Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

contenimento danni cinghiale: Quando il lavoro paga

| 8 aprile 2014 | 4 Comments

Criteri per la Prevenzione ed il contenimento dei danni da cinghiale
Quando il lavoro paga

SVIIn riferimento ai danni cagionati all’agricoltura ed al territorio dalla proliferazione dei cinghiali la Regione volle, come ampiamente documentato in altri comunicati stampa, chiedere anche la nostra presenza ad i tavoli che contano e noi, con umiltà, demmo il nostro consenso (a dimostrazione che non siamo contro le Istituzioni ma contro chi le gestisce in modo ambiguo e confuso).
Bene, a quei tavoli siamo andati sì con umiltà ma non come dei farlocchi (come, forse, qualcuno sperava) e, nella nostra semplicità, abbiamo catalizzato l’attenzione, su diverse criticità che, guarda caso sono state recepite integralmente dalle Istituzioni per poi divenire legge, con la loro pubblicazione sul Burc della Regione Campania.

I punti ripresi dalle nostre osservazioni sono:

1) la realizzazione di un programma di monitoraggio della popolazione dei cinghiali fatta per aree omogenee
(comprensive dei territori protetti) e non come fatta fino ad oggi per Province, A.T.C. o Enti Gestori (che davano
risultati a macchia di leopardo non confrontabili tra di loro);
2) la nascita di un Registro regionale ove fosse riportato il numero complessivo degli abbattimenti (eseguiti sia in
regime di caccia ordinaria che di controllo selettivo), per verificare la bontà della azioni messe in campo e dei
risultati raggiunti;
3) il coinvolgimento in tale attività degli agricoltori (i soli in grado di avere un quadro chiaro delle problematiche, degli
ambiti e siti di intervento ed anche i primi a dover sopportare sulle proprie spalle i danni alla produzione agricola).

Agli occhi dei più potrebbero sembrare delle ovvietà che, però, tali non sono visto che per decenni associazioni ben più blasonate di noi non hanno mai proposto una sola di queste iniziative, limitandosi a rannicchiarsi nei loro piccoli spazi di potere ed attendere che altri facessero quello che invece era loro compito e dovere fare.
E’ d’uopo ringraziare l’Assessore Nugnes che ha voluto fortemente la nostra partecipazione ai lavori e l’Ufficio tecnico-faunistico dello SVI che prontamente ha dato il suo contributo.
Quando gli increduli ci chiedono cosa stiamo facendo noi per la caccia si limitino a leggere le leggi, le delibere e gli atti ufficiali delle Istituzioni lì troveranno molte delle loro risposte e poi rivolgano la domanda a se stessi e si chiedano cosa stanno facendo loro ( o le loro associazioni) per il futuro della caccia.

Lì 06.04.2014

Ufficio Stampa
Sindacato Venatorio Italiano

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , ,

Category: Campania, Cinghiale

Comments (4)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Giacomo scrive:

    E’ d’uopo ringraziare l’Assessore Nugnes che ha voluto fortemente la nostra partecipazione ai lavori…..
    —————————————————————————————–
    Ma l’assessore quando vi chiama per decidere quanto e quale territorio aprire alla caccia per rientrare finalmente nel 30% come dice la legge regionale ? Mi sembra che sia passato già un mese dalla scadenza dei sei mesi di tempo.   Salutiamo e forza SVI. 

  2. dino scrive:

    Amico Giacomo… ma pensi veramente che il S.V.I.  dimentichi una delle cose prioritarie per i cacciatori e per la caccia e ciò il territorio. Forse sei tu che dimentichi che questa associazione lavora a 360 per la caccia e per i cacciatori. Devi sapere che già è quasi pronto il documento di studio e diffida per arrivare a costringere questa regione a uniformarsi alla legge… uno dei documenti più precisi per il calcolo dell indice di densità venatoria, e sicuramente più incisivi. Non servono polemiche o altro .. a noi serve solo che ci facciate lavorare con il vostro supporto.
    Dino Canelli    responsabile regionale S.V.I. 

    • Giacomo scrive:

      Caro Dino quando non vi sentite sui siti per un po di tempo uno incomincia a preoccuparsi pensando che le cose forse non vanno bene. Comunque io non mi riferivo a voi dello SVI se leggi con più attenzione il mio riferimento era verso l’assessore. Od ogni modo i miei colleghi cacciatori che pensano solo al loro orticello spero che aprano gli occhi verso questo sindacato e rinuncino a qualche spesuccia come ho fatto io per darvi forza e coraggio. Nell’attesa di vostre buone nuove Salutiamo !  :wink:  

  3. luigi da sorrento scrive:

    come al solito concordo con Giacomo….e’ fondamentale che lo SVI si faccia sentire sui blog o sul proprio sito….e sarebbe bene che i delegati spingessero al pagamento delle tessere…..per sentire vicina l’associazione, oltre che mettere on line le modalita’ di pagamento…..vero Giacomo…..
    Sarei anche curioso di conoscere la fonte secondo la quale potrebbero essere  rilasciati 4\500 tesserini per la migratoria  a SA 2….mi delucidate…Grazie.

Leave a Reply


5 + = 12

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.