Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Castellina in Chianti: cinghiale cena al ristorante

| 23 luglio 2014 | 5 Comments

Cinghiali al ristorante spaventano i clienti

CinghialeEmergenza ungulati: sono la prima causa di incidenti stradali nel Chianti. A San Giovanni d’Asso lupo assale gregge e sbrana pecore e agnelli dentro al recinto

Un grosso cinghiale maschio, accompagnato da due o tre accoliti, si avvicina alla tavola dove un gruppo di turisti pasteggia a Chianti Classico. Fra spavento e sorpresa, tutto si è risolto per fortuna in pochi secondi. Qualcuno alza la voce, i cinghiali scappano. Ma il problema rimane.

E’ accaduto alla Casina di Lilliano, locanda e ristorante che si trova fra le proprietà di due aziende socie del Consorzio Vino Chianti Classico, Tenuta di Lilliano e Rocca delle Macìe.
Un incauto gruppo di cinghiali, notoriamente animali onnivori, forse attratti dal profumo del cibo, si è avventurato fin sotto i tavoli degli ignari commensali, provocando un po’ di scompiglio.

“La situazione è diventata talmente grave da non poter essere più tollerata – dichiara Sergio Zingarelli, Presidente del Consorzio – con danni ai vigneti e alle produzioni che annualmente superano i 10 milioni di euro. Adesso i cinghiali si avvicinano anche pericolosamente agli uomini. Sono anni che chiediamo alle Istituzioni – Provincie e Regione in primis – di adottare tutti i provvedimenti necessari per risolvere il problema, ma oltre allo stucchevole rimpallo di responsabilità nessuna decisione operativa è mai stata presa”.

Le cifre fornite dal Consorzio parlano chiaro. Da un sondaggio svolto su un campione delle oltre 500 aziende associate è emerso che circa il 90% di queste ultime ha ripetutamente subito dei danni dagli ungulati (cinghiali, caprioli e daini); danni che in molti casi, vista l’esiguità dei rimborsi stanziati dalle ATC, non vengono nemmeno denunciati.

E il problema, sostengono ancora al Consorzio, ha acquistato una rilevanza che va oltre i suoi contenuti economici. La proliferazione incontrollata degli ungulati è diventata infatti la principale causa degli incidenti stradali nella provincia di Siena (tra il 70% e l’80% secondo la Provincia) ed è causa di un degrado ambientale (depauperamento dei boschi e scomparsa della piccola selvaggina) che tutti i tecnici conoscono.

«Se si continua così ci sarà sicuramente l’estinzione, non del lupo, ma del pastore». E’ esasperato, affranto, demotivato, Felice Sanna, allevatore di San Giovanni d’Asso, che la scorsa notte ha subito un attacco di un lupo al suo gregge riportando la perdita di 7 pecore ed 1 agnello, oltre ad altri 4 capi di pecore ferite in modo grave. Il gregge si trovava all’interno del recinto ‘anti-lupo’ alto 2,5 metri, ma, nonostante queste precauzioni, l’animale è entrato ed ha ucciso alcuni capi. Il danno economico diretto è di circa duemila euro, ma le conseguenze saranno ancora più ingenti: «Le pecore non vogliono rientrare più nel recinto – spiega Sanna – sono impaurite, ci saranno aborti ed una perdita considerevole di produzione di latte».

«In queste condizioni – sottolinea il presidente della Cia Siena Luca Marcucci – non si può andare avanti: In provincia di Siena ci sono 5 ungulati per ogni agricoltore, a questo dobbiamo aggiungere i lupi che da anni scorrazzano nei nostri allevamenti uccidendo pecore e mettendo sul lastrico i pastori. Situazione non più sostenibile. Il lupo è un dramma per gli allevatori. I fondi a sostegno non ci sono più e le aziende devono far fronte a disagi economici molto ingenti, ed i più piccoli non ce la fanno. E’ urgente difendere il reddito degli agricoltori, messo a rischio da ungulati e predatori; l’agricoltura, l’ambiente ed il paesaggio dalla catastrofe; le imprese ed i consumatori tutelando la produzione agricola; il diritto di tutti ad un agro-eco-sistema equilibrato che tuteli la biodiversità».

