Scarica l'opuscolo Sicurezza a Caccia

Confagricoltura al WWF, sull’orso più fatti e meno chiacchiere

| 20 marzo 2014 | 6 Comments

Confagricoltura al WWF, sull’orso più fatti e meno chiacchiere
Il direttore Fabrizi interviene sulla morte di un plantigrado nei monti della Marsica e sul fallimento delle politiche di conservazione della specie

orsoAVEZZANO. Dopo la morte di un’orsa rinvenuta sui monti della Marsica, il WWF aveva accusato l’intero comparto zootecnico della zona quale probabile causa del decesso. Confagricoltura L’Aquila, diretta da Stefano Fabrizi, parla ora di “rinnovo di accuse generiche”.

«Ancora non si conoscono le cause del decesso, ma già si parla di avvelenamento o di patologia infettiva dandone generica e indiscriminata responsabilità agli allevatori» dichiarano da Confagricoltura «magari per nascondere il totale fallimento di politiche di conservazione della specie di cui il WWF è stato anche beneficiario di ingenti risorse pubbliche (programmi Life, ecc.)».

L’associazione di categoria abruzzese ha sempre sostenuto che la gestione del territorio non debba essere ragionata per comparti, ma che sia invece necessario attivare ogni sinergia in grado di eliminare i possibili conflitti insorgenti tra le necessità di tutela e conservazione della fauna particolarmente protetta e le attività zootecniche, che, commenta Fabrizi «non sono le uniche e significative situazioni di disturbo, perché dalla notte dei tempi sono esercitate in quei stessi territori di presenza dell’orso secondo un principio della reciproca convivenza».

«I sacerdoti dell’ambientalismo nostrano» prosegue il direttore «sostenuti dai burocrati ministeriali, professoroni e opinione pubblica, disorientata da un’informazione a senso unico, si garantiscono un posto di lavoro a vita con la caccia sfrenata di fondi europei utilizzati per produrre opuscoli e manuali denigratori di una intera categoria professionale, sottacendo i dati demografici ed epidemiologici della fauna selvatica del parco forse untrice di centinaia di incolpevoli capi bovini, loro sì sottoposti alla profilassi obbligatoria da parte delle autorità veterinarie pubbliche».

«Abbiamo chiesto più volte nel passato» aggiunge Fabrizi «di partecipare ai tavoli tecnici di attuazione del protocollo PATOM, per rapportare in quella sede istituzionale le istanze e le necessità di un comparto agricolo che vuole essere un attore attivo nella gestione del territorio e non subire le decisioni spesso assunte in contesti lontani anche dai nostri valori, dalla nostra storia e dalla nostra cultura, in cambio il silenzio. Le istituzioni chiamate dal WWF a sospendere concessioni di pascoli o ad apporre nuovi divieti hanno norme e regole, valide e stringenti, ma spesso aggirate o non applicate, e nei fatti solo Confagricoltura si è ritrovata a combattere quelle derive di pascolo incontrollato anche a danno degli allevatori locali».

Fabrizi lascia poi un suggerimento al presidente del WWF: meno allarmismi, meno demagogia, più concretezza nella difesa di una specie patrimonio dell’ intera umanità. «Questa volta» conclude «Confagricoltura Abruzzo chiederà l’accesso agli atti per verificare effettivamente la causa di morte dell’orsa, in modo che le accuse, per ora generiche ed indistinte possano essere confermate o meno.

http://www.avezzanoinforma.it

 

 

***

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute.
La redazione del sito www.ilcacciatore.com, non necessariamente avalla il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.
***

 

Tags: , , , ,

Category: Abruzzo, WWF

Comments (6)

Trackback URL | Comments RSS Feed

  1. Springer scrive:

    Speriamo non trovino ” piombo “….altrimenti poveri noi… :(

    • Alessandro Cannas scrive:

      Se trovano del piombo,sarebbe ora che si facessero delle domande del perche’ trovano il piombo!
      Lo sai come la vedo su orsi e lupi…

        • Springer scrive:

          Fiore….sei molto ” anarchico ” ultimamente…… :-D

        • fabio guidi scrive:

          Sì, deve essere la primavera……..
          in ogni caso sono un po’ d’accordo anch’io con Alessandro.
          Gli orsi ci sono sempre stati, ma probabilmente non in questo numero, mentre i lupi
          in certi posti dove non erano mai stati visti ora si incontrano con facilita’.
          Per i primi, se il territorio e’ quello che e’, bisognerebbe contenerne il numero, mentre con i secondi, si e’ voluto tentare di risolvere un problema creandone altri due,
          in ogni caso un approccio completamente sbagliato ………..

  2. fiore scrive:

    Springer,  lo sono sempre stato, non sono per le mezze misure, gl’orsi poi non li sopporto, non c’è più posto per entrambe le specie, intendo uomo e orso ( eppoi non voglio ritrovarmelo a 10 metri quando sono a funghi) quindi eradicare!  il lupo mi è capitato quest’anno la prima volta incontro emozionante anche perchè era solo e appena ho acceso la luce del cell se ne andato ( in ogni caso ero a caccia quindi avevo con cosa difendermi)  per la vecchia storia della becca beh sempre sostenuto quello che ho detto dai primi tempi che commentavo qui diciamo 10 anni fà. 
    Non sono anarchico, non sono ammaestrabile ….

Leave a Reply


+ 3 = 10

oww :wink: :twisted: :roll: :oops: :mrgreen: :lol: :idea: :evil: :cry: :arrow: :?: :-| :-x :-o :-P :-D :-? :) :( :!: 8-O 8) -o- (y) (up) (n) (f) (dw) (:n) (:i) (:-p)


Nota Bene: E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purche' rispettoso della persona e delle altrui opinioni. La redazione si riserva pertanto il diritto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi o che non siano in tema con l'argomento trattato. Inoltre i commenti inviati, con il solo scopo di provocare, offendere o anche semplicemente dileggiare la caccia e i cacciatori, verrano cancellati d'ufficio. E' fatto divieto inoltre divulgare (all'interno dei commenti) email, articoli, etc. senza disporre dell'esplicito consenso dell'autore.


Avviso: LEGGERE ATTENTAMENTE
Ciascun partecipante si assume la piena responsabilita' penale e civile derivante dal contenuto illecito dei propri commenti e da ogni danno che possa essere lamentato da terzi in relazione alla pubblicazione degli stessi. La redazione del sito www.ilcacciatore.com si riserva il diritto di rivelare l'IP dell'autore di un commento e tutte le altre informazioni possedute in caso di richiesta da parte delle autorita' competenti, nell'ambito di indagini od accertamenti di routine o straordinari. La redazione del sito www.ilcacciatore.com non puo' in alcun modo essere ritenuta responsabile per il contenuto dei messaggi inviati dagli utenti e si riserva il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi messaggio sia ritenuto inopportuno o non conforme allo spirito del sito senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo.