Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Box cani – Gambetta (Ncd): Troppi 8 mq per cane

| 6 maggio 2014 | 2 Comments

BOX CANI – Gambetta Vianna (Ncd): “Troppi 8 mq per ogni cane. Non rispettata la direttiva europea”
Presentata mozione per “rispettare la direttiva europea. La Toscana non fa distinzione tra le taglie dei cani e ha praticamente raddoppiato le superfici rispetto alla direttiva europea”

caccaitore_con_cane«La legge regionale 59/2009 in alcuni punti non rispetta la direttiva europea, la 2010/63/UE. Va quindi rivista soprattutto per quanto concerne le dimensioni dei box per i cani. È impensabile che per la legge toscana un Chihuahua, che normalmente non supera i 3 chili di peso, debba avere lo stesso spazio di un Alano o di un San Bernardo, che arrivano a sfiorare anche i 100 chili. Praticamente è come obbligare per legge un neonato a dormire in un letto matrimoniale».
È quanto afferma il capogruppo di PT/Nuovo Centrodestra in Regione, Antonio Gambetta Vianna, che sull’argomento ha presentato una mozione in Consiglio regionale.

«Per la legge toscana – prosegue l’esponente del Nuovo Centrodestra –, la superficie minima per ciascun cane, fino a un massimo di 3, è di 8 metri quadri, che diventano 4 metri in più per ciascun esemplare dal quarto in poi. Ma la direttiva europea dice che, per i cani fino a 20 chilogrammi di peso, le dimensioni devono essere di 4 metri quadri fino a due cani più due metri quadri aggiuntivi per ogni esemplare in più. Per le taglie superiori ai 20 chili, 8 metri quadri fino a due cani e quattro metri quadri aggiuntivi per ogni esemplare in più.
Insomma, in alcuni casi la Regione ha praticamente più che raddoppiato (e a volte triplicato) quanto espresso dalla direttiva europea. Per esempio, per la legge toscana una persona con cinque Chihuahua deve avere un box di 32 metri quadri (8+8+8+4+4), quando per la direttiva europea basterebbero 10 metri quadri (4 per i primi 2 cani +2+2+2).
La stessa persona con invece cinque Alani per la legge toscana deve avere sempre un box di 32 metri quadri (8+8+8+4+4), mentre per la direttiva europea basterebbero 20 metri quadri (8 per i primi 2 cani+4+4+4)».

Per Gambetta Vianna, «ha ragione la Confederazione Cacciatori Toscani (Federcaccia-Arcicaccia-Anuu). L’arbitrarietà della definizione dei metri quadri fissati dalla Toscana rischia l’intervento sanzionatorio che può colpire indistintamente il singolo cittadino, le strutture di ricovero del volontariato, i canili comuinali e i ricoveri dei cani da caccia. Praticamente – conclude –, tutti i detentori di cani sono a rischio sanzione».

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Toscana

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. ennio scrive:

    Questa mozione ,sulla quale sono in pieno accordo e che ne parlavo in tutti gli ambienti e con alcuni rappresentanti locali,viene troppo tardi!!! ho quì sul tavolo la SCIA ritirata da poco presso il Comune per la costruzione di nuovi box per i miei cani.Scrivo dalle Marche,anche quì 8 mq a cane e senza la riduzione per gli altri aggiunti,ossia io ho sei cani e devo avere 48 mq di box ,Vi immaginate!!! anche io ho sempre sostenuto che conta la taglia,ma il legislatore nel redigere la legge non sapeva nemmeno dove il cane avesse la testa e la coda !!!! Da noi tutt’ora le G.G.V: dell’Empa fanno controlli errigono verbali(in particolare verso cacciatori)enrando dentro le proprietà private senza permesso con arroganza…è chiaro che una volta giunti presso il box,scattano foto ,fanno una misurazione e il gioco è fatto.Io mi sono rivolto anche presso il Veterinario dell’Asur perchè non potevo credere che servissero otto metri ciascuno anche quando sono in due,pensavo fossero dodici metri; invece nulla da fare.udite udite….però il Comune non mi autorizza a coprire più di 12 mq dei 48 di box….così i cani saranno sempre tutti bagnati quando piove.Ho la legge stampata quì sulla scrivania,dove inoltre si precisa che le cucce devono essere isolate da terra e ben coibentate!!!!!!! ma se mi imponete di lasciarli con una misera copertura?????!!!!!!Incredibile ma vero !!!In questo momento ero anche sul sito http://www.immobiliare.it e stavo cercando un alloggio per mio figlio che si dovrà trasferire a Milano per lavoro….beh ho trovato anche monolocali da 20 mq!!!!!scusate il mio sfogo.

Leave a Reply


+ 2 = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.