Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Feltri e la svolta animalista di Forza Italia

| 22 aprile 2014 | 10 Comments

Da animalista non sparo sui cacciatori
il dramma è che la natura è spietata: un tritacarne in cui i più deboli soccombono ai più forti

Brambilla BerlusconiLa svolta animalista impressa da Silvio Berlusconi - su sollecitazione di Dudù – alla politica di Forza Italia ha creato al partito qualche problema nei rapporti con i cacciatori. I quali si sono sentiti traditi e abbandonati dal vecchio amico ex Cavaliere, che li aveva sempre protetti e coccolati, non foss’altro perché la categoria, per quanto divisa in varie associazioni, è molto affollata – circa 800mila individui inseparabili dalla doppietta, cui va aggiunto l’indotto formato da armaioli, commercianti di articoli sportivi e familiari – oltre che compatta, avendo in comune l’interesse di essere protetta dagli attacchi periodicamente sferrati da chi è contro lo sterminio organizzato della selvaggina.
I cacciatori, per andare giù piatti, pretendono anzitutto di continuare a sparare e detestano chiunque tenti di impedirglielo. Cosicché quando si tratta di votare (per le politiche e per le europee, financo per le regionali), le loro scelte spesso – quasi sempre – sono influenzate dalla passione per la cosiddetta arte venatoria: danno la preferenza al partito (o ai partiti) che non minacci di disarmarli. Va da sé che essi costituiscano pertanto un bacino elettorale assai importante da cui pescare suffragi in quantità, a condizione che chi ambisca a «catturarli» garantisca di non vietare la caccia.
A occhio e croce, destra e sinistra finora si sono spartite equamente i voti dei «fucilieri» perché né la prima né la seconda hanno mai osato contrastare la venagione. Tant’è vero che i referendum indetti dagli animalisti per abolirla sono regolarmente falliti in quanto la politica, terrorizzata all’ipotesi di irritare i cacciatori, si è guardata dall’appoggiarli. Questo è un dato di fatto incontestabile. Ora, almeno in teoria, si cambia registro. Berlusconi si innamora di Dudù, splendido barboncino bianco che parecchi cretini prendono in giro solo perché vive ad Arcore, e capisce che la politica non deve trascurare le bestiole d’affezione; perciò raccomanda ai dirigenti di Forza Italia d’inserire nel programma la difesa – e la cura – di animali considerati da milioni di italiani componenti della famiglia e meritevoli di ogni attenzione.
Mi pare una bella cosa. Ma c’è un ma. Come si possono conciliare i sentimenti animalisti con l’attività venatoria? Sorge un conflitto. I cacciatori temono che la nuova linea di Forza Italia sia antitetica rispetto alla loro; e gli animalisti non concepiscono che un partito attento alle esigenze di cani, gatti eccetera sia tollerante con coloro che abbattono con piacere uccelli, caprioli, cinghiali eccetera. Difficile trovare un compromesso, ma non impossibile.
Cominciamo col dire che la caccia, se non se ne conoscono le regole, fa impressione perché il suo fine ultimo è l’uccisione di esseri viventi innocenti. Viene spontaneo dire: che divertimento c’è nel massacrare poveri volatili o mammiferi che non fanno male a nessuno? Ammetto: è un ragionamento superficiale. Il sovrappopolamento di certa selvaggina altera l’equilibrio ecologico, e la necessità di mantenere un’armonia nella natura, che consenta alle varie specie di sopravvivere, è invece incontestabile. Un esempio. I cinghiali si stanno moltiplicando in Italia a dismisura. Se ogni tanto non fosse autorizzata la caccia a questi suidi, capaci di riprodursi rapidamente, sarebbe un disastro per l’intero ecosistema.
Lo stesso dicasi per tutta la fauna che l’intervento (disciplinato) dei cacciatori è in grado di controllare affinché una specie non prevalga su altre, posto che l’ambiente nel nostro Paese, per troppi anni, è stato trascurato. Analizzando la storia si scopre che l’uomo per millenni è stato cacciatore per motivi meramente alimentari. Un tempo o catturava una preda o saltava il pasto. Adesso non è più così, è peggio. Per nutrirci ci siamo inventati gli allevamenti intensivi: povere bestie che nascono entro piccoli recinti, addossate le une alle altre, crescono senza un minimo di libertà, nella sofferenza più atroce e, infine, vengono uccise in modo ripugnante.
Il bestiame cosiddetto da carne non fa pena a nessuno. La gente mangia serenamente e con gusto bistecche, prosciutti e salsicce. Non si domanda da dove arrivino. Se ne frega che agnelli e capretti siano macellati per Pasqua, quando hanno solo poche settimane di vita, con una crudeltà che ferisce il cuore. Alcuni animali – pollame anzitutto – sono considerati cose, oggetti insensibili che è lecito sottoporre a sevizie. Non c’è anima buona che protesti nel vedere autocarri stipati di bovini o suini – magari sotto il sole di agosto – trasportati chissà dove per essere freddati.
Tanti orrori quotidiani passano inosservati sotto i nostri occhi offuscati dall’indifferenza, ma se un cacciatore fulmina un fagiano o una beccaccia ci scandalizziamo e invochiamo di eliminare l’uccellagione.
Siamo incoerenti. Il maialino si può sgozzare e arrostire: la coscienza non rimorde. Guai però se stecchisci un tordo con i pallini di una cartuccia: sei un boia. Siamo un po’ stupidi. Meglio un cacciatore o un macellaio o un pollivendolo? È legittimo decimare i piccioni che fanno la cacca sulle guglie del Duomo di Milano, ma è vietato riempire il carniere di fringuelli. Ciò non è irrazionale?
Non assolvo coloro che godono a premere il grilletto. Ma se li condanno devo condannare pure i pescatori: forse anche le sogliole e i branzini piangono quando finiscono nella rete o uncinati dall’amo. Il dramma è che la natura è spietata: un tritacarne in cui i più deboli soccombono ai più forti.
L’uomo è cattivo, però gli piace atteggiarsi a buono. Non toccate il mio gatto e il mio cane. Li amo come figli.

