Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Radio Bosco: Basta ladri

| 4 luglio 2014 | 5 Comments

Sergio GunnellaDal pubblico che gremisce la piazza, un’ invocazione: ‘Posso dire una parola?’. ‘Vai’, gli viene risposto dal pulpito! ‘Basta ladri!’. E fu il silenzio.
La lunga catena di arresti legati alle vicende del Mose solleticano risposte all’ interrogativo: è possibile realizzare grandi opere senza incorrere in reati e corruzione?
E’ stato possibile in passato e – vivadiana! – deve essere possibile anche per quegli interventi (Expo e Mose) che sono i primi di grandezza significativa dopo cinquant’ anni di immobilismo delle istituzioni. Ricordate amici? Per ritrovare gli ultimi ‘grandi lavori’, occorre pensare a quelli delle Olimpiadi del 1960, che rifecero Roma permettendole di sopportare lo sviluppo impetuoso che ha poi avuto fino al 2006. Chi può dimenticare il Villaggio Olimpico, la via Olimpica, il viadotto di Corso Francia, Il Palazzo dello Sport, il Palazzetto, i Lungotevere, il Muro Torto, il Velodromo, il rinnovo dello Stadio Olimpico e del Flaminio, le vie dei Papi, le sponde del Lago d’ Albano, la Funicolare. A Napoli i porticcioli, le strutture per la vela e lo Stadio di San Paolo. E l’ aeroporto di Fiumicino? Sono cose da niente? Un crogiolo di manufatti e infrastrutture da svariati miliardi delle vecchie lire, ma che non diedero affatto luogo a rilievi da parte degli organi di controllo dell’ epoca. Solamente per l’ aeroporto fu sollevata all’ interno della DC una commissione d’ inchiesta che – tuttavia – fu conclusa con ampie assoluzioni. Robe d’ altri tempi, diranno alcuni. Politique oblige orchestrata da un balletto di zànzeri, aggiungo io…Gli stessi zànzeri che al Mose antepongono una legge, la 789/84, i cui postulati stabilirono fin d’ allora che la concessione automatica (e senza gare) dei lavori in laguna fosse affidata a un soggetto privato, il Consorzio Venezia Nuova, garante con il suo consociativismo di equilibri sociali ed economici. Amen. Su tale argomento potrebbe intrattenerci il senatore Zanda, presidente del Consorzio per ben nove anni, lasciandolo tuttavia nel 1995 per andare a presiedere l’ Agenzia per il Giubileo. Ri-Amen.
Al di là delle disquisizioni attuali, occorre notare come per l’ organizzazione legata alle Olimpiadi romane non si dovette ricorrere a norme emergenziali. Così come appare lapalissiano – perfino ai meno attenti – che la stazione appaltante fu solo e sempre lo Stato, direttamente o per mezzo dei propri uffici periferici. E ancora: che i lavori furono portati a termine in meno di tre anni; che gran parte degli stessi sta svolgendo ancora egregiamente le proprie funzioni; che la città di Barcellona, per le Olimpiadi del 1992, colà celebrate con straordinario successo, dichiarò espressamente di essersi ispirata al ‘modello Roma’.
Quando lo vogliamo, noi italiani siamo molto bravi e capaci di cose straordinarie. Il problema – semmai – è rappresentato dai delinquenti che s’ infiltrano per fare gli affari propri.
Non dico con la mannaia o con la nitroglicerina, ma bisogna trovare il modo di farli fuori.
Come ha gridato il nostro amico in apertura, anche gli Uomini dei Boschi associno la propria voce: basta ladri! Dappertutto. Anche nella caccia.

Sergio Gunnella

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Category: Radio bosco

Comments (5)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Pasquale (Nato cacciatore) scrive:

    Esimio Sergio Gunnella, credo che ne saremmo tutti contenti… tranne che i ladri! Ed è quel “tutti” che mi lascia perplesso, perché credo pur essendo tanti di fronte a quasi 61 milioni di abitanti, dati dell’ultimo censimento, comunque restiamo in discreta minoranza, non crede?

    Cordiali saluti

  2. Renzo scrive:

    Eh Caro amico Sergio, se il Mare si potesse mettere in tasca o nella borsa , mi sa che a Venezia così come in tutta la penisola , avremmo tanto spazio per far correre i nostri cani e fare passeggiate dove una volta era umido . Piaciuta la metafora ? :( :( :( :(

  3. eraldo martelli scrive:

    “bisogna trovare il modo di farli fuori.”
    Mi scusi signor Sergio,come possiamo noi cacciatori contribuire allo scopo?
    Sono specie cacciabili?

  4. Giovanni59 scrive:

    …mi raccomando mani di velluto e tanta cortesia eh!! :(

Leave a Reply


9 + = 16

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.