Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

UCL: un progetto per porre fine alla caccia da appostamento

| 27 giugno 2014 | 7 Comments

Comunicato stampa U.C.L.
Dopo le recenti modifiche alla 157/92 per decreto del Governo dubitiamo vi sia un progetto per porre fine alla caccia da appostamento .

ucl Una ad una, le manovre per limitare la caccia da appostamento si stanno manifestando con una sequenza impressionante.

Dubitiamo quindi sia in atto un progetto articolato per porre fine alla caccia da appostamento.
Quello che dovrebbe preoccupare i cacciatori italiani ed ancor più i loro Presidenti nazionali aderenti alla F.A.C.E , è la morsa che gradualmente si stringe sempre più sulla caccia al fine di far desistere chi la pratica.
Ciò che sosteniamo come U.C.L. è nei fatti e vuole essere un campanello di allarme su quello che sta accadendo. Tempo 2/3 anni se non reagiremo , ci conteremo, vedremo quanti saremo rimasti e quali forme di caccia saranno riuscite a sopravvivere.

Noi non vogliamo assistere passivamente all’agonia delle caccie tradizionali, che sono forme di caccia plurisecolari e non le vittime designate da chi vorrebbe ridurci, come gli Indiani d’ America , nelle Riserve. Dobbiamo impedire il “genocidio” dei capannisti, preludio alla fine dell’arte venatoria nel nostro Paese.

Proponiamo di aprire da subito un tavolo di confronto con il Governo sulla caccia, è improcrastinabile la necessità di porre mano dopo 22 anni, alla modifica della legge 157/92 al fine di armonizzarla all’Europa, anziché subirne i diktat o le sanzioni.

Non possiamo più permetterci atteggiamenti attendisti, dilatori e politiche di retroguardia, quelle politiche che ci hanno portato dal milione e mezzo di praticanti a poco meno della metà.

L’Unione Cacciatori Lombardi fa appello a chi sta veramente a cuore la caccia ed in particolare a tutte le Associazioni Venatorie, riconosciute e non , di fare squadra ed in modo unitario richiedere ai Ministri competenti un incontro che dia l’avvio all’armonizzazione della 157/92, un cambiamento di passo senza il quale ne subiremmo tutti le conseguenze.
Che ognuno faccia il proprio dovere ad ogni costo.

BRESCIA 27 GIUGNO 2014

PRESIDENZA ED UFFICIO STAMPA U.C.L.

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

 

Tags: , , , , ,

Category: Lombardia, UCL

Comments (7)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giovanni Roberto Bagnolesi scrive:

    In Toscana esiste il Coordinamento dei Cacciatori Toscani formato dall’Unione (di che tipo vorrei capire) delle seguenti associazioni venatorie: arcicaccia (compagni della natura), federcaccia (amici intimi dei famosi compagni) e purtroppo Anuu migratoristi nel quale a livello nazionale è confluito il CPA del quale faccio ancora parte ma per poco. Mi domando! Cosa fa e farà questo coordinamento per la nostra passione? Questa unione di intenti per quale scopo è stata fatta? Chissà quante cosa avrebbe da dire in proposito una persona che non c’è più ma che in materia di caccia era uno dei più grandi esperti che non scriveva però più su questo sito. Ebbene amici cosa fanno questi grandi agglomerati associazionistici per questa n ostra grande passione? Un bel NULLA. A me degli appostamenti interessa il giusto; pratico solo la mjigratoria ma non da fermo ma ci sono persone che per motivi di carta d’identità non sono in grado di poterlo fare. Questa è la democrazia di questo paese di m@@@a?

    • grillo parlante scrive:

      Ma senti da che pulpito vengono le prediche !
      Da uno che ha sempre detto di andare a caccia in Romania grazie alle sue frequentazioni e soprattutto da uno che fino a pochi mesi fa’ cercava ( su questo sito !) qualcuno che volesse andare con lui a beccacce
      in pieno periodo nuziale e di ripopolamento !
      Alla faccia del ” cacciatore ” !

  2. W L'Unità scrive:

    Caro Bagnolesi,
    a me sembri un concentrato di frasi fatte.
    Se ci fosse un torneo di qualunquismo da bar avresti buone possibilità di piazzarti ai vertici.
    La CCT, come puoi evincere dai tanti comunicati che anche questo blog ha pubblicato, si è impegnata fortemente per risolvere i problemi degli appostamenti fissi e di tanti altri problemi che, purtroppo, circondano il mondo venatorio.
    Solo l’unità colta, capace di parlare alla società, anticorporativa sarà in grado di garantire un futuro a questa straordinaria passione, utile non soltanto a chi la pratica ma a tutti i cittadini.
    Politichese? Solite chiacchere vuote e inconcludenti?
    Io credo di no, e credo, invece, che il tuo approccio sterilmente identitario sarebbe deleterio per la nostra causa.
    Ad ogni modo, visto che dici sempre di non capire, puoi visitare il sito della Confederazione Cacciatori Toscani.
    Io l’ho fatto, puoi farlo anche te.
    C’è, tra le altre cose, un bellissimo video di presentazione che descrive il senso della caccia che la CCT vorrebbe.
    Sbaglierò, ma ho forte la sensazione che la tua sia una posizione pregiudizialmente contraria.

  3. giuseppe costa scrive:

    Cari amici dell’UCL ,in questi sessanta giorni il mondo venatorio non deve stare tranquillo e , passivo! Trascorso questo “delicato momento” ,per i cacciatori ritornerà la certezza di un sereno e migliore avvenire della caccia . Giochiamo la nostra partita , uniti si vince !
    NESSUN DORMA

  4. Fabio scrive:

    Ogni volta che il centrosinistra sale al governo,periodicamente, c’è un parco in più, o una restrizione in più. Non c’è da meravigliarsi. È ormai cosi da 25 anni. Il centrodestra, invece, un coacervo di individualisti, menefreghisti e spesso demagoghi. L’unica industria che funziona è l’ambientalismo di maniera che genera disoccupazione…

    Saluti
    Fabio VARI – CACCIATORE (up)

  5. Marco.c scrive:

    Stiamo molto attenti a chiedere la modifica della 157, secondo me i tempi non sono maturi. Rischiamo con tutte queste forse trasversali e complice la nostra frammentazione di fare un disastro…..prendiamo come esempio il recepimento della direttiva europea riguardante la possibilità di cacciare x specie….appunto un disastro totale…..ora dobbiamo lottare per mantenere ciò che abbiamo finche la politica non ci strizzi almeno un pochino l’occhio….ora li abbiamo tutti contro la nostra passione….saluti

  6. Trego scrive:

    Il problema è che all interno della politica non abbiamo Cacciatori che ci tutelano ma politici che promettono tutela ai Cacciatori.
    Perchè non gli abbiamo?
    Perchè non gli abbiamo eletti.
    Perchè non gli abbiamo eletti?
    Perchè non andiamo daccordo e siamo divisi.
    Il Veneto ha due rappresentanti che sono Cacciatori veri, che quando sono stati in politica hanno sempre masticato Caccia da competenti, Berlato Carretta.
    Alle Politiche non abbiamo eletto la Sig.ra Carretta
    Alle Europee non abbiamo eletto Berlato.
    Non sto dicendo se sono o non sono capaci, ma sono Cacciatori
    E se guardiamo bene Cacciatori a Roma e in Europa non ne abbiamo e quindi le leggi le fanno chi non se ne intende.
    Peccato che si perdano certe occasioni
    Ma, ma, ma, mal che si vuole non duole.

Leave a Reply


+ 3 = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.