Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Caccia: siamo correttamente europei

| 24 luglio 2014 | 6 Comments

Caccia in Italia: siamo correttamente europei
L’approvazione dell’emendamento relativo ai richiami vivi in sede di commissione da parte del Senato rilancia la sostenibilità di una pratica tradizionale aggiornandola al mutare dei tempi e delle conoscenze. Per la caccia una sfida positiva a essere forza propulsiva per la gestione dell’ambiente e la qualità della vita dell’intero Paese

Ass_VenatorieLe Associazioni Venatorie Federcaccia Arci Caccia, ANUUMigratoristi, Enalcaccia e Liberacaccia, insieme al CNCN – Comitato Nazionale Caccia e Natura esprimono una valutazione positiva per l’impegno espresso dal Senato per superare la procedura d’infrazione europea sulla normativa italiana per i “richiami vivi”.
La materia è complessa, riguarda sensibilità assai articolate e, giustamente, per trovare una sintesi, si sono ascoltati tutti i portatori d’interesse.
Il lavoro fatto al Senato ha coniugato i valori e l’importanza di tradizioni antiche e radicate con l’esigenza di rispondere “scientificamente” alle richieste di una corretta e sostenibile gestione e fruizione della fauna selvatica. In questo contesto occorre la massima attenzione anche per gli “uccelli da richiamo”. È priorità del mondo venatorio l’interesse di tutela e conservazione delle “specie”, nonché corrispondere a quanto l’Europa chiede per la loro detenzione e impiego nel rispetto delle norme sul benessere animale.
I cacciatori italiani chiedono, senza manipolazioni strumentali, di “vivere” l’attività venatoria così come è negli altri Paesi europei, laddove la collaborazione fra cacciatori, Birdlife-Lipu e agricoltori è nella consuetudine. In Italia, i “portatori di pregiudiziali ideologiche”, anche su queste tematiche, producono “danni” a un Paese già in forte sofferenza.
L’emendamento approvato fissa con chiarezza le competenze dello Stato centrale e del Governo delegato alla scrittura delle regole di dettaglio per le reti da utilizzare, che dovranno essere identiche a quelle usate dagli altri Paesi europei e le stesse per l’inanellamento e la cattura ai fini di richiamo.
Il Decreto del Governo regolamenterà inoltre i tempi, le quantità e quanto altro necessario per mettere le Regioni nella certezza del diritto ed evitare anche errori del passato.
Questa è l’Europa come sanno bene i Commissari, ai quali chiediamo linearità e omogeneità di comportamenti con gli altri Paesi. La sfida in positivo, questa volta, assegna un ruolo più importante alla scienza e alla conoscenza per rendere le tradizioni compatibili con il futuro e in questo contesto l’emendamento rilancia il ruolo fondamentale e insostituibile della ricerca, anche attraverso un Istituto, l’Ispra – che deve essere messo in grado di adempiere correttamente ai propri compiti – e che talvolta si tenta impropriamente di strattonare da parte degli “estremisti” dei diversi schieramenti.
L’insegnamento che raccogliamo da questa esperienza è quello di mettere ancora di più il mondo venatorio al servizio dei cittadini.
È tempo di risolvere le questioni delle nostre campagne anche in tema di fauna selvatica e confermiamo la volontà di procedere, con rinnovato impegno, alla costruzione di un “Tavolo del buon senso, della buona volontà e della collaborazione” per concorrere, anche con l’economia della gestione faunistica, ad una migliore qualità della vita per tutti e a maggiori opportunità per il Paese.

Federcaccia, Enalcaccia, Arci Caccia, Liberacaccia, ANUUMigratoristi e CNCN

Roma, 24 luglio 2014

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , ,

Category: ANLC, ANUU, Arcicaccia, CNCN, Enalcaccia, Federcaccia

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Renzo scrive:

    Ora, visto che in ogni occasione “”quelli “” la prendono in saccoccia , non sarebbe ora di fare UNA LEGGE che gli fa aprire il portafoglio, tutte le volte che hanno voglia di rompere i cosiddetti ?

  2. Marco.c scrive:

    Visto quando il mondo venatorio è unito i risultati si portano a casa. Questo ci deve far riflettere….

  3. Renzo scrive:

    Lo sapevano già i Romani mille anni prima di Cristo. L’unione fa la forza. :wink:

  4. Giovanni Roberto Bagnolesi scrive:

    Ottengono solo in parte quello che propongono. In alcuni paesi dell’Unione Europea si caccia la migratoria fino alla fine di Febbraio; perchè non fanno qualcosa in proposito invece di far esportare valuta importante che potrebbe invece dare reddito a tante famiglie italiane in crisi? Non voglio parlare solo di paesi dell’est europea ma di paesi a noi molto vicini e facilmente raggiungibili.

    • fabio guidi scrive:

      …perche’ se tenessero aperta la caccia in italia fino al 28 febbraio alla migratoria, i cacciatori italiani non andrebbero all’estero ?
      Bisognerebbe invece che altre realta’ europee (romania in primis) si adeguassero realmente all’europa e smettessero di permettere macelli per sparatori. Ma tanto anche per la Romania e’ solo questione di tempo…….ed anche poco.

  5. Giacomo scrive:

    Meglio permettere macelli per cinghialari, du botta e ciccia in frigo per tutto l’anno, poi caso mai si va a fare anche la posta al capanno e te ne freghi del mese di Febbraio, tanto se non si spara a tordi a ottobre, Novembre puoi benissimo appendere il fucile al chiodo. :mrgreen: :wink: Salutiaaamo

Leave a Reply


2 + = 3

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.