Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Orgoglio venatorio: i cacciatori presenti

| 28 luglio 2014 | 12 Comments

L’ORGOGLIO VENATORIO CHIAMA : I CACCIATORI RISPONDONO.

Cacciatore tramontoPIù di 1.000 cacciatori hanno partecipato al presidio di Ozzano dell’Emilia presso la sede I.S.P.R.A.
Scopo dell’iniziativa, quello di porre all’attenzione dell’opinione pubblica e del Governo costi e servizi erogati da un Istituto ritenuto deficitario , per quanto riguarda il settore faunistico-venatorio, e condizionato dal pensiero e dalla ideologia animalista e anticaccia.
E’ quanto emerso dagli interventi che si sono succeduti durante il presidio, dove sono stati stigmatizzati alcuni pareri rilasciati da I.S.P.R.A., non ultimo quello nel corso di un’audizione al Senato, in ordine al D.L. 24 giugno 2014 n° 91 riguardo all’utilizzo e alla cattura dei richiami vivi ed in risposta ad una interrogazione parlamentare. Nella fattispecie appare chiara la scelta di campo dell’I.S.P.R.A. nel sostenere tesi opinabili dal punto di vista tecnico-scientifico . Alla presenza del Presidente Nazionale della Libera Caccia Sparvoli , del C.P.A. Fiumani, del vicepresidente A.N.U.U. Piana, del Presidente Regionale A.C.L. Bravo , dell’ On. Borghesi (Lega Nord) e di numerosi dirigenti provinciali appartenenti a tutte le Ass. Venatorie , sono state annunciate iniziative al riguardo tra cui la presentazione di ulteriori interrogazioni Parlamentari, mirate a far luce sul ruolo e su alcuni capitoli di spesa dell’Istituto che grava sull’erario per oltre 140 milioni di euro.
La manifestazione non è quindi stata rivolta al Ministro dell’Ambiente , a cui rinnoviamo la nostra stima per l’impegno profuso, ma semmai uno stimolo a migliorare l’efficienza dello Stato, degli Enti Pubblici , attraverso una riduzione della spesa pubblica sulla base di parametri che fanno leva su costi/benefici.
Una delegazione di Dirigenti Venatori è stata ricevuta da Dirigente I.S.P.R.A. Dott. Landi al quale sono state espresse forti criticità nei confronti dell’Ente.
Il risultato concreto ottenuto è che lunedì 4 agosto i vertici Nazionali dell’I.S.P.R.A. incontreranno i vertici delle Ass. Venatorie riconosciute e non, per dare una risposta alle richieste che saranno formulate dalle Associazioni stesse attraverso la predisposizione di un dettagliato e articolato ordine del giorno.
Soddisfazione è stata espressa dal Comitato dell’Orgoglio Venatorio che ringrazia di cuore tutti i numerosi cacciatori provenienti da tutta Italia che hanno affrontato in alcuni casi una trasferta di centinaia di chilometri.
Alla luce di quanto ottenuto si può affermare che ne è valsa la pena.

UFFICIO STAMPA

ORGOGLIO VENATORIO

BERGAMO 28 LUGLIO 2014

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: Generale, Manifestazioni

Comments (12)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. PISTOLA scrive:

    I PRESIDENTI DI ARCI E FEDER?

  2. Massimiliano scrive:

    ma qualcuno che lavora ?
    no è…….. :evil:

    battute a parte,è bene che vengano elevate proteste civili a chi non compie il suo dovere….. Buona norma dovrebbe essere anche quella di riconoscere il buon operato………..semmai ce ne fosse a giro !

  3. gianni scrive:

    SOLO FUMO NEGLI OCCHI.QUESTI(ISPRA)CONTINUERANNO X LA LORO STRADA,PERCHE’ COSI’ VA L’ITALIA.CI STANNO PORTANDO ALLO SFASCIO.SIAMO COME I TOPI COL “PIFFERAIO MAGICO”.MA NON SI VERGOGNANO MAI?

