Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

UE – Scotta’ (LN): Basta insidiare l’attivita’ venatoria

| 17 aprile 2014 | 2 Comments

UE; SCOTTA’ (LN), MONITO DA STRASBURGO: BASTA INSIDIARE L’ATTIVITA’ VENATORIA.
L’eurodeputato leghista critica i ripetuti tentativi di proibire la cattura degli uccelli selvatici a scopo di richiamo.

scottaL’occasione era di quelle da non farsi sfuggire, e così è stato. Durante la discussione sulla proposta di regolamento sulla sanità animale, lunedì 14 aprile, l’eurodeputato trevigiano della Lega Nord, Giancarlo Scottà, è intervenuto in difesa dei cacciatori e delle associazioni venatorie. All’interno del provvedimento relativo alla prevenzione e al controllo delle malattie animali, che sono trasmissibili tra gli animali o dagli animali agli uomini, infatti, il gruppo dei Verdi aveva presentato un emendamento che prevedeva la proibizione della cattura degli uccelli selvatici a scopi venatori. Lo stesso emendamento era stato proposto dall’on. Zanoni, approvato in sede di Commissione Ambiente, ma respinto in Commissione Agricoltura grazie all’azione intrapresa da Scottà.

“La prevenzione può essere vista come la parola cardine per un’efficace gestione delle malattie animali”, ha esordito Scottà, “tuttavia, non sempre basta a impedire la manifestazione di alcune patologie, soprattutto nel comparto degli animali selvatici. I loro spostamenti e le loro interazioni seguono le regole della natura e non possono perciò esser controllate”, ha proseguito Scottà. “E’ in questo contesto che assumono un ruolo essenziale le misure di monitoraggio. Ed è qui che vorrei sottolineare il ruolo positivo dei cacciatori e delle loro associazioni venatorie. La figura del cacciatore rappresenta, infatti, una delle sentinelle d’allarme più immediate di cui disponiamo sul territorio e, soprattutto, a costo zero per la collettività”.

Una netta presa di posizione e un forte messaggio a tutto il fronte anti-caccia, il più delle volte mosso da soli motivi propagandistici ma con scarse basi scientifiche. “I cacciatori sono spesso i primi che si imbattono in animali selvatici infetti, subito segnalati alle autorità competenti che attivano a loro volta gli adempimenti previsti”, sottolinea Scottà, unico italiano intervenuto a difesa dei nostri cacciatori. “La loro conoscenza è comprovata da una serie di meticolosi corsi e esami che devono esser superati anche in tema di sanità animale. Alla conoscenza si aggiunge, poi, l’esperienza, trasmessa di generazione in generazione”.

L’eurodeputato, infine, dedica un passaggio agli uccelli da richiamo: “è ingannevole affermare che i richiami vivi a scopo di caccia sono da vietare perché costituirebbero un veicolo di malattie impossibile da monitorare. Al contrario, l’uso degli uccelli da richiamo potrebbe effettivamente essere uno strumento prezioso per monitorare la salute degli uccelli selvatici, come accaduto durante l’epidemia di influenza aviaria”.

Ad ascoltare l’intervento dell’on. Scottà, oltre ai colleghi eurodeputati presenti in aula, c’era anche il Commissario europeo per la Salute e la Politica dei Consumatori, il maltese Tonio Borg, che ha annotato i suggerimenti espressi da Scottà.

Frasi, quelle dell’on. Scottà, che evidentemente sono state recepite dall’europarlamento che il giorno seguente ha bocciato una volta per tutte l’emendamento contro i richiami vivi avanzato dai Verdi e ha approvato un passaggio legislativo nel quale si riconosce il ruolo positivo ricoperto dai cacciatori nel monitoraggio delle malattie, grazie alla loro esperienza e conoscenza delle malattie che colpiscono gli animali selvatici. Praticamente ciò che era stato richiesto da Scottà.
“Finalmente una soddisfazione per i nostri cacciatori” – è il primo commento di Scottà a margine del voto. “Speriamo che riconoscimenti di questo tipo facciano seguito ad altri. Troppi sono stati gli attacchi e gli ostacoli che il mondo venatorio ha subito negli ultimi anni. E’ giunto il momento di andare oltre banali slogan proibizionisti e di agire su basi scientifiche, instaurando quella che può essere definita una collaborazione intelligente”.

Ufficio stampa On. Scottà al PE

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Generale

Comments (2)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. luigi da sorrento scrive:

    Io non sono un simpatizzante dei principi leghisti, ma, ancora una volta e’ stato un leghista a difendere i cacciatori…..gli altri partiti sono come le AAVV…..ci avvicinano solo quando gli serve qualcosa….
    BUONA PASQUA a tutti i cacciatori di buona volonta’…!!!

  2. claudio ge scrive:

    Buona pasqua anche a te (n)

Leave a Reply


7 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.