Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

arco: passione e tecnologia a servizio dell’etica venatoria

| 30 luglio 2014 | 0 Comments

AICA e FEDERCACCIA UMBRA
Caccia con l’arco: passione e tecnologia a servizio dell’etica venatoria

aicaSulla base dell’esperienza più che ventennale maturata dall’Aica nell’uso dell’arco per il prelievo venatorio su cervidi e suidi, ci sembra quanto mai necessario precisare alcuni aspetti relativi alla recente, opportuna apertura della Regione Umbria all’uso dell’arco anche per il prelievo selettivo.
L’uso dell’arco a caccia, in Italia, è stato ammesso dal 1968 e confermato come mezzo di caccia dalla legge quadro tutt’ora in vigore, la 157/92. Agli enti territoriali è demandata la specifica regolamentazione. L’apertura dei legislatori Umbri è solo l’ultima in ordine di tempo, e dimostra una volta di più come questa forma di caccia rappresenti un valore aggiunto per i cacciatori, che sono i primi conoscitori e tutori della natura, in una logica di innalzamento culturale del mondo venatorio.
La caccia con l’arco rappresenta oggi l’espressione di una cultura venatoria molto evoluta. Chi decide di praticarla ha maturato uno stato mentale in cui il fine ultimo non è quello della predazione massiccia, ma piuttosto la ricerca di una sfida differente, nella consapevolezza che le occasioni di scoccare la freccia saranno minori rispetto alle opportunità di utilizzare una carabina.
A livello di etica venatoria, la tecnologia utilizzata per la realizzazione dei moderni archi da caccia si basa su decenni di esperienza, ricerca, scelta di materiali all’avanguardia estremamente affidabili, gli stessi utilizzati dall’industria aeronautica per la costruzione di satelliti e navette spaziali. Sia chiaro però che non ci può essere affidabilità senza un’adeguata preparazione e abilitazione da parte del cacciatore, che comunque può esercitarsi durante l’intero anno presso le innumerevoli società sportive presenti sul territorio.
Nella caccia con l’arco è l’arte dell’avvicinamento a fare la differenza, tramite una presenza discreta che evidenzia la necessità di totale compenetrazione con l’ambiente e profonda conoscenza delle abitudini del selvatico. In molte periferie collinari, dove gli ungulati sono molto presenti e lo sparo inopportuno per ovvi motivi di sicurezza e quiete pubblica, è proprio l’arco lo strumento ideale al controllo: vicino alle case, senza alcun pericolo per le persone, con efficacia equivalente ad un colpo di fucile. Basta pensare all’esempio della vicina Francia, nazione all’avanguardia in campo venatorio, nella quale i tantissimi viticoltori hanno necessità che siano gli arcieri ad operare ai bordi e tra le preziose piccole vigne, circondate da strade trafficate dove gli ungulati non sono certamente cacciabili con armi da fuoco. Sono ambiti ristretti e preziosi, dove solo gli arcieri cacciatori vengono chiamati ad operare di selezione sui cervidi e in controllo sul cinghiale. Altrimenti i danni della selvaggina si accumulerebbero irrimediabilmente.
Il cacciatore con l’arco sa di dover colpire solo a distanze brevi, e questo è garanzia della totale corrispondenza del capo assegnato. Si tenga presente, inoltre, che la selezione con l’arco è di norma praticata da postazione sopraelevata, dove il cacciatore si trova fuori dalla linea di allerta del selvatico, la sua percezione dell’azione è totale e molto diversa rispetto al tiro con carabina. Questa necessità diventa consapevolezza di una totale responsabilità, ben radicata in chi impugna l’arco come strumento di caccia, a testimonianza di un approccio mentale che prescinde dal dover “colpire” a tutti i costi.
Tutto ciò riduce le possibilità di ferimento del selvatico, comunque insito in qualsiasi forma di caccia. Sull’efficacia del colpo, infine, esistono ormai migliaia di dati certi sul fatto che a parità di precisione di tiro la lama affilata è letale quanto un colpo di carabina.

Perugia, 30 luglio 2014
AICA, Associazione Settoriale riconosciuta da Federcaccia dal 2006

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Federcaccia

Leave a Reply


6 + 4 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.