Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Animalisti, differenze tra USA e Italia

| 15 luglio 2014 | 5 Comments

Dove i terroristi sono riconosciuti per tali e vanno in galera.

Succede negli Stati Uniti, dove due animalisti che lo scorso agosto in Illinois avevano danneggiato un allevamento di visoni, sgabbiandone 2mila, ora rischiano cinque anni di carcere e fino a 250.000 dollari di multa.

In USA, infatti, vige dal 2006 una legge federale, l’Animal Enterprise Terrorism Act, che tutela davvero chi lavora e produce con gli animali, punendo severamente tutte le azioni che procurino danni economici alle imprese o che attentino o minaccino l’incolumita’ e la sicurezza di chi vi lavora.

Uno dei due attivisti e’ stato arrestato in California, l’altro in Illinois, dov’era gia’ incarcerato perche’ “pizzicato” a pianificare un’altra azione contro un allevamento di volpi, e saranno entrambi chiamati in giudizio in tribunale gia’ tra pochi giorni: il 29 luglio.

Le loro malefatte, parte di un piano animalista battezzato “Freedom Summer”, ora li costeranno anni di prigionia.

“Ancora poco! – commenta un utente su “TheBlaze”- oltre ai danni economici provocati all’azienda, gli animali che hanno “liberato” sono in gran parte morti di fame e di stenti o schiacciati dalle macchine”.

E in Italia, quando si arrivera’ a difendere davvero chi lavora, le famiglie, gli animali, dai terroristi?…

Autore: Fonte: www.theblaze.com

Tratto da: http://www.federfauna.org

 

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags:

Category: Curiosità

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Roberto scrive:

    E in Italia, quando si arrivera’ a difendere davvero chi lavora, le famiglie, gli animali, dai terroristi?…
    —————————————————–
    Quando il gallo comincerà a fare le uova (y)

  2. franc scrive:

    Basterebbe che la polizia non intervenisse nelle loro manifestazioni e che i giudici accettassero il concetto che una persona offesa possa a sua volta rispondere agli insulti anche venendo alle mani.

    • Nico scrive:

      Si chiama anche legittima difesa…teoricamente esiste, ma come avrai letto in un articolo precedente un ladro può chiedere i danni a chi se lo ritrova in casa e spara! Povera itaglia (y)

  3. Argo scrive:

    Una volta esisteva il sano principio del libero olio di ricino, e manganello selvaggio.
    Poi si sono perse le sane abitudini…

Leave a Reply


4 + 7 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.