Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Siena: caos ATC

| 26 luglio 2014 | 2 Comments

Siena – Caccia: è ‘guerra’ tra le doppiette
Ambiti territoriali di caccia nel caos, messi in crisi dai cinghiali. Si sono dimessi i rappresanti di Federcaccia e Arcicaccia. Intanto è stato approvato il CALENDARIO VENATORIO per la stagione 2014/2015

cacciatore tramontoSiena, 25 luglio 2014 – Ambiti territoriali di caccia (Atc) senesi nel caos. I tre enti che ‘gestiscono’ per conto della Regione, in ambito provinciale, insieme alla Provincia, la pratica della caccia risultano ad oggi decapitati e in sostanza bloccati: a fermare l’Atc 19 è stata di recente un’indagine giudiziaria che vede coinvolto il suo presidente. Gli altri due (17 e 18) si sono bloccati la settimana scorsa da soli, con le dimissioni di buona parte dei loro membri.

Gli Ambiti territoriali di caccia, appunto, sono costituiti da rappresentanti delle associazioni venatorie (Federcaccia, Arci caccia, Libera caccia e Enalcaccia), membri in rappresentanza della Provincia, rappresentanti delle associazioni degli agricoltori e ambientalisti. Ebbene sabato scorso gli Atc 17 e 18 (di cui parliamo) hanno visto 4 dei loro membri rassegnare le dimissioni, compresi quelli che ricoprivano le cariche di presidente e vicepresidente. E sono i membri eletti da Federcaccia e Arcicaccia.
E si scopre che sono i cinghiali ad aver ‘sterminato’ la caccia senese. Ovvero sull’emergenza ungulati e i danni all’agricoltura provocati si sono fermate le larghe intese di un tempo. «Non esiste caccia senza l’agricoltura» dice Mauro Neri, presidente provinciale Federcaccia Siena ad introdurre l’empasse creatasi all’interno degli ambiti.
Il tutto ha inizio nel 2013 quando gli agricoltori, Coldiretti prima, Cia e Unione agricoltori poi, escono dal Comitato di gestione degli Atc, lamentando a quanto pare una gestione sbagliata o non efficente di parte della fauna locale. Precisamente, racconta il presidente di Federcaccia Neri, «abbiamo chiesto, in accordo con gli agricoltori, alla Regione un piano straordinario di programmazione della caccia che consentisse un abbattimento diverso di caprioli e cinghiali in alcune zone dove la contemporanea coltivazione delle terre risultava a rischio».

Il tutto vale a dire che con gli anni i cinghiali sono diventati troppi e si sono avvicinati troppo alle zone abitate e coltivate: la scena senese vede invasioni quotidiane e conseguenti danni, alle terre agricole del Chianti, ad esempio, ma anche di Montalcino e Montepulciano dove a rischio sono appunto le viti; come la Valdimerse e le sue coltivazioni di granoturco.
Non ultimo e non così raro l’episodio verificatosi qualche gioorno fa nel comune di Castellina, in cui una famiglia di cinghiali ha avvicinato un gruppo di turisti che mangiavano all’aperto ad un ristorante.
Insomma, gli agricoltori da tempo si vanno lamentando della scarsa tutela della terra da parte della Regione e di conseguenza della Provincia che ha in deroga la gestione della caccia. «Per questo, di fronte al mancato accoglimento di alcune proposte condivise — continua Neri — gli agricoltori sono usciti dal tavolo degli Atc».
«Non potevamo continuare a prenderci la responsabilità di decisioni — conclude Neri — che valevano per tutti. Responsabilità che peraltro ci siamo sempre assunti e che riprenderemmo volentieri, ma solo una volta ricostituiti i tavoli».

di Paola Tomassoni

http://www.lanazione.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , , , ,

Category: ANLC, Arcicaccia, Enalcaccia, Federcaccia, Toscana

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. PISTOLA scrive:

    LA FEDERCACCIA SIENA CI DICA COSA’ NE PENSA LA SUA SEGRETERIA NAZIONALE DEL LORO COMPORTAMENTO? CHE ASPETTA IL NERI A DIMETTERSI?

  2. Peter scrive:

    Toglieteli di mezzo sti recinti dove ci avete rinchiusi peggio delle bestie feroci.

Leave a Reply


+ 9 = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.