Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Modena: Calendario Venatorio 2014 / 2015

| 6 maggio 2014 | 1 Comment

Modena: stop alla caccia nella zona colpita dall’alluvione
Pubblicato il calendario venatorio: le date, le regole e i divieti. Seimila doppiette cacciatori in provincia

CinghialiaMODENA – La Provincia ferma le doppiette: nelle aree colpite dall’alluvione del gennaio scorso quest’anno non si potrà cacciare la piccola fauna stanziale come lepri e fagiani. E’ una delle novità contenute nel calendario venatorio 2014-2015 approvato, martedì 6 maggio, dalla Giunta provinciale. Il documento contiene anche la cartografia delle aree alluvionate dove scattano i divieti di caccia e sarà disponibile nel sito www.provincia.modena.it nella sezione Politiche faunistiche. L’obiettivo, spiega l’assessore Luca Gozzoli, è “consentire un più efficace e rapido riequilibrio in un’area dove anche la fauna è stata duramente colpita dall’alluvione”.

Le altre novità

Tra le altre novità l’obbligo di indossare indumenti a “visibilità altaper i cacciatori alla piccola fauna stanziale e alla beccaccia che frequentano le aree dove si svolge la caccia collettiva al cinghiale che parte dal 1 ottobre. In pratica ogni cacciatore è tenuto ad indossare almeno un capo di abbigliamento (pantaloni, camicie, gilet e cappello) di colore giallo o arancione per risultare maggiormente visibile, garantendo una maggiore sicurezza.

Il calendario della caccia

La caccia alla selvaggina stanziale, che coinvolge oltre 6 mila doppiette, partirà domenica 21 settembre per chiudere il 7 dicembre e sarà anticipata, dal 1 settembre, da sei giornate di preapertura con limitazioni, precedute dal via all’attività di addestramento cani prevista dal 15 agosto.

Può partire la caccia individuale di selezione al cinghiale una volta terminate le procedure amministrative degli Atc; infine con l’ok al calendario, può partire dal 1 giugno la caccia al capriolo maschio, in anticipo rispetto agli anni precedenti per contrastare più efficacemente la proliferazione, mentre la caccia di selezione al cervo è prevista da ottobre a marzo, con limitazioni, al fine di contenere una specie in aumento che sta provocando diversi danni in particolare al patrimonio agroforestale.

Sono confermate nel calendario le regole per la caccia a diverse specie da tutelare come la pernice rossa e l’allodola per la quale sono previste limitazioni al carniere; per i corvidi, invece, confermate le regole per aumentare l’incisività del prelievo a tutela dell’agricoltura (la caccia al merlo chiude il 22 dicembre).

Previste, inoltre, regole sulla caccia alla volpe, al fine di garantire una maggiore sicurezza, e sulla caccia stanziale durante il mese di gennaio.

Per salvaguardare la beccaccia, nei mesi invernali sono previste sospensioni temporanee (comunicate tramite il sito della Provincia) in caso di forti gelate.

Viene specificato, inoltre, che per fucile scarico si intende l’arma che non contiene cartucce nel serbatoio e nemmeno in camera di cartuccia, mentre per le distanze di sicurezza (150 metri dalle abitazioni) non sono da considerare gli edifici con il tetto crollato e non in ristrutturazione.

Confermato, infine, il riconoscimento formale della caccia con il falco (consentita dalla legislazione nazionale e regionale) per la quale valgono le disposizioni previste per l’attività venatoria alla fauna stanziale.

http://www.modenaonline.info

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: Emilia Romagna

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Bartoccini Mario scrive:

    Ogni occasione diventa buona per ridurre tempo di caccia, specie da cacciare, territorio da praticare … cacciatori da mascherare!
     
    VERGOGNA! I nostri “sindacati” che “pesci” stanno prendendo?
     
    Penso alle zone alluvionate ove gli uccelli acquatici soffrono da morire, ove i turdidi provenienti dall’areale europeo s’impantanano nell’umbricare, ove i colombacci rimangono infangati con i chicchi di mais, ove le beccacce periscono con il becco imprigionato dal gelo, ove la politica cialtrona non sa distinguere tra la veridicità storica della cultura onnivora ed il delirio animalista di bamboccioni sconvolti!
    Cordialità.
    PS. Rinnovo l’appello a non disertare il voto! Per sconfiggere i “rosci” di Forza Italia, i “Grillini” e gli “sconvolti” di estrema sinistra!  

Leave a Reply


4 + = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.