  4. Giacomo scrive:

    Quando si fanno i fatti è evidente che le cose cambiano o quantomeno si evita l’esagerazione, questo lo si è visto con la mossa che si sono dati tutti con la legge sui richiami che non so ( perchè io non li uso) se è stata una vittoria o meno, ma comunque si sono mossi politici, associazioni e cacciatori. Per quanto riguarda gli studi si stanno facendo ottime cose con il GPS e se ne faranno sicuramente molte altre mettendoli su molte specie di uccelli a parte il fatto che di studi seri già ce ne sono, ma vengono usati dalle altre nazioni !! E’ come sempre da noi non vengono presi in considerazione, come per esempio per la beccaccia che viene riportata come specie in buono stato di conservazione, ma da noi si continua a stringere con divieti che attualmente vengono messi in atto anche nelle zone natura 2000 ZPS, SIC PSIC, ( adesso le hanno messe anche fuori dai parchi) che vietano di cacciare la beccaccia oltre le ore dodici, fino al 31 dicembre e ad esclusione anche del lunedì, come succede da noi in Campania. Per cui… Altri divieti sorti da poco tempo, ma di questo nessuno ne parla, come nessuno ne parla della legge 394 sui parchi con tutto il territorio preso da questi e come se non bastasse hanno avuto la faccia di vietare anche nelle aree contigue la caccia ai non residenti della stessa provincia, ma di questo nessuno ne parla e non ci si fa in quattro per evitare questi salassi che stiamo subendo noi del SUD come è stato fatte per i richiami vivi, che alla fine migliaia di tessere le paghiamo anche noi alle associazioni, che per i richiamo si sono mossi e per questo no. Ma che ci vuoi fare, siamo in Italy il paese della cuccagna per gli altri del continente, noi siamo le formiche e gli altri le cicale. Orgoglio venatorio ? Si certo e chi lo mette in dubbio. Salutiaaamo

  5. CLAUDIO TORTOIOLI scrive:

    Molto bene,questa la strafa da percorrere chiedendo l’abolizione di questo baraccone inutile dell’ISPRA.
    Ogni regione si organizza con gli osservatori, sono più che sufficienti, basta burocrati e sprechi.

  6. Maurizio scrive:

    Non potevamo far mancare i nostri dirigenti al presidio Ispra come già fatto il 18 maggio u.s.
    Il presidente Fiumani con il vice Montagnani un componente della giunta Manocchi, il presidente ligure Giannoni i rappresentanti lombardi Balestra e Bonzi.
    Ma il nostro ringraziamento va a tutti coloro che erano presenti, che pur perdendo una giornata di lavoro non hanno esitato a dare il loro contributo.

    Maurizio Montagnani

  7. Bartoccini Mario scrive:

    Ricordando sempre che l’Osservatorio Faunistico Regionale dell’Umbria, si esercita in autentiche “cazzate”, sfuggendo alle articolazioni tecnico/scientifiche che per istituzione gli competono.
    In sostanza, il condizionamento politico e l’assenza effettiva delle nostre Associazioni venatorie sulla scena, ha “partorito” un inutile “mostriciattolo”.
    Cordialità.

  8. valentino carbone scrive:

    le bandiere di alcune aa.vv non dovevano esserci,non voglio mettere in dubbio la buona fede di chi le portava ma siccome era la manifestazione dell’orgoglio venatorio questi cacciatori hanno perso un’altra occasione per avere più dignità e per fare la cosa più seria.

  9. luigi da sorrento scrive:

    Valenti’….per una volta tanto che le associazioni si muovono, le critichiamo pure…mi sembra esagerato, anche perché l’ INSPRA ha accettato un incontro che mi sembra foriero di possibili cambiamenti….
    Saluti agli amici dello SVI.

Leave a Reply


1 + = 4

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.