Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Italcaccia: indispensabile salvare le nostre tradizioni

| 17 luglio 2014 | 4 Comments

Italcaccia_logoCome sempre ormai siamo stati i priimi a muoverci a livello Romano per difendere la nostra Tradizione senza tanti proclami e litigi , ma per dovere di cronaca e visto che tutti si vogliono prendere meriti inviamo la nostra prima lettera precedente gli incontri a Roma con i politici inviata al ministro ancora in data 27 Giugno c.a..

Non hanno ancora capito che non è importante chi ottiene la cancellazione del decreto ma l’indispensabile è che sia fatto.

Buon lavoro amici del sito il cacciatore.

Il Consigliere Nazionale Italcaccia
Garbujo Gianni

Allegato: lettera doc ministrof

 

Di seguito le mail dove far giungere più richieste possibili in difesa della caccia con i richiami e di cancellazione
del decreto Galletti sulla detenzione dei richiami.
Noi in tutta Italia abbiamo già iniziato la protesta e l’invio di migliaia di  mail, spero che gli amici cacciatori appartenenti a qualsiaisi associazione  Venatoria ci diano una mano e che ha questi indirizzi nelle prossime ore ne
vengano inviate una infinità.
Non dobbiamo abbatterci o litigare ma lottare.

Scrivi in difesa delle cacce tradizionali e dei  richiami per fermare il decreto Galletti .

segretario@partitodemocratico.it
centromessaggi@governo.it
segreteriadelportavoce@governo.it
segreteria.ministro@pec.minanbiente.it

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Italcaccia

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Trego scrive:

    Bravi.
    Non è importante chi si prende i meriti ma che il decreto venga cancellato. Bravi

  2. CLAUDIO TORTOIOLI scrive:

    Molto bene, mi attivo subito, e sopratutto condivido lo spirito.

  3. vincenzo scrive:

    Ma allora se non è importante chi ottiene i meriti della cancellazione del decreto perchè rivendicarne la primogenitura? Siamo alle solite si predica bene e si razzola male…..

  4. Ferdinando Ratti scrive:

    La rivendicazione della primogenitura!!!.
    La risposta è molto più semplice di quanto sembra: diamo a Cesare quello che è di Cesare.

Leave a Reply


+ 5 = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.