Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Lecco: Cervi, la provincia sceglie la via scientifica

| 28 aprile 2014 | 0 Comments

CervoNé con i cacciatori né con gli ambientalisti. Con i cervi. L’assessore all’Ambiente Carlo Signorelli precisa la posizione della Provincia sulla protesta degli ambientalisti nata dopo l’annuncio di una probabile apertura della caccia ai cervi (in autunno), anche sulle Prealpi lecchesi. Probabile e non sicura, innanzitutto.

Sarebbe la prima volta, per le Prealpi, mentre sulle Alpi (Legnone, Valvarrone e Colico) i cervi sono tanto numerosi che anche la caccia è andata aumentando di anno in anno fino ai 30 capi prelevati nel 2013.

Ma sulle Prealpi si andrà, come sempre si è fatto, con i piedi di piombo: «I censimenti vengono fatti tutti gli anni e il cervo è in crescita – precisa Signorelli – . Fino all’anno scorso il censimento ci diceva che aveva un senso il prelievo venatorio nel comprensorio delle Alpi ma non in quello delle Prealpi. I tecnici esamineranno i dati, ma non c’è discrezionalità nelle decisioni: sono tutte formule molto matematiche. Dopo i censimenti, infatti, ci soni i piani di prelievo che vanno mandati all’Ispra (istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) di Reggio Emilia che valuta i numeri dei prelievi quindi approva, modifica o boccia i piani di prelievo». Tutto molto scientifico. Ma gli ambientalisti contestano il fatto che a fare i censimenti siano proprio i cacciatori: «I censimenti vengono fatti in alcuni casi con delle deleghe ai comprensori ma di questi organismi fanno parte anche gli ambientalisti tanto è vero che negli scorsi anni Pierfranco Mastalli (oggi presidente di Legambiente), aveva presieduto un comprensorio Alpi. E, comunque, i censimenti vengono fatti sotto la supervisione del Corpo di Polizia Provinciale che sorveglia, controlla, valuta e corregge».

Il cacciatore, inoltre, non ha nessun tipo di interesse a che la specie si estingua. «C’è un interesse coincidente se le persone sono, come sono, oneste. Abbiamo lo stesso fine, noi, i cacciatori e gli ambientalisti. E i prelievi vengono fatte nel rispetto della tutela della specie, delle leggi e dei regolamenti.

Alla ricerca dell’equilibrio perfetto

Solo alcune operazioni sono fatte in esclusiva dai cacciatori che hanno, molte volte, conoscenze superiori sul territorio rispetto ai nostri stessi tecnici. Non dobbiamo andare incontro né a una sottostima né a una sovrastima. Sarebbe un disastro».Il perché è presto detto: «Ho decine di agricoltori e coltivatori che si lamentano per i danni alle coltivazioni e alle recinzioni. Se si moltiplica troppo il cervo crea problemi e danni che dobbiamo poi risarcire con i soldi del fondo danni fauna selvatica».

Ecco perché ci vogliono i censimenti. Per capire se il cervo c’è e se è in sovrannumero rispetto all’ambiente in cui vive. «Il nostro obiettivo e lo posso dire con grande tranquillità perché non sono cacciatore, è duplice: tutelare la specie, farla aumentare quando i numeri sono bassi e farla diminuire quando i numeri sono troppo alti. Dobbiamo regolare l’attività secondo le leggi dello Stato».n

Marcello Villani

http://www.laprovinciadilecco.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Cervo, Lombardia

Leave a Reply


+ 5 = 13

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.