Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Udine: i cacciatori vincono la guerra delle castagne

| 16 giugno 2014 | 2 Comments

I cacciatori vincono con un insetto la guerra per salvare le castagne

UDINE – Si chiama Torymus sinensis e viene usato nella lotta biologica al parassita che distrugge i castagni. In Friuli ha invece scatenato una guerra tra Wwf e Federcaccia. E di mezzo c’è andata anche la Regione, per via di un emendamento – approvato giorni fa – alla legge di riordino forestale, con il quale si consente l’immissione di specie aliene se usate per la lotta biologica. «Tutto ciò – tuonano gli ambientalisti – contro le indicazioni dell’Ersa e la normativa nazionale e regionale».

Secondo il Wwf, l’obiettivo era evitare a Federcaccia una sanzione di milionaria per aver immesso nei castagneti delle Valli del Natisone 45 mila insetti «d’importazione», che non appartengono alla fauna regionale. Il Wwf ha reagito annunciando un ricorso all’Unione Europea. Ma Federcaccia, con il suo presidente regionale Paolo Viezzi, gioca d’anticipo e svela le carte: l’insetto che combatte i parassiti del castagno in Fvg è già presente. Si trova nei castagneti della zona Aviano, Polcenigo e giù fino a Sacile da almeno due anni.

Come mai? È migrato dal Veneto, dove l’insetto è già stato introdotto. Secondo Federcaccia, dunque, la specie non è più aliena. Per comprendere la vicenda bisogna partire la lontano. L’Italia era il primo produttore di castagne al mondo e il secondo per i derivati. Casualmente è stato importato dalla Cina il Dryocosmus kuriphilus, un cinipide che si nutre delle infiorescenze e rende sterili i castagni. Un flagello. Giapponesi e americani lo hanno sconfitto con la lotta biologica: il Torymus mangia le larve del parassita nemico del castagno. Il ministero dell’Ambiente nel 2005 ha introdotto il Torymus e messo a disposizione delle Regioni lanci gratuiti dell’insetto nelle zone colpite. Tutte vi hanno aderito, tranne il Fvg.

La farfalla che fa morire i castagni è però arrivata anche da noi e i sindaci delle Valli del Natisone hanno chiesto aiuto ai cacciatori. All’inizio Federcaccia era un po’ perplessa, ma poi il suo presidente ha pensato: «Perché no?». Viezzi, prima che un cacciatore, è avvocato. E prima di acquistare gli insetti (5mila euro per una dozzina di lanci tra aprile e maggio 2014) ha chiesto l’autorizzazione al ministero delle Politiche agricole, dove gli hanno consigliato di rivolgersi ai tecnici della Greenwood di Torino, incaricata dei lanci gratuiti a livello nazionale. «Per essere tranquillo, in quanto la Forestale mi aveva annunciato un verbale da 1 milione di euro – afferma Viezzi – ho chiesto ai tecnici di verificare se il Torymus c’era già in Friuli. C’era. Quindi per i lanci fatti nei boschi delle Valli del Natisone sono state usate solo galle, cioè le escrescenze in cui profilerano i parassiti, raccolte nei castagneti di Aviano».

Insomma, per Federcaccia non c’è introduzione di specie aliene. «L’emendamento della Regione supera il problema, ma noi avevamo già dati tecnici e scientifici sulla presenza del Torymus in Friuli».

di Cristina Antonutti

http://www.gazzettino.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Federcaccia, Friuli venezia giulia, WWF

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    Il nostro ambiente producente i migliori frutti (sia di bosco che agricoli sia di fauna che di flora ) subisce attacchi per invidia e per concorrenza da altri paesi e come se non bastasse ci si mettono anche gli indigeni, da chi altri co dobbiamo guardare ! :mrgreen: Salutiaaamo

  2. fedeli massimo scrive:

    Incredibile wwf. oww

Leave a Reply


9 + = 15

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.