novembre, dicembre e gennaio, ad eccezione del territorio dell’Isola del Giglio, è consentita solo il lunedì e il giovedì. Per quanto riguarda il capriolo è consentita la caccia dei maschi giovani e adulti dal 16 agosto al 29 settembre. Per le femmine giovani e adulte e per i piccoli di capriolo la caccia è consentita dall’1 gennaio al 15 marzo.

Riguardo al daino, la caccia è aperta dall’1 al 29 settembre e dal 1 novembre al 15 marzo per il maschio giovane; e solo dall’1 novembre al 15 marzo per il maschio adulto. Le femmine di daino ed i piccoli sono cacciabili dall’1 gennaio al 15 marzo.

La caccia al muflone è aperta per i maschi dall’1 agosto al 29 settembre e dal 1 novembre al 31 gennaio. Per le femmine e i piccoli solo dall’1 novembre al 31 gennaio.

L’esercizio venatorio nelle aree contigue alle Riserve naturali si svolge nella forma della caccia controllata, il cacciatore ha l‘obbligo di segnare la giornata di caccia sul tesserino regionale. In queste aree il cacciatore non può abbattere più di 15 capi al giorno di selvaggina migratoria, in particolare, al massimo 7 tortore, 2 beccacce, 3 palmipedi, 5 trampolieri e rallidi. Le giornate di caccia nelle aree contigue, escluse le battute di caccia al cinghiale, non possono essere più di 30. Non sono assoggettati a quest’ultima limitazione i cacciatori che hanno porzioni di territorio ricadente nell’area contigua. Queste disposizioni non valgono per quella parte di area contigua che ricade nell’area a particolare gestione di Caccia denominata “Laguna di Orbetello”.

Nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS) individuate dalla Regione l’attività venatoria è consentita nel rispetto della normativa regionale. Nel mese di gennaio l’attività venatoria nelle ZPS è consentita, fatta eccezione per la caccia agli ungulati, nei soli giorni di domenica e giovedì.

http://www.ilgiunco.net

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Toscana

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ezio scrive:

    Rinuncio all’apertura per averlo in Piemonte un calendario così!!

  2. cialluk scrive:

    Beati a Groseto che possono cacciare la beccaccia nel mese di gennaio, nelle zone boscate,mentre in provincia di Siena si può solo nelle zone boscate nere,zone dove cacciano le squadre del cinghiale,e vi potete immaginare quante beccacce ci potranno essere,dopo che vi sono passati canai con mute di trenta cani o più.

  3. sam scrive:

    la beccaccia fà 30 metri e si ributta..fatela poco lunga !

  4. cialluk scrive:

    Sam,mi sa che te le beccacce a gennaio, quelle rimaste, non le hai mai trovate altrimenti al 30 ci aggiungeresti un’altro zero!

  5. Ezio scrive:

    Mi sa che Sam non ne ha proprio mai viste di bekke, non solo quelle di gennaio, caro Cialluk. :roll:

Leave a Reply


6 + = 8

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.