Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Rimini: approvato il Piano Faunistico

| 21 maggio 2014 | 0 Comments

Rimini: Approvato dalla Provincia il nuovo “Piano Faunistico Venatorio 2014-2018”
Il progetto è basato sulla massima valorizzazione delle potenzialità faunistiche territoriali e sul loro oculato utilizzo e avrà valore per cinque anni

cacciatore fucileIl consiglio della Provincia di Rimini ha approvato il nuovo “Piano Faunistico della Provincia di Rimini 2014-2018. L’obiettivo principale della pianificazione faunistica provinciale per il quinquennio 2014–2018 è l’applicazione dei dettami dichiarati dalla L. 157/92, in particolare per quanto riguarda l’attuazione di un modello gestionale “naturalistico”, basato cioè sulla massima valorizzazione delle potenzialità faunistiche territoriali e sul loro oculato utilizzo.

Gli obiettivi generali della pianificazione faunistica provinciale per il quinquennio 2014–2018 sono: gestione faunistica dell’intero territorio provinciale basata prioritariamente sull’incremento e qualificazione degli interventi ambientali, gestionali e strutturali e delle risorse a ciò dedicate e sulla diminuzione dei ripopolamenti sia in quantità che per quanto riguarda le risorse a questi dedicate. Si punta al miglioramento della produttività delle Zone di Ripopolamento e Cattura (intesa nel senso più ampio, quindi non solo come numero di esemplari da catturare, ma anche in funzione di un maggiore irradiamento) da raggiungere tramite la gestione diretta da parte degli A.T.C. delle Z.R.C. e coinvolgendo direttamente il mondo agricolo.

E’ prevista la revisione delle metodologie di ripopolamento di fagiano in tutto il territorio provinciale, azzeramento delle immissioni integrative tardo estive diffuse e diminuzione quantitativa complessiva dell’impiego di fagiani provenienti da allevamento di almeno il 30% rispetto alla media degli ultimi tre anni entro il quinquennio di programmazione – quantificazione dei ripopolamenti sulla base di opportuni censimenti e monitoraggi. Tra gli obiettivi il raggiungimento della copertura di almeno l’80% del fabbisogno di lepri da ripopolamento dell’intero territorio tramite la cattura locale (Z.R.C., Z.diR., Centri di riproduzione della fauna pubblici e privati, allevamenti estensivi e zone di riproduzione della fauna selvatica interni alle A.F.V.) e l’acquisto presso allevamenti estensivi locali; azzeramento dell’impiego delle lepri di importazione estera nei ripopolamenti – quantificazione dei ripopolamenti sulla base di opportuni censimenti e monitoraggi.

Si vuole recuperare e conservare la popolazione di starna quale elemento tradizionale della fauna stanziale. Incremento della presenza della pernice rossa nella fascia di territorio individuata quale potenzialmente adatta e contestuale diminuzione della presenza del fagiano. Revisione, entro il 2015, del regolamento relativo agli appostamenti fissi che preveda in particolare una più precisa definizione delle tipologie di appostamento realizzabili, modalità semplificate per le altane da ungulati, ridefinizione delle distanze in caso di adozione paratie, eventuale diversa durata dell’autorizzazione.

Tra gli scopi l’ncremento dell’attività di prevenzione danni alle colture agricole ed al bestiame di allevamento da parte della Provincia, degli A.T.C. e delle A.F.V. nei territori di propria competenza; l’ttuazione di un programma di monitoraggio del lupo e dell’avifauna migratoria non acquatica. Incremento qualitativo e quantitativo delle azioni di vigilanza in tutto il territorio provinciale, ed in particolare nelle Zone di Ripopolamento e Cattura, nelle Oasi e nelle Zone di Rispetto A.T.C., attivando tutte le opportunità previste dalla normativa (ad es. diretto coinvolgimento degli A.T.C. nella predisposizione delle attività di vigilanza).

Il piano prevede l’ndividuazione delle nuove Z.R.C. nelle aree di alta vocazione per le principali specie di fauna stanziale (nell’ordine: lepre, fagiano, starna, pernice) valutandone prioritariamente l’adiacenza o vicinanza alle attuali e prevedendo zone con dimensioni massime intorno ai 500 ettari. Individuazione delle eventuali nuove Oasi nei territori a più alto valore naturalistico, nei territori interessati da rotte migratorie principali e nei valichi montani.

Si vuole inoltre perseguire il contenimento entro limiti di tollerabilità dell’impatto del cinghiale sulle attività antropiche in generale ed agricole in particolare tramite l’attivazione obbligatoria di tutte le forme di caccia e di controllo possibili. E quindi prevenire i danni da canidi in genere e da lupo in particolare negli allevamenti del territorio. L’impegno della Provincia è quello di perorare le istanze degli allevatori in merito alla ridefinizione dei criteri di quantificazione dei danni (accertamento del danno indiretto: aborti degli ovini, mancata lattazione) come già avviene in altre Regioni

http://www.riminitoday.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: Emilia Romagna

Leave a Reply


1 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.