Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Liguria: Tar annulla alcune parti del calendario venatorio

| 29 luglio 2014 | 1 Comment

Regione, caccia: il Tar annulla alcune parti del calendario venatorio

tar_3Liguria. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Liguria, con sentenza numero 1206 depositata ieri sera, ha annullato alcune parti della delibera del Consiglio regionale della Liguria dello scorso 8 aprile, che approvava le regole per la stagione di caccia 2014/15. Il provvedimento aveva avuto 21 voti favorevoli da Pd e Forza Italia.

Su ricorso delle associazioni per la tutela della fauna e dell’ambiente (Wwf, Lega Abolizione Caccia, Lipu, Vas, Enpa, Lav), patrocinate dallo studio legale del professor Daniele Granara, sono stati annullati con sentenza di merito tre parti.

La prima riguarda l’addestramento dei cani da caccia sul territorio: non potrà iniziare il 15 agosto, ma solo a far data dal primi giorni di settembre, avendo la Regione eluso il parere scientifico obbligatorio dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) sull’esigenza di non arrecare anticipatamente disturbo alla fauna selvatica e ai giovani nati di alcune specie selvatiche prima dell’apertura della caccia della terza domenica di settembre.

La seconda è relativa alla caccia agli ungulati (caprioli, daini, camosci, cinghiali): dovrà essere effettuata con munizioni atossiche (cosiddette palle monolitiche generalmente in rame) per evitare la contaminazione delle carni con minuscoli frammenti delle palle di piombo, sulla base di numerosi recenti studi tossicologici evidenziati dallo stesso Ispra. Anche per la scorsa stagione di caccia il Tar Liguria aveva formulato analoghe censure.

In terzo luogo, la mancata indicazione di un carniere (numero massimo di capi abbattibili giornalmente) per alcune specie, tra cui il “colombaccio”, specie selvatica intensamente cacciata in autunno da palchi sopraelevati in varie aree costiere della Liguria. Va fissato un numero di capi abbattibili giornalmente.

Erano costituite in giudizio la Regione e quattro associazioni venatorie. “Un atteggiamento meno sprezzante dell’ex assessore regionale Briano e delle principali forze politiche avrebbe consentito la stesura di un provvedimento più aderente ad esigenze di tutela della fauna e di legittimità dell’atto”, commentano le associazioni ricorrenti.

Cliccando qui è possibile leggere il testo della sentenza.

http://www.ivg.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , , , , ,

Category: Liguria

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ferdnando Ratti scrive:

    Per conto mio questa figura del menga in tribunale, si poteva evitare: perchè dobbiamo sempre porgere il fianco al nemico?.
    Le munizioni atossiche(con palle lead free) nella caccia agli ungulati,queste è già da un paio d’anni che vengono consigliate dall’ISPRA, tanto che alcune regioni le hanno già rese obbligatorie.
    Per l’addestramento cani cè stata una sentenza della corte di cassazione, la quale stabiliva che la data di addestramento cani, era non prima dei 30 giorni anticedenti l’apertura della caccia, ed aboliva inoltre la norma dell’addestramento dei cuccioli inferiori ai 15 mesi di età; condannando alcune regioni tra cui la mia Lombardia.
    Per il colombaccio: in Lombardia il carniere giornaliero massimo alla migratoria è di 30 capi.

Leave a Reply


+ 4 = 11

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.