«La mia famiglia è qui dal 1973 a fare pastorizia, ogni giorno con grandi sacrifici – prosegue Sanna – ma con una situazione così è dura andare avanti. Sto seriamente pensando di abbandonare la pastorizia se non cambieranno le cose. In estate le pecore dovrebbero mangiare al pascolo anche la sera, invece mi tocca rimetterle nel recinto, avendo così una grossa perdita di produzione. Una decina di anni fa mi sono state uccise 30-40 pecore all’anno ma un minimo di indennizzo c’era e quindi anche se avevo una perdita ce la facevo ad andare avanti. Oggi, a differenza di allora, non sono previsti risarcimenti di nessun tipo. Ci vuole qualche legge che consenta di spostare i lupi da queste zone dove sono stati portati in modo forzato e contro natura. Questo non è il loro luogo naturale, invece si pretende che stiano qui con il costo sia a carico dei pastori anziché dello stato».

Redazione Nove da Firenze

http://www.nove.firenze.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , , , ,

Category: Cinghiale, Curiosità, Lupo, Toscana

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ferdinando Ratti scrive:

    Secondo il mio parere i cinghiali buogustai si sono recati al ristorante per vedere quali sono le megliori; tagliatelle al sugo di lepre, o quelle al ragù di cinghiale?.(credo che in quel ristorante si mangi benissimo???)
    Per il Lupo purtroppo siamo in Italia, in Svizzera avrebbero trovato il sistema di come risolvere il problema.
    Come già sostenuto più volte bisogna far pagare i danni creati dal lupo anche ad anticaccia ed animalisti!!!.
    Vedrete come cambia la musica.

  2. luigi da sorrento scrive:

    In Basilicata gli attacchi di lupi ai greggi sono ormai una consuetudine….ma se ne parla poco…anche se parecchi pastori stanno dismettendo le greggi per questo motivo…la regione (quando?) corrisponderebbe 10 euro per agnello abbattuto e 40 per ogni pecora….cosi’ si distrugge la cultura rurale, sacrificata in nome di un becero ambientalismo…

  3. fabrizio scrive:

    Quanto ai cinghiali, basterebbe ampliare il periodo di cacciabilita’ e rendere libera la caccia da appostamento nelle zone bianche, senza tanta burocrazia.

    Per i lupi la sola soluzione ragionevole mi pare l’ abbattimento selettivo e mirato al contenimento faunistico, come in qualsiasi Paese civile (USA, Svezia, Norvegia, e via dicendo).

    Ma attenzione a non confondere i branchi dei lupi con branchi di cani randagi ritornati selvatici, molto piu’ pericolosi per l’ uomo, e infatti hanno gia’ sbranato diverse persone in Italia, mentre MAI e’ accaduto che un branco di Lupi abbia sbranato o anche solo minacciato qualcuno, eppure li abbiamo anche sulle Apuane meridionali…..

    • Diego scrive:

      Il problema non sono nè I cinghiali nè I lupi…ma come al solito le istituzioni nella persona di sindaci o politici in genere che antepongono I loro interessi economici a quelli di chi lavora per vivere…il disinteresse nei confronti di chi ci rimette una pecora,o il proprio lavoro,con il conseguente abbandono dell’attività e spesso il territorio(non dimentichiamo che un buon 80 percento delle campagne italiane sono in stato di abbandono)dovrebbe darci un metro di giudizio più vero al momento di votare per sindaci o giunte varie, piuttosto che ascoltare false promesse…comunque l’abbattimento selettivo può andare bene per gli ungulati…non certo per una specie nobile e ormai rara come il lupo.piuttosto andrebbe contrastato l’abbandono e il randagismo, problemi dietro cui si nascondono (secondo me, che non sono un esperto ma che conosco bene I cani e la loro scaltrezza…tanto da scavalcare u recinto di 2,5 metri)I più probabili colpevoli di questi incidenti…questo a patto di avere utopisticamente (come al solito è sempre colpa loro) istituzioni in grado di risolvere il problema…

  4. MAURO Pres.Prov.le ANLC Siena scrive:

    Fabrizio mi hai veramente “tolto le parole di bocca”
    E’ QUELLO CHE NOI AFFERMIAMO DA TEMPO, MA ATTENZIONE C’E’ CHI HA FATTO IN MODO CHE ANCHE LE ZONE BIANCHE SIANO GESTITE DAI SOLITI NOTI, DA BIANCHE SONO DIVENTATE GRIGIO SCURO TENDENTE AL NERO.
    POI FATTO IL DANNO SI SCAPPA DALLE ATC………….

Leave a Reply


+ 3 = 7

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.