Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Richimi vivi, Stival scrive a Renzi

| 19 luglio 2014 | 4 Comments

merlo gabbiaCACCIA: STIVAL SCRIVE A RENZI, GALLETTI E MARTINA SU RICHIAMI VIVI; “MODIFICARE DECRETO IN ITINERE O NON SI RISOLVE LA PROCEDURA EUROPEA D’INFRAZIONE”

La soppressione di due parole (“di cattura”) all’articolo 16 del decreto legge 91/2014 che modifica la legge 157 del 1992, “Norme per la protezione della fauna selvatica e per il prelievo venatorio”, in attesa di conversione, rischia di vanificare l’impegno delle Regioni verso una forte diminuzione delle catture dei richiami vivi in natura da utilizzare nella caccia da appostamento, tramite la sostituzione con richiami di allevamento. Ciò impedirebbe di rispondere concretamente alla procedura di infrazione in materia di richiami vivi avviata dalla Commissione Europea e creerebbe un impatto fortemente negativo nel mondo venatorio.

Stival DanieleE’ questo il senso di una lettera che l’Assessore veneto alla Caccia Daniele Stival ha inviato al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e ai Ministri dell’Ambiente, Gianluca Galletti, e dell’agricoltura, Maurizio Martina, chiedendo di voler “promuovere con urgenza ogni possibile approfondimento affinchè la conversione in legge del decreto 91/2014 in questione contempli una modifica dell’articolo 16 che vada verso l’obiettivo della ricomposizione della procedura europea d’infrazione e che rinunci a qualsiasi approccio ‘punitivo’ nei confronti dei cacciatori, risultando anche di problematica applicazione da parte delle Regioni”.

“Sopprimere le parole ‘di cattura’ – sottolinea Stival – finisce di fatto per equiparare i richiami di allevamento a quelli presenti in natura, rendendo così impossibile risolvere la procedura d’infrazione specifica avviata dall’Europa e creando un evidente danno all’esercizio del diritto da parte dei cacciatori di svolgere l’attività venatoria”.

“In via preliminare – scrive tra l’altro Stival nella lettera a Renzi e ai Ministri – non è superfluo evidenziare come l’allevamento di richiami si configuri come vera e propria attività imprenditoriale che deve, in quanto tale, potersi esplicare nel rispetto delle prerogative costituzionalmente riconosciute. Si tratta peraltro di attività di allevamento che, anche sotto i profili per così dire etici, non si differenzia per nulla dall’allevamento di uccelli a scopo ornamentale, tenuti in cattività nel rispetto dei principi connessi alla salute e al benessere animale da tempo riconosciuti dall’ordinamento”.

Comunicato stampa N° 1627 del 18/07/2014
(AVN) Venezia, 18 luglio 2014

http://www.regione.veneto.it

Tags: , , , , ,

Category: Veneto

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. igor radere scrive:

    Assessore, tanto lo sò che mi legge/i, anche per Lei/te, lasciamo da una parte le letterine, prendi la valigia e vai a Roma, sbatti i pugni sul tavolo e fatti sentire caxxo.
    E se fa/fai il viaggio chiedi lumi sui bilanci ISPRA che avrai letto anche su fb.
    E se non trovi nessuno che ti accompagna o il viaggio costa troppo, chiama, ti ci porto io.

    • Renzo Cavasin scrive:

      Ma cosa si vuole vada a fare Stival a Roma se non sa neanche di cosa parlare.
      Questo è abituato a leggere lo spartito del partito FIDC e basta.
      Ma non vale neanche la pena di leggere quello che scrive.

      Renzo Cavasin

  2. gianni6 scrive:

    l’unica cosa da fare per noi in veneto è aspettare l’anno prossimo e che finisca questo calvario mai tribolato tanto come nell’era stival

  3. franc scrive:

    Non pensare che, per bene che vadano le elezioni, l’anno prossimo si possano risolvere i problemi della caccia in Veneto. Ci vorranno minimo un paio di anni solo per rimediare a quanto è stato fatto di sbagliato, (vedi torrette e piano faunistico) e poi si può iniziare a programmare qualche cosa di nuovo.

Leave a Reply


8 + 4 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.