Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Fidc Macerata: Lupo, facciamo chiarezza

| 21 marzo 2014 | 1 Comment

Fidc Macerata: Lupo, facciamo chiarezza

FEDERCACCIAIn merito all’articolo pubblicato sul Resto del Carlino, cronaca di Macerata di Giovedì 13 Marzo “30 lupi nel Parco dei Sibillini, ecco come proteggere il bestiame” dove viene evidenziato nel sottotitolo “Vittime di bracconieri e cacciatori uccisi con lacci per cinghiali o avvelenati” si espone quanto segue. Come Vicepresidente Provinciale Federcaccia di Macerata credo che sia doveroso rimandare al mittente le accuse nei confronti dei cacciatori e, una volta per tutte, chiarire e non confondere la figura del bracconiere con quella del cacciatore. Il primo caccia di frodo, il secondo esercita l’attività venatoria nel rispetto della normativa vigente, che prevede il lupo come specie particolarmente protetta.
Chiarito questo punto essenziale, nel merito dell’articolo si fa riferimento ad una lupa, con un radiocollare, munita di gps, morta su un laccio per cinghiali all’interno del Parco dei Sibillini e a trenta metri, come riportato nell’articolo, un altro laccio con un cinghiale morto. Nel Parco la caccia è vietata, come è vietato l’uso dei lacci per l’attività venatoria, per cui, chi agisce è un bracconiere, ed ancor più grave all’interno di un’area protetta dove la fauna selvatica dovrebbe essere tutelata e salvaguardata in modo ancora più attento attraverso una effettiva vigilanza.
Per quanto riguarda la tutela della specie lupo non si può prescindere da un programma gestionale organico, non improvvisato e frammentato, tenendo in considerazione le esigenze di quanti esercitano attività che entrano in conflitto con le necessità di conservazione della specie ed i processi decisionali dovrebbero essere il più possibile aperti al contributo delle diverse parti sociali. Il mondo venatorio in questo contesto ha un ruolo fondamentale per un percorso condiviso grazie alla sua capillare diffusione ed al forte legame che ha con il territorio stesso.
Il ritorno del lupo è spesso visto nel territorio montano come un fatto negativo e le problematiche sono spesso causa di bracconaggio attraverso lo sparo, lacci o diffusione di bocconi avvelenati. Queste pratiche, condannate senza mezzi termini dal mondo venatorio, sono effettuate nella convinzione di poter risolvere localmente il problema e sono legate ad una sostanziale sfiducia nei confronti delle istituzioni.
Ferma restando la necessità di adottare tutti i metodi più idonei di sorveglianza alle greggi e alle mandrie, gli eventuali danni causati da lupi devono essere pagati subito perchè l’allevatore vive di quel lavoro e non ha “la cassa integrazione” o altri “ammortizzatori sociali”. Da non sottovalutare inoltre il problema del randagismo: infatti molti danni causati al bestiame ed addebitati al lupo in realtà sono provocati da cani randagi e vaganti che accentuano il problema della “ibridazione” del lupo riducendone l’integrità genetica. Occorre prevenire il randagismo coinvolgendo le Asur di competenza in collaborazione con le Guardie Venatorie Volontarie per un controllo capillare sul territorio. Quindi, in definitiva, il lupo deve essere protetto come espressamente previsto dalla normativa vigente ma non si può pensare di conservare la specie senza una seria gestione con interventi sinergici e condivisi.

Il Vicepresidente Provinciale Federcaccia Macerata
Galassi Nazzareno

 

 

***

COME RICEVIAMO E COSI’ PUBBLICHIAMO

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Federcaccia, Lupo, Marche

Comments (1)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Ghibli scrive:

    basta che come in Toscana faccio una denuncia per querela sia al giornalista che al giornale che l’ha pubblicata
     

Leave a Reply


1 + 1 =

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.