Vittorio Feltri – Dom, 20/04/2014

http://www.ilgiornale.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Leggi/Politica

Comments (10)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

     
    gli animalisti gli animalisti non concepiscono che un partito attento alle esigenze di cani, gatti eccetera sia tollerante con coloro che abbattono con piacere uccelli, caprioli, cinghiali eccetera.
    ————————————————————————————Ottima analisi caro Feltri, ma sui cacciatori e la caccia ci sarebbe da dire ancora qualcosa, come per esempio : che non si spara per il piacere di uccidere, ma si spara per impossessarsi del selvatico nell’azione di caccia, cosa non sempre facile, come ammazzare maialini, capretti e polli di allevamento, il piacere viene dopo, quando ci mettiamo a tavola con la selvaggina presa e cucinata da leccarsi le orecchie. Chiaro il concetto no ?  Per il resto nulla da eccepire.   :wink:   Salutiamo

  2. Ferdnando Ratti scrive:

    Non ho mai apprezzato FELTRI per il suo modo di fare ne come si proponeva, Ora però con questo articolo, mi devo ricredere nei suoi confronti è molto coerente. Forse ultimamente a frequentato i cacciatori bergamaschi ?, credo che questi gli hanno spiegato bene una volta per tutte, come sono in realtà le cose.

  3. sergio scrive:

    E’ tardi oramai per chiudere la stalla, i buoi sono scappati.

  4. Ezio scrive:

    “!Feltri e la svolta animalista di Forza Italia”
     
    Triplo salto carpiato con doppio avvitamento a destra e quadruplo sbisciulamento a sinistra ed atterraggio in piedi….da 5 cm da terra!!   :mrgreen:

  5. peppol@ scrive:

    dopo aver rovinato il Milan il Silvio sta facendo altrettanto con FI…scusa capo  :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  6. Renzo scrive:

    Si vede che Feltri è atletico oltremodo. Usa un paracadute per atterrare che è grosso come il fazzoletto che porto in tasca . Molto bravo, anzi, bravissimo . Altro che salto carpiato con scivolamento a sx e dx contemporaneo. Da vero artista circense . 

  7. Peter scrive:

    In un mondo dove l’ipocrisia impera, la stupidità la fa da padrone. Se ne accorgeranno comunque alle prossime elezioni, eccome che se ne accorgeranno.

  8. fabrizio scrive:

    ……ma certooooo !!!  noi cacciatori voteremo di nuovo Forza Italia (in massa) come nel 2008 !!!  tanto ormai ce lo siamo scordati come ci hanno trattati e presi in giro per due volte in due legislature………ce lo siamo scordati che fine fecero fare al DDL Onnis….come ci siamo scordati che fine fecero fare al DDL Orsi…..vero?? e la bella controriforma peggiorativa della legge 157 con la comunitaria del 2009 ?? e le denigrazioni e i comizi mediatici anti-cacciatori della rossa ??  ovviamento ci siamo scordati anche quelli……vero ?  ora addirittura cercano di blandirci con qualche articoletto di giornale……MA CI HANNO PRESI PER SPROVVEDUTI ??   i soli partiti che schierano candidati nostri amici e ci sono realmente amici (anche come formazioni politiche) sono Fratelli D’ Italia e Lega Nord……..teniamolo presente prima di disperdere i voti (attratti con qualche candidato ad hoc) in partiti succubi della peggiore subcultura animalista: partiti che poi useranno i nostri voti CONTRO DI NOI !!!

  9. Carlo scrive:

    Prima o poi arriverà un partito per i cacciatori, i pescatori, gli amanti della natura in genere e forse le cose cambieranno ….. Per ora sarebbe auspicabile un’ unica associazione venatoria con dei dirigenti con gli attributi. Saluti fraterni a tutti gli uomini dei boschi. Carlo

Leave a Reply


2 + 7 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.