Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Toscana: le aree problematiche, non creano vantaggi

| 6 giugno 2014 | 1 Comment

AREE PROBLEMATICHE – SIENA LA PROVINCIA CONDIVIDE LE NOSTRE RICHIESTE!
Le Associazioni senesi aderenti alla CCT: “Dal confronto emerge che la delibera Regionale non crea vantaggi aggiuntivi”

CCTIn data di ieri 04 Giugno si è aperto il confronto così come avevamo richiesto con forza tra la CCT Siena (Arci caccia e Federcaccia ) e L’Amministrazione Provinciale di Siena su varie tematiche di stretta attualità e tra queste le “Aree Problematiche” per la gestione del cinghiale e degli altri ungulati, nell’occasione è stato ribadito che il provvedimento adottato dalla Regione Toscana non darà risposta a nessuno dei problemi in campo, al contrario sta provocando disaffezione ed allontanamento dalle responsabilità da parte del mondo venatorio oltre a non fornire risposte adeguate agli agricoltori.

Come è noto la posizione di Arci caccia e Federcaccia è per la sospensione e conseguente azzeramento del provvedimento così come formulato per consentire l’apertura di un percorso di reale confronto ed approfondimento con le categorie interessate ed in primo luogo con le Associazioni Venatorie;

Al termine di un articolato e approfondito colloquio, l’Amministrazione Provinciale ha espresso il parere che il provvedimento adottato dalla Giunta Regionale deve ritenersi atto di indirizzo e quindi non esecutivo. In assenza di provvedimenti di carattere attuativo non vi saranno modifiche alla attuale gestione di base del cinghiale, in particolare non ci saranno sovrapposizioni di tempi e zone di caccia al cinghiale né modifiche alle attuali zone definite vocate né modalità diverse di prelievo in altre parole Il provvedimento non sarà attuato in Provincia di Siena.

A nostro avviso questa importante decisione dell’Amministrazione Provinciale di Siena non può essere considerata né esaustiva né sufficiente, ma dovrà essere accompagnata da un analogo cambio di rotta da parte della Regione Toscana che chiederemo con forza attraverso la CCT e le altre Associazioni venatorie se vorranno sostenere questa nostra vertenza.

E’ necessario rammentare a tutti i portatori di interessi che solo con il faticoso e paziente lavoro di confronto e condivisione portato avanti anche e soprattutto dalle Associazioni Venatorie aderenti a CCT Siena (Arci caccia Federcaccia ) possiamo sperare in concreti risultati nel campo della gestione faunistica, difficili invece da raggiungere con scelte verticistiche delle Istituzioni accompagnate sempre da una sterile polemica da bar creata da chi vuole solo ottenere un po’ di visibilità o placare rancori personali.

Siena 05 giugno 2014
CCT Siena – Arci Caccia – Federcaccia

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , , ,

Category: Arcicaccia, Federcaccia, Toscana

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. vario scrive:

    ma perché volete sempre difendere le lobbye, questo provvedimento si tratterebbe di intervenire in una zona dove vi sono danni all’agricoltura e su richiesta dell’agricoltore, la caccia non è fatta di soli cinghiali, basta con sperperare i soldi per pagare danni o interventi di prevenzione, senza investire un centesimo sulla piccola selvaggina, fagiani e lepri. VOI pensate solo alle tessere perché avete numerosi cinghialai, ma anche loro sono cacciatori e riconoscono questi problemi. Fatela finita, ormai non siete più credibili.

Leave a Reply


+ 3 = 8

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.