Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Presidente Fidc (Bg) scrive ai senatori

| 21 luglio 2014 | 2 Comments

IL PRESIDENTE DI FIDC BERGAMO SCRIVE AI SENATORI

Preg.mi Senatori delle Commissioni XIII e XIV,

FEDERCACCIAVi scrivo in ordine alla querelle che in queste ore assilla la Commissione Ambiente e la Commissione per le Politiche della Comunità Europea in funzione della conversione in legge del DL 91/14 e del voto sulla Comunitaria: la cattura dei richiami vivi in Italia e l’uso dei richiami vivi in generale (anche da allevamento).

Funzionari ministeriali e onnipresenti animalisti stanno cercando di fuorviare la discussione dai binari imposti dalla Comunità Europea, che semplicemente chiede di precisare nella Legge 157/92 che la cattura dei richiami si possa effettuare soltanto in regime di deroga rispetto alla direttiva uccelli (i richiami allevati sono esenti da ogni critica europea, che anzi ritiene che proprio l’esistenza dei richiami allevati renda non necessarie le catture di richiami selvatici).

Il mondo animalista invece sta cercando di convincerVi che per porci al riparo dalla procedura di infrazione si debba vietare in Italia la caccia con i richiami vivi, anche quelli nati ed allevati in cattività e non catturati allo stato selvatico.

Per far questo Vi inondano di menzogne in merito al modo in cui i cacciatori trattano i loro richiami: Vi dicono che i cacciatori li acciecano. Vi dicono che li mutilano. Vi dicono che li tengono al buoi per mesi facendogli vedere la luce solo nel periodo di caccia.

Nulla di più falso.

In primo luogo l’uso di richiami acciecati o mutilati oltre che essere espressamente vietato dalla legge 157/92, è fatto costituente reato venatorio, cui si aggiunge il reato di maltrattamento degli animali. I cacciatori da appostamento sono i più controllati alle guardie provinciali, volontarie e dalla Forestale e pertanto, se fossero vere le asserzioni animaliste, Vi sarebbe un riscontro verificabile che invece non esiste.

In secondo luogo non è vero che gli uccelli vengono tenuti al buio per mesi.

Anzi: tutti i cacciatori ormai si sono dotati di impianti con lampade che replicano la luce solare ed idoneo timer di regolazione delle ore di luce giornaliere per replicare le condizioni che ci sono in natura.

Infine, escluso il breve periodo di utilizzo durante la caccia, i richiami sono tenuti in grandi voliere e non nelle gabbie usate per la funzione di richiamo.

Vietare peraltro l’uso dei richiami allevati sarebbe peraltro come vietare la detenzione dei pappagalli o dei canarini o delle galline: i richiami provenienti dagli impianti di cattura, infatti, sono oggi una piccola quantità.

Vietare oggi in Italia la caccia con i richiami vivi significherebbe inoltre dare un’altra mazzata all’economia: il mercato dei mangimi, degli allevamenti, delle gabbie, tutto il settore armiero (dalla produzione di cartucce, alle armi, all’abbigliamento) subirebbe drastiche ripercussioni.

Per non parlare del gettito fiscale: diretto e indiretto.

Riporto l’esempio della Provincia di Bergamo: la Provincia di Bergamo perderebbe un introito diretto di 192.500,00 euro, pari alla tassa di concessione che ogni titolare di appostamento fisso paga (senza richiami tutti gli appostamenti verrebbero abbandonati). La Regione Lombardia invece, solo dai cacciatori della Provincia di Bergamo, perderebbe un gettito pari a 320.000,00 euro (tassa di concessione regionale). Dalla sola Provincia di Bergamo lo Stato perderebbe un gettito di 865.000,00 euro (tassa di concessione governativa).

Oltre ovviamente alle tasse sull’indotto.

Ritengo più che mai necessario che i Senatori della Repubblica Italiana debbano valutare ogni aspetto della vicenda: una cosa è rispettare le direttive europee, un’altra piegarsi all’ideologia acciecata dal fondamentalismo animalista, il cui unico obiettivo è vietare la caccia, indipendentemente da cosa ci chiede l’Europa e da cosa interessi veramente i cittadini e le casse dello Stato..

Con deferenza,

Avv. Lorenzo Bertacchi

Presidente Federcaccia Bergamo

http://www.ladeadellacaccia.it

Tags: , , , , ,

Category: Federcaccia, Lombardia

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Luca scrive:

    Lodevole l’impegno di Bertacchi, persona preparata e che combatte realmente sul territorio in favore della caccia.
    Ma forse stavolta sbaglia la mira….perchè forse era meglio una missiva rivolta al vicepresidente nazionale…perchè l’art. 16 che ora stiamo combattendo è stato partorito nel famoso incontro con il Min. alla presenza proprio di qualche dirigente nazionale :roll:

  2. Eraldo scrive:

    Per Luca se fosse vero quello che affermi la vicenda sarebbe di una gravità inaudita.

Leave a Reply


1 + 2 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.