Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Anpam: illegittima limitazione dei due colpi

| 12 luglio 2014 | 8 Comments

Anpam: illegittima la limitazione dei due colpi, specie per il cinghiale

ANPAML’Anpam (Associazione Nazionale Produttori Armi e Munizioni Sportive e Civili – Confindustria) ha emanato un comunicato nel quale contesta con forza la legittimità del decreto 91/2014, specialmente nella parte in cui si parla della limitazione a due colpi dei caricatori delle carabine semiautomatiche.

“L’Anpam”, si legge nel comunicato, “in riferimento alla limitazione dei colpi dei fucili semiautomatici prevista dal decreto legge 24 giugno 2014 n. 91 (Art. 16 – comma 2), si sta adoperando con forza affinché in sede di conversione in Legge del decreto, si proceda alla cancellazione della norma. In caso non si riesca ad ottenere la totale eliminazione si cercherà, in estrema ipotesi, quantomeno di apportare una modifica del testo che conservi la limitazione solo per la caccia ma ad esclusione di quella ordinaria al cinghiale.

In particolare Anpam sottolinea che non vi è alcun obbligo internazionale di limitare i serbatoi delle armi semiautomatiche ad anima rigata utilizzate per la caccia, soprattutto per quanto riguarda il cinghiale comune.

In effetti gli unici ungulati idonei a essere cacciati in Italia in regime di caccia ordinaria mediante l’uso di fucili e carabine ad anima rigata sono proprio il cinghiale maremmano, Sus scrofa majori, e il cinghiale centroeuropeo Sus scrofa scrofa. Gli altri ungulati presenti sono in generale soggetti a regimi speciali di caccia di selezione, effettuate dagli enti pubblici di controllo.

Anpam ribadisce che non esiste alcuna norma internazionale che imponga all’Italia di limitare il numero di colpi nella caccia di tali specie di cinghiale, mentre il cinghiale sardo (Sus scrofa meridionalis), è l’unico suide protetto dalla Convenzione di Berna, per il quale invece la limitazione del numero di colpi sarebbe obbligatoria.

Anche la cosiddetta “direttiva habitat” (92/43/Cee del Consiglio del 21 maggio 1992 relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche) non contiene alcuna norma che imponga tale limitazione per la caccia di tali specie.

Difatti, l’articolo 15, al primo comma, vieta i mezzi di cattura e di uccisione specificati nell’allegato VI, quindi anche l’uso di “Armi semiautomatiche o automatiche con caricatore contenente più di due cartucce”, ma solo con riferimento alle specie faunistiche selvatiche elencate nell’allegato V, lettera a, dove i suidi sono assenti, e gli unici Artiodactili compresi sono alcuni bovidi, taluni non presenti sul territorio nazionale (Capra pyrenaica), una totalmente esclusa dal prelievo venatorio (Capra ibex – Stambecco), e l’ultima (Rupicapra rupicapra – Camoscio) soggetta al solo regime di selecontrollo, ossia a un regime di prelievo effettuato da regioni e province per esclusive finalità di tutela e conservazione, nel quale generalmente le armi automatiche sono escluse.

L’Anpam ritiene, in conclusione, che la norma dovrebbe essere oggetto di ripensamento e cancellazione, obiettivo per il quale l’Associazione si sta impegnando su tutti i fronti possibili e con il massimo sforzo”.

http://www.armietiro.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: ANPAM, Armi e Munizioni

Comments (8)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. peppol@ scrive:

    Daniele c’è il tuo zampino lo so

  2. fabrizio scrive:

    In effetti, ha ragione l’ ampam, perche’ nell’ allegato V non c’e’ alcun riferimento alla caccia alla specie “sus scrofa”…… ed e’ altrettanto illegittima qualsiasi limitazione all’ uso di richiami vivi, perche’ il divieto di cui all’ allegato VI della direttiva 43/1992 si riferisce ai soli “animali mutilati o accecati usati come esche viventi”….. il termine “esche viventi” puo’ significare solo animali utilizzati per attirare predatori in cerca di cibo, e non ha nulla a che vedere con l’ uso di uccelli da richiamo. E comunque tale divieto riguarda SOLO le specie animali oggetto di “protezione” …… e non mi risulta che tordi o germani reali siano specie protette……quindi l’ art. 16 del DL 91/2014 e’ solo ciarpame giuridico che deve solo essere cancellato, e certo non mi pare che dimostri una grande competenza giuridica.

  3. PISTOLA scrive:

    Finalmente si sente la voce dei produttori di armi.

  4. Massimiliano scrive:

    concordo con PISTOLA..finalmente !

  5. MAURO scrive:

    Massimiliano un tuo commento alla lettera di ANLC-siena?

  6. Massimiliano scrive:

    Ciao Mauro,vengo ora da una telefonata con tuo stretto collaboratore..abbiamo parlato anche della lettera ANLC,e lui,dopo delucidazioni che avevo chiesto,può confermare il mio pieno consenso-assenso a quanto te scrivi.
    Son rimasto latente perchè non avevo capito bene coloro a cui arringavi il tuo pensiero.Infatti pensavo di contattarti privatamente per aver chiarimenti.

    Il mio ideale sul discorso “cinghiale” NON si è spostato di una virgola…….anche al presidente provinciale della mia asosciazione(contraria ahimè alla suddetta neonata pratica venatoria) ho riportato il plauso per la vostra associazione su quanto fatto.

    Il proseguo della telefonata col tuo colalboratore, evito nel riportarlo perchè è da mano sui capelli….e se pur rasati non mi esime nel constatare che siamo davvero ai margini di un baratro senza fine .

    buonagiornata

  7. alessandro federighi scrive:

    il cinghiale sardo,protetto dalla con.di Berna……..se esistesse ancora……….è come proteggere un dinosauro……………… 8-O 8-O 8-O 8-O 8-O

  8. lucas scrive:

    Penso che la limitazione dei due colpi nel caricatore o vale per tutti o per nessuno. Per quale motivo a colombacci vige e a cinghiale non dovrebbe?

Leave a Reply


8 + = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.