Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Curiosita’: USA, droni vietati per i cacciatori e animalisti

| 27 marzo 2014 | 0 Comments

Andare a caccia con il drone: si vince facile ma è illegale
In Alaska ai cacciatori è proibito usare droni per individuare le prede

Droni proibiti in Alaska, almeno per i cacciatori. Gli amministratori dello stato più a nord degli Stati Uniti hanno infatti proibito l’uso di questi dispositivi, che i cacciatori avevano cominciato a usare per individuare possibili prede.

Si va così ad arginare un problema che poteva diventare una vera e propria seccatura; era emerso nel 2012, quando un alce era stato ucciso da un cacciatore che l’aveva individuata proprio usando un drone. Ecco così la bozza di legge che, salvo modifiche, entrerà in vigore a partire dal prossimo primo luglio.

In ogni caso l’amministrazione di Anchorage sta agendo in modo preventivo, perché l’uso di droni da parte dei cacciatori è tutto fuorché un fenomeno di massa. Le autorità sono tuttavia preoccupate perché i prezzi sono in continua discesa: oggi se ne può trovare uno un kit a circa 1000 dollari, e l’anno prossimo saranno ancora meno. Visto il numero di cacciatori nel freddo nord, si rischia effettivamente di avere cieli troppo affollati da una parte e troppi animali uccisi dall’altra.

Parallelamente, nota Valentina Palladino su The Verge, altrove le associazioni per la difesa degli animali stanno usando i droni proprio per monitorare (spiare) i cacciatori, e anche in questo caso l’attività è stata dichiarata illegale. Lo stato in questione stavolta è l’Illinois, che ha voluto difendere l’attività di pescatori e cacciatori; per la PETA (la più grande associazione per la difesa degli animali) si trattava però di prevenire attività potenzialmente illegali.

In ogni caso è evidente che ovunque nel mondo le amministrazioni locali e i governi nazionali devono affrettarsi a creare una regolamentazione ad hoc per l’uso dei droni, perché presto ce ne saranno in circolazione davvero moltissimi: da quelli per le consegne express a quelli per le investigazioni private, con troppo traffico a bassa quota prima o poi qualcuno potrebbe farsi male.

di Valerio Porcu

http://www.tomshw.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: ,

Category: Curiosità

Leave a Reply


5 + 1 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.