Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Trento: blitz di 4 animalisti contro prete-cacciatore

| 31 marzo 2014 | 6 Comments

Blitz durante la messa contro il prete-cacciatore
È successo ieri in una chiesa di Pergine durante la cerimonia di don Dario Sittoni Gli animalisti hanno sventolato un lenzuolo con la scritta: “Cacciatori assassini”

PERGINE (Trento). Un grande lenzuolo spiegato all’improvviso durante l’omelia per far leggere una scritta a caratteri cubitali, in spray nero: “Quinto comandamento: Non Uccidere. Cacciatori assassini”. La protesta anticaccia ha sconvolto ieri la messa domenicale del mattino nella chiesa di Canezza di Pergine, seminando fra la quarantina di fedeli presenti prima sorpresa, poi sbigottimento e infine una certa irritazione, tanto più che la protesta aveva come bersaglio il parroco, don Dario Sittoni, appassionato cacciatore.

A predica iniziata, sono entrate in chiesa quattro persone. Nulla di strano, a prima vista. Mentre don Dario commentava il Vangelo, in due si sono incamminati lungo il lato destro dell’unica navata con in mano un telefonino a testa. Gli altri due hanno imboccato il corridoio centrale della chiesa, dritti in direzione del pulpito e del sacerdote, verso il quale hanno aperto e sbandierato il lenzuolo. Tra la gente, sguardi fra l’incredulo e lo stralunato. La maggioranza dei presenti ha stentato a capire che succedeva, mentre don Dario ha letto a voce alta lo striscione e ha abbozzato una replica, citando la parabola del figliol prodigo e ricordando il vitello grasso sacrificato dal padre per festeggiare il ricongiungimento familiare. Il tutto sotto lo “sguardo” dei telefonini con cui i primi due attivisti anticaccia hanno ripreso la scena.

Uno scambio confuso di battute fra parroco e “dimostranti” ha dato tempo alla gente di riprendersi dalla sorpresa e organizzare una sorta di reazione all’imprevisto. Reazione che si è concretizzata in un intervento a sostegno di don Dario: qualcuno si è alzato e ha cercato di convincere di persona gli animalisti ad uscire, altri dal loro posto si sono fatti sentire per invitare i quattro ad andarsene. E i quattro se ne sono andati, ripiegando il lenzuolo e riponendo i telefonini – telecamera. Anzi, inveendo contro il parroco e i presenti hanno accelerato l’uscita, pressati da alcuni fedeli che nel frattempo avevano fatto maturare in rabbia lo sconcerto del fuori programma. E’ partita anche una telefonata ai carabinieri di Pergine, per segnalare l’accaduto e la fuga del “commando” animalista verso la Valsugana.

Quanto a don Dario, ha chiuso l’episodio con una battuta indirizzata ai contestatori (“Speriamo che stasera mangino solo verdure”) e ha archiviato l’omelia intonando il Credo. Inutile dire che la liturgia, da allora in poi, è stata accompagnata da ampi commenti fra i banchi, commenti prolungatisi sul sagrato nel dopo cerimonia, quando tutti hanno concordato sulla provenienza “foresta” dei dimostranti e si è pure vociferato di un precedente, altrettanto clamoroso “blitz” anti doppiette in valle.

In sagrestia, riponendo i paramenti, don Dario è apparso comunque sereno: «Già mi era successo di essere apostrofato come “assassino”», ma lui la passione della caccia non la lascia. A dicembre, alla festa del patrono S.Uberto, i cacciatori mocheni lo hanno ringraziato e premiato per l’impegno nel mondo venatorio e lui, con il fucile del cacciatore, non pensa proprio di trasgredire al quinto comandamento. «Tra l’altro, perché non se la prendono pure con i pescatori?» chiede, un po’ a replicare agli attivisti anti caccia e un po’, forse, a richiamare altri riferimenti evangelici.

di Fausto Da Deppo

http://trentinocorrierealpi.gelocal.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , ,

Category: Curiosità, Trentino Alto Adige

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. franc scrive:

    Il livello di cultura di queste persone (si fa per dire) supera di gran lunga il limite minimo tollerabile.

  2. fabrizio scrive:

    la subcultura animalista e’ una grottesca parodia di religione fondata sull’ adorazione delle bestie e sull’ odio contro il genere umano. peraltro non conoscono affatto le Sacre Scritture, e decontestualizzare un singolo comandamento per attribuirgli un significato del tutto falso, e’ un giochetto molto facile…… e’ chiaro che il comandameto “non uccidere” si riferisce agli altri esseri umani…..non certo alle bestie, le quali anche nella Bibbia come nei Vangeli, SONO CIBO…….  ma per certa gente forse e’ troppo difficile capire questi elementari fatti.

  3. Ferdinando Ratti scrive:

    Amici cacciatori: Agli animalisti anticaccia provate a chiedere se sanno cosè la Densità Biotica massima di una specie, cosè la Densità Agro Forestale massima di un determinato territorio ???, vedrete che non vi sapranno rispondere, al contrario chi è cacciatore che lo sa benissimo. Poi fategli ancora questa semplice domanda, se vi sanno dire qual’è la motivazione che la Rondine specie protetta dal 1929 è in forte diminuizione, mentre lo Stono specie cacciabile fino a pochi anni fà è in forte umento, (oltre che essere dannoso all’agrioltura). Sono certo che anche quì faranno scena muta, sebbene la risposta sia semplce, i cacciatori perchè vivono il territorio le risposte le sanno di certo; A questi signori bisognerebbe incominciare a fare pagare i danni arrecati all’agricoltura dalla selvaggina non cacciabile, vedreste come cambiano subito idea sulla caccia, non che i danni dobbiamo pagarli noi, (perchè e molto facile fare il frocio con il fondosciena altrui) al Don cacciatore; va tutta la stima e solidarietà, mia e quella dei miei associati.

    • Springer scrive:

       Agli animalisti anticaccia provate a chiedere se sanno cosè la Densità Biotica massima di una specie, cosè la Densità Agro Forestale massima di un determinato territorio ???, vedrete che non vi sapranno rispondere, al contrario chi è cacciatore che lo sa benissimo.
      ____________________________________________________________
      Se non hanno frequentato un Corso come Selecontrollori su questo ho seri dubbi… :wink:

      • Renzo scrive:

        Ma Massimo , basta la parola ! Densità Biotica = quanti animalisti sono presenti sul territorio———-Densità Agro Forestale = quanta erba possono mangiare in 24 h . Giusto no ?  :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

      • Giacomo scrive:

        DENSITA’ BIOTICA = S’intende la densità
        di una popolazione considerando tutti i fattori, come la disponibilità alimentare, la presenza di
        zone di svernamento, il disturbo antropico (cioè il disturbo causato dall’uomo) e i rapporti con le
        altre specie presenti, che concorrono a determinare il grado d’idoneità ambientale di un’area.

         

         
        DENSITA’ AGRO-FORESTALE = S’intende la massima densità raggiungibile da una
        popolazione senza che si determinino danni rilevanti a coltivazioni, piantagioni ed altre specie
        animali.
         
        Springerone basta chiederlo, siamo a disposizione !   :wink:    Salutiamo

Leave a Reply


6 + 6 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.