Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Piacenza: Lepri devastano campi di peperoni

| 17 giugno 2014 | 6 Comments

Lepri devastano campi di peperoni alla Veggioletta
L’episodio è avvenuto qualche giorno fa. Diverse lepri hanno rovinato alcuni campi di peperoni alla Veggioletta. Confagricoltura: «Servono azioni di contenimento più efficaci». Il presidente Chiesa: «Qualcuno deve pagare, non sono più accettabili offensive stime al ribasso che non includano il valore di trasformazione dei prodotti agricoli compromessi»

LepreNella notte tra giovedì e venerdì scorsi intere famiglie di lepri hanno banchettato nei campi di peperoni alla Veggioletta. La segnalazione è giunta a Confagricoltura Piacenza da parte dell’azienda associata dei fratelli Gandini che ha subito il danno su ben 25 degli ettari destinati a peperone. Confagricoltura Piacenza ha prontamente avviato le pratiche amministrative per far ottenere all’agricoltore il risarcimento che la norma prevede.
«È un risarcimento esiguo – commenta Confagricoltura in una nota – ed è ben poca cosa in proporzione ai danni già subiti ed a quelli imminenti, dato che il banchetto notturno, con tutta probabilità, sarà purtroppo una delle tante scorribande poste in essere dai lagomorfi che popolano copiosamente, ormai, anche la zona periurbana».
«Quello dei danni da fauna selvatica – commenta il presidente dell’associazione, Enrico Chiesa – è un problema sentito e diffuso non più solo in collina, ma anche in pianura, nelle zone relativamente antropizzate e da qualche anno sta assumendo dimensioni crescenti».
L’evento di cronaca, in particolare, riguarda una zona di ripopolamento e cattura, per cui le azioni di contenimento sono particolarmente limitate. Raccogliendo l’esasperazione frutto di questa situazione, Confagricoltura Piacenza chiede alle istituzioni urgenti azioni per risolvere questo drammatico problema e ricondurre la popolazione di selvatici entro limiti sostenibili dal territorio agricolo. Confagricoltura Piacenza da anni sottolinea la scarsa efficacia delle misure prese per contenere il proliferare di questi animali (censimenti, monitoraggi, caccia di selezione, rimborso danni, reti antintrusione).
«Torniamo a richiedere – sottolinea Enrico Chiesa – di aumentare il numero di capi da prelevare, ampliare ulteriormente il calendario venatorio e aumentare il numero delle giornate per i prelievi. Si deve lavorare prioritariamente sul contenimento della fonte di danno ed abbandonare la logica dell’indennizzo successivo e non sempre certo. Quando i danni si verificano, poi – conclude Chiesa – qualcuno deve pagare, non sono più accettabili offensive stime al ribasso che non includano, ad esempio, nella quantificazione del danno arrecato, il valore di trasformazione dei prodotti agricoli compromessi»

http://www.ilpiacenza.it/

Tags: ,

Category: Emilia Romagna

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. begallo scrive:

    secondo qualcuno la soluzione è semplice, basta abolire la caccia………..non ci sarebbe più selvaggina…….

  2. franc scrive:

    ‘…non sono più accettabili offensive stime al ribasso che non includano, ad esempio, nella quantificazione del danno arrecato, il valore di trasformazione dei prodotti agricoli compromessi.’
    Ma questo personaggio come fa a chiedere che venga indennizzato anche il valore di trasformazione dei prodotti agricoli?
    E un valore che di norma non percepisce l’agricoltore in quanto per trasformare il prodotto iniziale ci vogliono determinate attrezzature e strutture, che l’agricoltore di norma non ha, nonché una buona rete di vendita.
    Mi chiedo se questo presidente fa il sindacalista per gli agricoltori o per gli industriali in quanto come si sa i primi hanno interessi diversi dagli altri.

  3. Ferdinando Ratti scrive:

    La provincia di Piacenza ha un surplus di lepri!, beata lei, io consiglierei di catturarle e venderle a quelle province che ne hanno poche; una coppia di lepri di cattura provenienti dall’Ungheria,quest’anno noi le abbiamo pagate 280 euro.

  4. Roberto scrive:

    Ora nell’articolo 37 includeranno anche il contenimento delle lepri, tutti a caccia di una schioppettata di notte per fare bottino :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: oww -o- (y) (f) (dw) (:n)

  5. igor radere scrive:

    se serve, mi propongo a GRATTISSE per risolvere il problema, e anzi, aggiungo: inviterò i proprietari terrieri al banchetto finale :mrgreen: :mrgreen:

  6. MAURO scrive:

    Mandatele a Siena

Leave a Reply


5 + = 9

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.